COSA NERA – IL TRIBUNALE DI CATANIA HA CONDANNATO A SEI ANNI DI RECLUSIONE IL 32ENNE NIGERIANO BENEDICT JOHN: L’ACCUSA È ASSOCIAZIONE MAFIOSA AGGRAVATA DALL’USO DELLE ARMI E DELL’ESSERE TRANSNAZIONALE. L’UOMO ERA TRA I 28 FERMATI, NEL 2020, NELL’INCHIESTA DELLA DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA CONTRO LA CONFRATERNITA CULTISTA DEI “MAPHITE”…

-

Condividi questo articolo


MAFIA NIGERIANA MAFIA NIGERIANA

(ANSA) - La prima sezione penale del Tribunale di Catania, presieduta da Grazia Anna Caserta, ha condannato a sei anni di reclusione per associazione mafiosa aggravata dall'uso dell'armi e dall'essere transnazionale il nigeriano Benedict John, di 32 anni.

 

L'uomo era tra i 28 fermati, il 25 luglio del 2020, dalla squadra mobile di Catania nell'ambito di un'inchiesta della Direzione distrettuale antimafia etnea contro una confraternita cultista dei "Maphite", un'organizzazione criminale transnazionale con sede in Nigeria e basi nei Paesi europei e in diverse regioni italiane. Con l'operazione la Dda ritenne di avere decapitato la cellula operativa siciliana "Family light house of Sicily".

MAFIA NIGERIANA 2 MAFIA NIGERIANA 2

 

La maggior parte degli indagati ha fatto accesso al rito abbreviato, mentre John, assistito dall'avvocato Gianni Cavallaro, e un altro imputato, hanno scelto il rito ordinario. Il gip di Catania aveva separato le due posizioni inviandole una a Palermo e l'altra a Messina per incompetenza. Il gip della Città dello Stretto, dove è approdato il caso di John, ha sollevato la questione territoriale alla Cassazione, che ha rimandato il fascicolo a Catania. L'inchiesta era nata dalle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia che apparteneva a un'altra associazione, "The Supreme eiye confraternity".

 

mafia nigeriana 19 mafia nigeriana 19

Le indagini, durate poco più di un anno, coordinate dalla procura distrettuale etnea e condotte dalla squadra mobile si sono avvalse delle intercettazioni telefoniche su un centinaio di utenze. Grazie alla collaborazione di interpreti esperti si è ricostruita l'organizzazione mafiosa fortemente gerarchica che consentiva l'ingresso solo dopo un rito di affiliazione. Le riunioni segrete erano proseguite anche nel periodo del lockdown durante l'emergenza Covid.

 

mafia nigeriana mafia nigeriana

L'organizzazione che si era radicata in Sicilia nel 2016 poteva contare su ramificazioni di altri affiliati in diverse parti d'Europa. L'articolazione siciliana dei "Maphiste" non risultava tuttavia presente solo a Catania, ma in diverse zone della Regione, precisamente a Caltanissetta, Palermo e Messina.

MAFIA NIGERIANA 69 MAFIA NIGERIANA 69 mafia nigeriana mafia nigeriana mafia nigeriana mafia nigeriana arresti mafia nigeriana a palermo arresti mafia nigeriana a palermo mafia nigeriana mafia nigeriana

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA