ECCO PERCHE' GLI UOMINI VANNO A TRANS - LA SESSUOLOGA ROSAMARIA SPINA: “NON SONO OMOSESSUALI LATENTI, MA VENGONO ATTRATTI DA CARATTERISTICHE SPECIFICHE. IL MERCATO DELLA PROSTITUZIONE TRANSESSUALE NON CONOSCE CRISI E RIGUARDA ANCHE GIOVANI E GIOVANISSIMI”

-

Condividi questo articolo


Da www.radiocusanocampus.it

 

LA TRANS E IL RAGAZZO LA TRANS E IL RAGAZZO

La sessuologa Rosamaria Spina è intervenuta ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano.

 

Rosamaria Spina, sessuologa, ha risposto a un quesito. Perché gli uomini vanno a trasn? La dottoressa è stata chiara: "Quello legato alla prostituzione transessuale è un mercato che non conosce crisi, in Italia e nel resto del mondo. Dietro c'è un fenomeno complesso, che riguarda diversi aspetti. Culturali, sociali e sessuali. Gli uomini attratti dai trans vengono definiti ginandromorfofili. Il fenomeno è particolarmente esteso e complesso.

 

BACIO TRANS BACIO TRANS

Dietro questa ricerca si nascondono diverse ragioni. In genere il pregiudizio più diffuso porta a pensare che si tratti di omosessuali latenti. In realtà questi rappresentano una percentuale minima tra gli uomini che vanno a trans. La maggior parte, infatti, sono uomini eterosessuali che cercano di provare una esperienza diversa. A volte può esserci la bisessualità, ma dai dati che abbiamo a disposizione sembra che la maggior parte degli uomini si rivolgono alle trans siano a tutti gli effetti eterosessualità.

 

LA TRANS E IL RAGAZZO LA TRANS E IL RAGAZZO

Sono attratti dalle caratteristiche di iperfemminilità che i transessuali hanno. Le labbra particolarmente pronunciate, il seno rifatto, il trucco a volte eccessivo. Il tutto va inserito in un contesto di curiosità, voglia di trasgredire e gioco di ruoli. L'uomo che si rivolge alla trans alla fine sperimenta un gioco sessuale molto più libero di quello che avviene in altri tipi di coppia e in altri tipi di situazioni".

 

La sessuologa Rosamaria Spina prosegue: "Viene smentita l'idea dell'uomo omosessuale latente che si rivolge alla trans.  L'uomo nella trans cerca una donna, anche se lei è imprigionata in un corpo da uomo. L'uomo che si rivolge alla trans donna non lo fa solo ed esclusivamente per la presenza degli attributi maschili, ma perché lei incarna una donna a tutti gli effetti.

 

LA TRANS E IL RAGAZZO LA TRANS E IL RAGAZZO

Le caratteristiche che in primis attraggono gli uomini sono le labbra rifatte, il seno rifatto, aspetti di questo tipo. I dati dicono che anche molti giovani e giovanissimi hanno voglia e curiosità di provare questa esperienza. Alcuni continuano nel corso della vita, altri provano una volta soltanto e poi finisce lì. Si tolgono la curiosità".

UOMO SEDOTTO DA UNA TRANS UOMO SEDOTTO DA UNA TRANS UOMO SEDOTTO DA UNA TRANS UOMO SEDOTTO DA UNA TRANS UOMO SEDOTTO DA UNA TRANS UOMO SEDOTTO DA UNA TRANS UOMO SEDOTTO DA UNA TRANS UOMO SEDOTTO DA UNA TRANS

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

FARSA ITALIA – NON SAREBBE GIUNTA L’ORA DI FINIRLA CON LA MEGACAZZATA DI BERLUSCONI-QUIRINALE? E’ RISAPUTO DA TUTTI CHE E’ STATO CONDANNATO IN VIA DEFINITIVA SCONTANDO LA PENA AI SERVIZI SOCIALI E HA UN PROCESSO IN CORSO, RUBY-TER, CON OLGETTINE SCATENATE – QUALCHE ANIMA PIA SALVI IL BANANA SBUCCIATO, OSTAGGIO DI LICIA RONZULLI, DA FIGURE DI MERDA: QUANDO A BRUXELLES HA DETTO “GARANTISCO IO PER MELONI E SALVINI”, IL PRESIDENTE DEL PPE WEBER GLI HA RISO IN FACCIA: “GARANTISCI CHI? QUELLI CHE STANNO CON VOX E LE PEN E VOTANO PER IL MURO ANTI-MIGRANTI DEI POLACCHI?”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI! – OGGI 3.882 NUOVI CASI E 39 DECESSI, CON 487.218 TAMPONI EFFETTUATI E IL TASSO DI POSITIVITÀ CHE RIMANE STABILE ALLO 0,8% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 88,3 MILIONI, CON PIÙ DI 44,2 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO COMPLETATO IL CICLO VACCINALE (81,84% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – BRUSAFERRO DELL’ISS: “IN ITALIA NON C'È UNA RISALITA DELLA POSITIVITÀ COME IN ALTRI PAESI UE. LA MORTALITÀ MOSTRA UN LIEVE AUMENTO ANCHE SE SI PARLA DI NUMERI LIMITATI”