ALLA FINE LO ZIO SAM APRE IL PORTAFOGLI. È LA PRIMA TESSERA DEL DOMINO CHE PUO’ PORTARE ALLA PACE IN UCRAINA – DOPO MESI DI STALLO, IL CONGRESSO USA TROVA L’INTESA PER IL PACCHETTO DI AIUTI CHE PREVEDE 60 MILIARDI DI DOLLARI DI FORNITURE PER LE FORZE ARMATE DI KIEV. OGGI IL VOTO – BIDEN HA BISOGNO DI CHIUDERE IL CONFLITTO PRIMA DEL VOTO AMERICANO. E HA DATO ORDINE ALLA CIA DI DARSI DA FARE. LO SCENARIO: ORA PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI, RESTA IL NODO… – IL DAGOREPORT

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Estratto dell’articolo di www.rainews.it

 

volodymyr zelensky joe biden incontro alla casa bianca 2 volodymyr zelensky joe biden incontro alla casa bianca 2

Gli Stati Uniti invieranno “immediatamente” forniture di armi all'Ucraina se la Camera approverà la richiesta di nuovi fondi, per aiutare Kiev a respingere gli invasori russi: in serata, arriva la conferma dalla Casa Bianca, attraverso la portavoce, Karine Jean-Pierre, dopo una giornata di lunghe trattative al Congresso di Washington, mentre due importanti vertici, il G7 a Capri e il Consiglio Nato-Ucraina, monitoravano l'evolversi della situazione.

 

Da una parte, il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, che aveva parlato di “segnali incoraggianti”; dall’altra, il segretario generale dell’Alleanza atlantica, Jens Stoltenberg, che aveva detto a chiare lettere: “Daremo gli aiuti Nato a Kiev, sono già in arrivo. E non si tratta solo di difesa aerea”.

 

joe biden vladimir putin 9 joe biden vladimir putin 9

Dopo mesi di stallo, quindi, la Camera statunitense ha spianato la strada ai quattro provvedimenti contenenti gli aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan. Si tratta di un pacchetto complessivo di 95 miliardi di dollari. Nello specifico, per Kiev in ballo ci sono gli oltre 60 miliardi di dollari di forniture per le forze armate (di cui 23 per rifornire gli arsenali Usa); forniture che - ha ricordato Blinken - “faranno una differenza enorme”. I disegni di legge prevedono poi 26 miliardi per Israele (di cui 9 per aiuti umanitari) e 8 per l'Indo-Pacifico (compresa Taiwan). Bisognerà attendere domani, tuttavia, per il voto finale.

 

volodymyr zelensky antony blinken volodymyr zelensky antony blinken

Il ministro degli Esteri degli Stati Uniti ha poi ammonito: “Se i nuovi aiuti non verranno approvati, c'è il rischio che sia troppo tardi”. Dal canto suo, il presidente Zelensky ha ripetuto l'allarme: i soldati “non possono più attendere” la burocrazia occidentale, la Nato deve dimostrare “se siamo davvero alleati”. La situazione sul terreno “è al limite”, ha aggiunto il leader ucraino al segretario della Nato.

 

Intanto, il Pentagono si sta preparando ad approvare rapidamente un pacchetto di aiuti militari, che include artiglieria e difese aeree (urgentemente necessarie). Lo ha scritto Politico, citando due dirigenti americani.

 

Molte armi statunitensi si trovano già negli arsenali in Europa e potrebbero essere consegnate immediatamente all'Ucraina, ha detto una delle fonti. Parte del materiale potrebbe raggiungere Kiev nel giro di pochi giorni, il resto potrebbe richiedere settimane.

 

VOLODYMYR ZELENSKY JOE BIDEN - VIGNETTA BY OSHO VOLODYMYR ZELENSKY JOE BIDEN - VIGNETTA BY OSHO

Nel voto di venerdì al Congresso, i democratici si sono schierati al fianco dello speaker repubblicano Mike Johnson, in modo da superare l'opposizione guidata dalla trumpiana Marjorie Taylor Greene. L'esito finale è stato di 316 sì e 94 no. A votare a favore sono stati 165 democratici, più dei repubblicani (151), tra i quali la fronda trumpiana resta ostile agli aiuti a Kiev.

vladimir putin joe biden 5 vladimir putin joe biden 5 vladimir putin joe biden. vladimir putin joe biden.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”