CRONACHE ITALIANE - IN PROVINCIA DI SALERNO UNA 61ENNE FA FINTA DI ESSERE ANALFABETA PER NON PAGARE L'INGIUNZIONE DI 2409 EURO - AL MESSO CHE SI È PRESENTATO A CASA SUA CHIEDENDOLE UNA FIRMETTA SULLA CONSEGNA, LA DONNA HA RISPOSTO: “MI SPIACE MA NON SO LEGGERE E NON SO SCRIVERE, PERCIÒ SCUSATEMI, MA NON POSSO FIRMARE NIENTE...” - IL MESSO LE HA CREDUTO, IL GIUDICE NO. E ORA…

-

Condividi questo articolo

Da “il Giornale”

 

MESSO NOTIFICATORE MESSO NOTIFICATORE

«Mi spiace ma non so leggere e non so scrivere, perciò scusatemi, ma non posso firmare niente...». Con questa scusa A.G., 61 anni, di Pagani, provincia di Salerno, ha cercato di sottrarsi a un' ingiunzione di pagamento di 2409 euro. Al messo che si è presentato a casa sua chiedendole una firmetta sulla consegna ha risposto: «Non sono dottoressa, non sono laureata. Anzi, sono analfabeta. A stento riesco a firmare».

 

Il messo, beata ingenuità, le ha creduto, il giudice no. Così la donna è stata denunciata alla Procura di Nocera Inferiore per false dichiarazioni a pubblico ufficiale e ora dovrà andare sotto processo. Dopo i falsi invalidi ecco i falsi analfabeti. Pensare invece che una marea di analfabeti funzionali (veri...) scrive oggi giorno tonnellate di post sui social. Senza pagare nemmeno una multa.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."