COLPO D’IRENE - IL GIP DI MILANO NON HA CONVALIDATO IL SEQUESTRO PREVENTIVO DI 4 MILIONI DI EURO A IRENE PIVETTI E A UN SUO CONSULENTE, INDAGATI PER RICICLAGGIO E FRODE FISCALE SU UNA SERIE DI OPERAZIONI COMMERCIALI, TRA CUI LA COMPRAVENDITA DI 3 FERRARI GRAN TURISMO - IL GIUDICE NON AVREBBE CONDIVISO L’IMPOSTAZIONE GIURIDICA DELLA PROCURA, RITENENDO CHE IL REATO PRESUPPOSTO AI FATTI CONTESTATI DEBBA AVERE UNA DIVERSA QUALIFICAZIONE…

-

Condividi questo articolo


Da www.corriere.it

irene pivetti irene pivetti

 

Il gip di Milano Giusy Barbara non ha convalidato il sequestro preventivo di 4 milioni di euro effettuato nei giorni scorsi a carico dell’ex presidente della Camera Irene Pivetti e di un suo consulente, tra gli indagati per riciclaggio, autoriciclaggio e frode fiscale in un’inchiesta della Procura di Milano su una serie di operazioni commerciali, in particolare la compravendita di 3 Ferrari Gran Turismo, che sarebbero servite per riciclare proventi di un’evasione fiscale. Contestualmente il giudice ha disposto la restituzione delle somme poste sotto sigilli dalla Guardia di Finanza.

 

una delle ferrari sequestrate a irene pivetti una delle ferrari sequestrate a irene pivetti

Il sequestro preventivo d’urgenza risale allo scorso 18 novembre ed è stato eseguito contestualmente all’avviso di chiusura delle indagini nei confronti di Irene Pivetti e altre sei persone, ossia il consulente Pier Domenico Peirone, il pilota di rally ed ex campione di Gran Turismo Leonardo «Leo» Isolani, la moglie Manuela Mascoli, la figlia di lei Giorgia Giovannelli, il notaio Francesco Maria Trapani e un altro imprenditore.

 

una delle ferrari sequestrate a irene pivetti 2 una delle ferrari sequestrate a irene pivetti 2

L’importo che il pm aveva bloccato e che ora è stato restituito è di 3 milioni e mezzo riconducibili a Irene Pivetti e 500 mila euro al suo consulente. Da quanto si sa il gip non ha convalidato in quanto non avrebbe condiviso l’impostazione giuridica della Procura, ritenendo che il reato presupposto ai fatti contestati debba avere una diversa qualificazione.

 

L’avvocato Filippo Cocco, che difende l’ex presidente della Camera, ha commentato: «Non cambia il nostro atteggiamento. Leggeremo le carte ci presenteremo davanti al pm per essere ascoltati».

irene pivetti irene pivetti irene pivetti irene pivetti una delle ferrari sequestrate a irene pivetti una delle ferrari sequestrate a irene pivetti

 

Condividi questo articolo

media e tv

VI PIACE ESSER LEGATI, SCULACCIARE, FAR DA ZERBINI UMANI O DA CANE AL GUINZAGLIO? – QUALUNQUE SIA IL VOSTRO FETICISMO, NON VERGOGNATEVI: E’ TUTTO LECITO – MA ATTENZIONE: NON ESISTE PRATICA KINKY SENZA MINIMA DOSE DI RISCHIO, E NON DATE MAI PER SCONTATO NIENTE: PATTI SIANO CHIARI PRIMA DI COMINCIARE, E DIFFIDATE DI COMPAGNI DI GIOCO CHE DICONO “PUOI FARE DI ME QUELLO CHE VUOI” O “NON SO I MIEI LIMITI, DEVI ESSERE TU A SCOPRIRLI”: SONO SOLO PORCELLINI DEL "FAMOLO STRANO" MA NULLA SANNO DI BONDAGE E FETISH – LA RECENSIONE DI BARBARA COSTA AL LIBRO “BE KINKY” DI ANDREA FAROLFI

politica

ORA D’ARIA? ORA D’AMORE! - ANCHE I DETENUTI HANNO BISOGNO DI SCOPARE! IL GOVERNO NON RIMANE INDIFFERENTE E STANZIA 28,3 MILIONI DI EURO PER LE “RELAZIONI AFFETTIVE DEI CARCERATI” (ORA SI CHIAMANO COSÌ). IL FINANZIAMENTO SERVIRÀ PER METTERE UN PREFABBRICATO IN UNA CASA CIRCONDARIALE DI OGNI REGIONE: VENTI “CASETTE DELL’AMORE” DOVE I DETENUTI SARANNO LIBERI DI SFOGARE I PROPRI ISTINTI CON LA PROPRIA CONSORTE O AMANTE (ANCHE OCCASIONALE). INSOMMA, UNA SPECIE DI CASINO LEGALIZZATO…

business

SI METTE MALE PER XI JINPING: L’ECONOMIA CINESE DÀ SEGNALI MOLTO PREOCCUPANTI, PROPRIO ALLA VIGILIA DEL CONGRESSO CHE DOVREBBE DARGLI IL TERZO MANDATO. MA È COLPA SUA: INSISTE CON LA STRATEGIA DELLO “ZERO COVID” BLOCCANDO I RIFORNIMENTI A MEZZO MONDO E FACENDO CROLLARE LE VENDITE AL DETTAGLIO - SOLO CHE GLI INVESTITORI STRANIERI  NON SONO FESSI E SCAPPANO: SOLO AD APRILE, CI SONO STATE CESSIONI PER 16 MILIARDI DI DOLLARI DI DEBITO CINESE, E GLI INVESTIMENTI ESTERI DIRETTI SONO COLATI A PICCO

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute