COM’È MORTO DAVVERO ANDREA PURGATORI? – I RISULTATI DEGLI ACCERTAMENTI DEI MEDICI LEGALI SUL CORPO DEL GIORNALISTA, SCOMPARSO IL 18 LUGLIO: NEL SUO CERVELLO NON C’ERANO LE METASTASI CHE GLI ERANO STATE DIAGNOSTICATE DAI MEDICI DELLA CLINICA PIO XI. COSA È SUCCESSO? I CASI SONO DUE: O LA RADIOTERAPIA HA FUNZIONATO IN TEMPI RECORD, OPPURE I MEDICI SI SONO SBAGLIATI, COME SOSPETTANO I FAMILIARI DI ANDREA. LE CURE TROPPO FORTI HANNO CONTRIBUITO AL DECESSO, LA CUI CAUSA UFFICIALE È UNA COAGULOPATIA LEGATA AL TUMORE AL POLMONE? SI POTEVA SALVARE?

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Andrea Ossino per www.repubblica.it

 

ANDREA PURGATORI ANDREA PURGATORI

Gli accertamenti dei medici legali sono terminati: nel cervello di Andrea Purgatori non sono state rinvenute metastasi. È questo l’esito dell’esame istologico disposto dalla procura di Roma per accertare le cause della morte del giornalista scomparso lo scorso 19 luglio dopo un calvario ospedaliero durato per quattro mesi.

 

Da appurare ancora come mai i dottor Luigi Tonino Marsella, Alessandro Mauriello e Michele Treglia non abbiano rinvenuto ciò che il collega Gianfranco Gualdi e il suo collaboratore, Claudio Di Biasi, avevano diagnosticato al gigante del giornalismo italiano, quando si era affidato alle loro cure.

 

GIANFRANCO GUALDI GIANFRANCO GUALDI

I casi sono due: o la radioterapia disposta dai dottori della clinica Pio XI […] ha avuto effetti estremamente positivi, a tal punto da far scomparire le metastasi, o Gualdi e Di Biasi si sono sbagliati. È in questa seconda ipotesi che risiede il sospetto dei familiari di Purgatori, […], che hanno denunciato i fatti alla procura di Roma. Nel fascicolo […] i nomi di Gualdi e Di Biasi figurano nel registro degli indagati. […]

 

Difficile affermare cosa tutto ciò possa comportare da un punto di vista giuridico. Gli indagati […] devono infatti rispondere di una colpa medica. In pratica occorre capire se abbiano o meno curato al meglio delle possibilità Andrea Purgatori o se per imperizia e negligenza abbiano potuto contribuire alla sua morte.

 

ANDREA PURGATORI - GREENPEACE ANDREA PURGATORI - GREENPEACE

Le cause del decesso tuttavia sono già state accertate. E non dipendono dalle metastasi ma da una coagulopatia dovuta al tumore primitivo al polmone. Inoltre il responso degli ultimi esami clinici afferma che non sono state rilevate sofferenze al cervello. Quindi sembrerebbe che la radio non abbia influito sulle condizioni cerebrali del giornalista.

 

La certezza al momento è una sola: gli esami clinici recenti dimostrano che le metastasi al cervello non ci sono. Sul perché si apre adesso il nuovo capitolo dell’indagine.

andrea purgatori foto di bacco (2) andrea purgatori foto di bacco (2) ANDREA PURGATORI ANDREA PURGATORI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…