IL FINTO BANKSY VENDE PIÙ DEL VERO! DUE RAGAZZI CREANO UNO STAND CON SCRITTO “FALSI BANKSY” E VANNO A RUBA IN UN’ORA

Due para-guri newyorkesi aprono uno stand nello stesso punto in cui pochi giorni fa Banksy aveva esposto le sue opere, vendendone solo otto in tutta la giornata - Con un cartello “FALSI BANKSY”, e distribuendo “Certificati di inautenticità” è andato tutto esaurito…

Condividi questo articolo


1. VIDEO - IL FINTO BANKSY VENDE PIÙ DI QUELLO VERO

 


2. VIDEO - QUANDO IL VERO BANKSY, NELLO STESSO POSTO, VENDETTE SOLO OTTO OPERE

 


3. IL FINTO BANKSY VENDE PIÙ DI QUELLO VERO - "VOLEVAMO FARVI CAPIRE IL VALORE DELLA PUBBLICITà NELL'ARTE"
Dagoreport da "The Verge"

All'inizio di questo mese , Banksy ha tenuto una vendita estemporanea dei suoi stencil su tela in una strada di New York . In quell'occasione, pur avendo scritto il suo nome sulle opere, riuscì solo a vendere otto opere a tre clienti in una giornata di vendita, perché nessuno credeva si potesse trattare di opere originali, vendute così, in mezzo alla strada da un signore dalla faccia anonima.

FINTO BANKSY VENDE PIU DEL VEROFINTO BANKSY VENDE PIU DEL VERO

Una settimana dopo, un falso Banksy ha tenuto una vendita improvvisata in una strada di New York . Ha venduto tutte le 40 opere in un'ora . La vendita è stata realizzata dagli artisti di Dave Cicirelli e Lance Pilgrim .

Hanno copiato l'idea di Banksy della settimana precedente, hanno messo in piedi uno stand nella stessa posizione , con gli stessi cartelli , vendendo copie di opere di Banksy per lo stesso prezzo - $ 60 - come aveva fatto l'artista.

FINTO BANKSY VENDE PIU DEL VEROFINTO BANKSY VENDE PIU DEL VERO

L'unica differenza : sullo stand c'era chiaramente scritto che tutto era falso. Il venditore Michael Pilgrim si è messo in posa con ciascuno degli acquirenti con un cartello dove chiaramente c'era scritto " Banksy Falso ", e a chiunque comprasse veniva rilasciato un "Certificato di inautenticità" .

Il fatto di aver specificato che le opere erano false - oltre al fatto che Banksy stesso avesse promesso che la sua prima vendita sarebbe stata l'ultima - non ha impedito a un gregge di residenti di New York di mettersi in posa, comprando ogni singolo tarocco di Cicirelli e Pilgrim.

FINTO BANKSY VENDE PIU DEL VEROFINTO BANKSY VENDE PIU DEL VERO

La domanda era talmente tanta, che quando dopo solo un'ora nello stand sono finite le opere, un cliente ha acquistato il cartello con il prezzo .

Cicirelli ha parlato al sito "ANIMAL" della sua azione, dicendo che lui ed i suoi collaboratori volevano "completare la dichiarazione [ di Banksy ] sulla natura dell' "hype", la pubblicità e il valore dell'arte". Non ne avremmo venduta neanche una, se non fosse stato per l'impazzimento dei media intorno a Banksy. Le sue mosse hanno creato grande incertezza tra gli appassionati, e noi abbiamo sfruttato questa situazione".

FINTO BANKSY VENDE PIU DEL VEROFINTO BANKSY VENDE PIU DEL VERO

Non è la prima volta che i residenti di New York si sono appropriati delle opere di Banksy durante la sua "residency" in città. All'inizio di questo mese , un gruppo di ragazzi ha cominciato a far pagare i passanti che volevano vedere lo stencil di un castoro realizzato da Banksy su un muro a East New York .

Molte delle altre sue opere sono state "taggate", coperte con altri graffiti, o rimosse del tutto . Ma "Pointless", lo show dell'artista in città, durerà fino a fine ottobre.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO! GOVERNO MELONI ALL'OPERA – L'EMOZIONANTE PRIMA DI “DIALOGHI DELLE CARMELITANE”, REGIA DI EMMA DANTE, CON IL PALCO REALE OCCUPATO DA SANGIULIANO ASSEDIATO DI LINGUE BIFORCUTE, CASELLATI, SGARBI, MOLLICONE - GUALTIERI È FILATO VIA ALLA FINE DEL PRIMO ATTO PER NON PERDERE L'AEREO PER BRUXELLES - IL SIPARIETTO TRA IL NEOSENATORE LOTITO E L’ASSESSORE ONORATO (FLAMINIO CI COVA?) – E POI LETTA, GRILLI, PADOAN, PALERMO, MASI, SEVERINO, NASTASI, AUGIAS, GOTOR, JERVOLINO, DAGO LEOPARDATO, LUCCI CHE SI BECCA DEL “BASTARDO” E DUE DIPENDENTI DEL TEATRO CHE DENUNCIANO: “QUI SI RUBANO LE PALLINE DELL’ALBERO DI NATALE!” – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute