FARINETTI E FURBETTI – ALL’EXPO SPUNTA LA FARINETTI-TAX: LE AZIENDE CHE VOGLIONO ESPORRE I LORO PRODOTTI DEVONO PAGARE 750 EURO AL PATRON DI EATALY – MA LUI QUANTO HA PAGATO PER I DUE PADIGLIONI AVUTI SENZA GARA?

A raccogliere le richieste ci penseranno le varie camere di commercio regionali. E con tanti saluti alla sbandierata “eccellenza del made in Italy” non ci sarà alcuna selezione all’ingresso: basta pagare. A Farinetti…

Condividi questo articolo


Gianni Barbacetto per il “Fatto Quotidiano

OSCARI FARINETTI OSCARI FARINETTI

 

Non solo chef. Oscar Farinetti, patron di Eataly e grande amico del presidente del Consiglio Matteo Renzi, non coordina soltanto i cuochi e i ristoranti regionali di Expo, ma anche le Camere di commercio italiane: per far partecipare all’evento – a pagamento – le aziende che vogliono esporre i loro prodotti.

 

Per avere uno spazio nei due megapadiglioni di Farinetti, bisognerà versargli 750 euro più iva. È l’ultima novità di un’esposizione universale che, oltre ai ritardi, mette in mostra anche stravaganti procedure in cui un privato si fa pagare per concedere uno spazio pubblico.

 

Sapevamo già che i due padiglioni Eataly, ottenuti da Farinetti senza gara, sarebbero stati “il più grande ristorante che mente (e pancia) umana abbia mai pensato”, come annunciato dal suo stesso coordinatore: 8 mila metri quadrati in cui nei sei mesi di Expo funzioneranno 20 ristoranti, uno per regione, gestiti a turno, un mese ciascuno, da 120 ristoratori italiani scelti a insindacabile giudizio di Farinetti, che per questo suo ruolo di giudice da Masterchef si terrà il 25 per cento degli incassi.

 

Sapevamo anche – ne ha scritto Ferruccio Sansa sul Fatto quotidiano – che il presidente della Liguria Claudio Burlando ha invitato le Camere di commercio della sua regione a indirizzare le aziende locali ai padiglioni Eataly per promuovere i prodotti alimentari tipici, l’ olio, il pesto, la focaccia, il pesce...

OSCARI FARINETTI OSCARI FARINETTI

 

ORA SAPPIAMO  che l’ operazione “ prodotti tipici”  è nazionale. Farinetti farà da supervisore nella scelta delle aziende che vorranno presentare le loro specialità all’esposizione universale. L’ operazione è gestita dalle Camere di commercio delle diverse regioni, che in questi giorni stanno completando le loro liste di aziende. Come avviene la scelta? Il Fatto quotidiano  lo ha potuto ricostruire attraverso i documenti della Camera di commercio di una regione del sud Italia.

 

Questa comunica a tutte le aziende associate che potranno partecipare a Expo 2015, “ nell’ ambito di una collaborazione attivata con Eataly, con l’ obiettivo di esporre e valorizzare le produzioni agroalimentari locali, “sotto l’egida di un brand  di straordinario successo”. È Eataly di Farinetti, naturalmente.

 

Oscar Farinetti Oscar Farinetti

Le aziende potranno partecipare a rotazione, due giorni ciascuna. Ogni spazio regionale sarà di 100 metri quadrati, diviso in due aree: la prima sarà una “vetrina espositiva” dedicata alle aziende, “attrezzata con desk espositivo personalizzato, servizi d’accoglienza, pulizia e fornitura di tovagliati e stoviglie”; la seconda sarà invece una zona “lounge, destinata a eventi, degustazioni, presentazioni di prodotti a giornalisti e operatori commerciali, anche di tipo personalizzato da concordare con Eataly”.

 

LA SELEZIONE di qualità, in realtà, non esiste: chi paga può arrivare a esporre la sua mercanzia. Scrive infatti la Camera di commercio: “Il costo di partecipazione all’evento, pari a euro 750 più iva, dovrà essere versato direttamente a Eataly”. Le Camere di commercio si limiteranno a fare una divisione per settori dei posti a disposizione, “per assicurare un’equilibrata rappresentanza dei vari comparti produttivi”: così, per esempio, saranno accettate, zona per zona, tot aziende produttrici di dolci, tot di olio, tot di vini e distillati, tot di latticini e salumi eccetera.

lavori expo a 2 settimane dall inizio 9 lavori expo a 2 settimane dall inizio 9

 

 All’interno di questa griglia, chi paga espone. La graduatoria sarà compilata “per ogni comparto in base al rigoroso ordine cronologico delle manifestazioni d’interesse pervenute attraverso Pec, posta elettronica certificata”. Ecco dunque il “sistema Farinetti” per Expo 2015: un soggetto privato, per di più scelto senza gara, incasserà soldi dalle aziende, per mettere loro a disposizione spazi pubblici, come sono quelli di Expo.

lavori expo a 2 settimane dall inizio 7 lavori expo a 2 settimane dall inizio 7

 

Condividi questo articolo

media e tv

A LUME DI CANDELA - GIORGIA MELONI HA CHIESTO A FUORTES DI RIEQUILIBRARE LA RAI E NUOVI INNESTI: PER IL RUOLO DI DIRETTORE GENERALE CIRCOLA IL NOME DI ROBERTO SERGIO - ARRIVA LA SERIE TV CON LA FAMIGLIA CARRISI - ILARIA D'AMICO HA CONTRATTO BIENNALE BLINDATO CON LA RAI - MORGAN E ASIA ARGENTO INSIEME IN TV - PAURA A MATTINO 5: INCENDIO DIETRO LE QUINTE - TOMMASO ZORZI NON HA PIU’ IL TOCCO MAGICO: FA FLOP SU DISCOVERY CON DUE PROGRAMMI CANCELLATI E UN ALTRO A RISCHIO - SONIA GREY SI INTERROGA SU INSTAGRAM: DAL SEXTING ALLE DIMENSIONI DEL PENE - CONTINUA A SLITTARE IL PROGRAMMA “NON SONO UNA SIGNORA”, IL DRAG SHOW CONDOTTO DA ALBA PARIETTI DESTINATO AL PRIME TIME DI RAI2. PERCHE'?  

politica

business

cronache

sport

DOPO AVER SCASSATO IL BILANCIO DELLA JUVE, CR7 PUO’ DARE LA MAZZATA DEFINITIVA A AGNELLI - RONALDO È PRONTO A PRESENTARE LA “CARTA SEGRETA” IN PROCURA. IL PORTOGHESE È STATO RICONOSCIUTO DAI SINDACI COME “CREDITORE” DI 20 MILIONI DI EURO. LA SUA RICHIESTA DI ACCESSO AGLI ATTI È STATA RESPINTA PERCHÉ "GENERICA". MA PER GLI INQUIRENTI LUI HA IL DOCUMENTO – LA SOCIETA’ DI REVISIONE DELOITTE: "NEI BILANCI MANCANO I DEBITI" – I RISCHI DI “SANZIONI, ESCLUSIONE O LIMITAZIONE ALL'ACCESSO ALLE COMPETIZIONI” PER LE CONTROVERSIE CON LA UEFA…

cafonal

viaggi

salute

“ENTRO FINE ANNO AVREMO 10 MILIONI DI ITALIANI A LETTO CON L'INFLUENZA” - IL VIROLOGO FABRIZIO PREGLIASCO: “NEGLI ULTIMI ANNI DI VIRUS NE È CIRCOLATO POCO PER VIA DI MASCHERINE E DISTANZIAMENTO E PER QUESTO ABBIAMO UNA QUOTA MAGGIORE DI POPOLAZIONE PREDISPOSTA AL CONTAGIO - GLI ANTIBIOTICI NON VANNO MAI PRESI, NEMMENO A SCOPO PROTETTIVO PER I PIÙ ANZIANI, COME QUALCHE VOLTA ERRONEAMENTE SENTO DIRE. UNICA ECCEZIONE LA FANNO LE PERSONE CHE SOFFRONO DI BRONCHITE CRONICA O NEL CASO CI SIA UNA CONTEMPORANEA INFEZIONE BATTERICA. È SCONSIGLIATO FARE DA SÉ..."