GENNY ‘A CAROGNA SI E’ PENTITO? E A FORCELLA QUALCUNO DISTRUGGE L'AUTO DELLA SORELLA - L'EX CAPO ULTRAS DEL NAPOLI E’ DIVENTATO COLLABORATORE DI GIUSTIZIA DOPO UNA CONDANNA IN PRIMO GRADO A 18 ANNI PER TRAFFICO INTERNAZIONALE DI STUPEFACENTI - MA LA FAMIGLIA SI E’ DISSOCIATA E IL FIGLIO LO HA RIPUDIATO: “LO DISCONOSCO, STA DICENDO SOLO BALLE. SE ERA UOMO E TENEVA LE PALLE, SI FACEVA LA CARCERAZIONE…”

-

Condividi questo articolo

Dal “Fatto quotidiano”

 

Genny ‘a carogna Genny ‘a carogna

Giallo a Forcella intorno al danneggiamento della Smart della sorella di Gennaro De Tommaso, famoso alle cronache come Genny la Carogna, l'ex capo ultras del Napoli diventato collaboratore di giustizia dopo una condanna in primo grado a 18 anni per traffico internazionale di stupefacenti.

 

Nella notte tra sabato e domenica due persone hanno distrutto il vetro anteriore dell' autovettura in uso a Filomena De Tommaso e secondo alcune ricostruzioni - la famiglia si è dissociata dalla scelta di Genny - l'episodio, raccontato dalla diretta interessata a Il Mattino, sarebbe inquadrabile come una delle numerose minacce subìte dai De Tommaso dopo l'avvio della collaborazione coi magistrati.

 

Genny ‘a carogna Genny ‘a carogna

Genny De Tommaso ha iniziato a parlare coi pm a inizio marzo e si avvicina la scadenza de i 180 giorni per la stesura dei verbali. A giugno De Tommaso dovrebbe deporre in un processo per narcotraffico che vede imputati alcuni malavitosi di Forcella. A marzo il padre di Genny ripudiò il figlio al Tg2: "Io lo disconosco, sta dicendo solo balle. Se era uomo e teneva le palle, si faceva la carcerazione".

GENNY 'A CAROGNA GENNY 'A CAROGNA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute