IL CLIMA SI E' "RINGRETINITO" - IN SICILIA CI SONO 27 GRADI, IN VENETO TEMPERATURA POLARE A -39,6 - IN GRECIA SI VA IN SPIAGGIA MENTRE LA SPAGNA TOCCA I 15 GRADI SOTTO ZERO. MALTA REGISTRA MASSIME FINO A 29 GRADI, IN TUNISIA IL RECORD E’ DI 34 - L’ITALIA SI PREPARA AL GELO, CON L’ARIA FREDDA DEI BALCANI CHE FARA’ CROLLARE LE TEMPERATURE DI 10 GRADI IN TUTTA LA PENISOLA PRIMA DEL WEEKEND. E GLI AGRICOLTORI PIANGONO…

-

Condividi questo articolo

Valentina Arcovio per "il Messaggero"

 

GRETA TRATTIENE LE PUZZETTE PER NON EMETTERE CO2 GRETA TRATTIENE LE PUZZETTE PER NON EMETTERE CO2

In Sicilia sbocciano le mimose e in Veneto si ghiaccia. Nel palermitano e nel messinese tirrenico si sono toccate punte di 27° C, quando invece a Dolina di Campoluzzo, sull' Altopiano di Asiago le temperature sono precipitare a -39,6° C, un record! È un meteo pazzo quello di questi giorni. È come se avesse spaccato in due l' Italia. Tra Sicilia e Piemonte si è registrato un netto divario termico, che è arrivato a superare anche i 20°C. Ma non è solo l' Italia a vivere una situazione meteorologica così strana.

 

Anche in Europa si registrano estremi davvero impressionati: in Grecia un' ondata di caldo così insolito ha portato a temperature sopra i 20° C, mentre la Spagna imbiancata dalla neve è scesa a quota 15° C sotto lo zero. Nel Sud di Creta, con una temperatura di 28,3 gradi a mezzogiorno, la più alta a gennaio da 50 anni, sembrava di essere in piena stagione estiva; mentre a Madrid, con piazze e viali piene di neve, le scuole sono state addirittura chiuse per il maltempo. Il caldo fuori stagione ha inoltre fatto superare alcuni record per gennaio a Malta con massime fino a 29°C e in Tunisia dove il termometro ha toccato quota +34°C.

lana rhoades neve lana rhoades neve

 

SITUAZIONI PARADOSSALI

Situazioni paradossali, queste, che sono molto evidenti nel nostro paese. Il Nord Italia è ancora alle prese con freddo polare. Gelo in Veneto e Alto Adige. A Trieste, ieri mattina, la bora ha soffiato fino a quasi 100 chilometri orari. Sulle Alpi del Friuli Venezia Giulia è stato segnalato un pericolo valanghe marcato fino a domani. In Sicilia tutto un altro meteo, quasi surreale. Nel mezzo un' Italia molto dinamica che però si prepara all' arrivo delle classiche perturbazioni invernali. Da ieri è già allerta gialla in 7 regioni: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Molise, Puglia e Umbria.

 

Si prevedono pioggia e neve al Centro-Sud; pioggia e neve sulla Sardegna; e codice giallo per ghiaccio in Toscana. Sul resto d' Italia ci saranno ampie schiarite ma un drastico calo delle temperature, soprattutto la notte quando si scenderà a -5/-6°C sulla Pianura Padana. Sottozero Roma, Firenze e Perugia. Ma per la Capitale ci sarebbero pochissime possibilità che la neve faccia capolino. E sarà così almeno fino al 20 gennaio prossimo.

 

INTENSE GELATE

greta thunberg 2 greta thunberg 2

Farà freddo, certo. E pure tanto. In tutto il Lazio le temperature, specialmente le massime, infatti subiranno nei prossimi giorni un ulteriore calo fino ad attestarsi intorno allo zero di notte o al mattino presto, con intense gelate. Le previsioni sono piuttosto chiare: oggi, domani e dopodomani il cielo resterà sereno, senza fenomeni di rilievo, poi a partire dal 15 e il 16 e 17 gennaio ci sarà un' ondata di aria fredda proveniente dai Balcani, che arriverà a lambire anche il Lazio e le regioni tirreniche, superando gli Appennini.

 

neve a milano 2020 neve a milano 2020

Secondo il colonnello Mario Giuliacci, l' aria fredda, sospinta dal vento di Bora, ci farà percepire temperature ancora più rigide di quelle che realmente segneranno i termometri. È anche allerta gialla intorno a Bologna: le temperature dovrebbero scendere fino a 12 gradi sotto lo zero sulle montagne e sulle colline del Parmigiano, del Reggiano, del Modenese e del Piacentino. Poco prima del prossimo weekend, le previsioni annunciano un nuovo calo delle temperature con 10 gradi in meno in tutta l' Italia.

 

IN PIANURA

Prevista neve sui 200-300 metri sull' Appennino centrale e in tendenza anche su quello meridionale. Non si esclude qualche spruzzata di neve anche in pianura o lungo le coste adriatiche. Altrove non avremo fenomeni, ma un marcato calo delle temperature ad iniziare dalle regioni settentrionali, con forti venti tra Nord e Nord-est. Il momento più freddo è atteso nella notte tra domenica 17 e lunedì 18 gennaio.

INVERNO CALDO INVERNO CALDO

 

Come ogni inverno, sono forti le preoccupazioni per l'agricoltura: il maltempo purtroppo porta con se danni soprattutto nelle zone rurali e agricole. La Cia-Agricoltori Italiani che sta monitorando la situazione stima una perdita di svariati milioni di euro, e ricorda al Governo l' urgenza di un Piano nazionale di manutenzione del territorio con programmi che possano trovare spazio nel Recovery Fund. Il 19 gennaio l'ondata di aria fredda si sposterà poi al Sud, con una risalita delle temperature nel Lazio e nelle regioni centrali.

greta thunberg enrico giovannini greta thunberg enrico giovannini

Ma sarà solo un brevissimo periodo di tregua dal gelo invernale. Si intravedono infatti nuove ondate di freddo. Del resto siamo solo all' inizio dell' inverno. La prossima ondata di freddo è prevista per il 23.

la bio di greta dopo il tweet di trump la bio di greta dopo il tweet di trump julia mancuso getta il figlio sonny nella neve julia mancuso getta il figlio sonny nella neve neve a milano 8 neve a milano 8 greta thunberg by osho greta thunberg by osho

 

Condividi questo articolo

media e tv

CHRISTIAN RACCONTA VITTORIO DE SICA – “IL GIORNO DEL SUO FUNERALE AL VERANO C’ERA UNA “BUZZICONA”. SI È GIRATA E AVEVA LA MIA FACCIA. MI DISSE CHE ERA LA FIGLIA DI INES, LA SARTA DI MIO PADRE. CHIESI SPIEGAZIONI A MIA MADRE: “E QUESTA CHI È?”. E LEI MI DISSE…” - E POI QUEL “VECCHIO SCEMO” DI CHARLIE CHAPLIN, IL FILM DI ANDY WARHOL E QUEI “QUATTRO FROCI AMERICANI” – ROSSELLINI MI DISSE: “MEGLIO CHE CONTINUI A STUDIARE. FARE L’ATTORE È UN MESTIERE DA FANNULLONE” – LO SHOW DA FAZIO – VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute