CRONACHE ITALIANE - IN PROVINCIA DI SALERNO UNA 61ENNE FA FINTA DI ESSERE ANALFABETA PER NON PAGARE L'INGIUNZIONE DI 2409 EURO - AL MESSO CHE SI È PRESENTATO A CASA SUA CHIEDENDOLE UNA FIRMETTA SULLA CONSEGNA, LA DONNA HA RISPOSTO: “MI SPIACE MA NON SO LEGGERE E NON SO SCRIVERE, PERCIÒ SCUSATEMI, MA NON POSSO FIRMARE NIENTE...” - IL MESSO LE HA CREDUTO, IL GIUDICE NO. E ORA…

-

Condividi questo articolo

Da “il Giornale”

 

MESSO NOTIFICATORE MESSO NOTIFICATORE

«Mi spiace ma non so leggere e non so scrivere, perciò scusatemi, ma non posso firmare niente...». Con questa scusa A.G., 61 anni, di Pagani, provincia di Salerno, ha cercato di sottrarsi a un' ingiunzione di pagamento di 2409 euro. Al messo che si è presentato a casa sua chiedendole una firmetta sulla consegna ha risposto: «Non sono dottoressa, non sono laureata. Anzi, sono analfabeta. A stento riesco a firmare».

 

Il messo, beata ingenuità, le ha creduto, il giudice no. Così la donna è stata denunciata alla Procura di Nocera Inferiore per false dichiarazioni a pubblico ufficiale e ora dovrà andare sotto processo. Dopo i falsi invalidi ecco i falsi analfabeti. Pensare invece che una marea di analfabeti funzionali (veri...) scrive oggi giorno tonnellate di post sui social. Senza pagare nemmeno una multa.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

TOH, GUALTIERI E FRANCESCHINI FINALMENTE HANNO CAPITO CHE IL CONTE CASALINO, DOPO AVER INFINOCCHIATO QUELLO SPROVVEDUTO DI DI MAIO, RESPONSABILE DI AVERLO PORTATO A PALAZZO CHIGI ALL’EPOCA DI SALVINI, HA PRESO PER IL CULO ANCHE IL PD, INCIUCIANDO CON L’INETTO ZINGARETTI – MA, AL DI LÀ DEL MES (I 5STELLE ALLA FINE DIRANNO DI SÌ) I NODI RISCHIANO DI VENIRE PRESTO AL PETTINE PER IL CONTE DELLA VASELINA: COME AFFRONTARE AD ESEMPIO IL DRAMMA DELLA CASSA INTEGRAZIONE, CHE SCADE A SETTEMBRE? I SOLDI SONO FINITI E UNA MONTAGNA DI DISOCCUPATI CHE RISCHIA DI TRAVOLGERE TUTTO E TUTTI

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO DELL'ITALIA MORENTE – DOPO AVER PERSO IL BIGLIETTO DELLA LOTTERIA PER MANIFESTA ARROGANZA, NON AVENDO PIU' UNA CAZZO DI QUERELA DA FARE, RENZI SCRIVE (SI FA PER DIRE) UN LIBRO DI FOSFORESCENTE INUTILITA' E LO PRESENTA PURE ALLA GALLERIA BORGHESE – TRA UN TRULLALERO E UN TRALLALA', TRA LA BOSCHI CAMUFFATA DA PRATO E NOBILI CON LA MASCHERINA DELLA ROMA, IL SENATORE SEMPLICIOTTO DI RIGNANO HA SPARATO UN PAIO DI CAZZATE: “QUELLA DI DAVIGO È UNA BESTIALITÀ GIURIDICA. AUTOSTRADE? SI È FATTO PRIMA A FARE IL PONTE CHE A FARE LA REVOCA. SI VOTA NEL 2023, ALLORA MEGLIO METTERE MANO ALLE REGOLE” (INSOMMA, PER RIMANDARLO A GIOCARE A FLIPPER, TOCCA ASPETTARE TRE ANNI. 'NA TRAGEDIA) – VIDEO

viaggi

salute