LA GIUSTA PUNIZIONE PER I FRATELLI BIANCHI: SONO FINITI NELLE CELLE “DEGLI INFAMI” - I DUE, ACCUSATI DELLA MORTE DI WILLY MONTEIRO, SONO STATI TRASFERITI IN ISOLAMENTO, IN UN BRACCIO SEPARATO DI REBIBBIA: RISCHIANO IL LINCIAGGIO IN CARCERE - DA VERI CRIMINALI, HANNO GIA’ AVUTO UNA LITE CON UN DETENUTO MAROCCHINO - SUL LORO TENORE DI VITA OSTENTATO SUI SOCIAL È STATA APERTA UN'INCHIESTA PER REATI FISCALI - SONO OTTO I FASCICOLI GIÀ APERTI NEI CONFRONTI DEI FRATELLI BIANCHI…

Condividi questo articolo


Alessia Marani per “il Messaggero”

 

i fratelli bianchi i fratelli bianchi

Alla fine sono stati trasferiti dalle celle anti-Covid a quelle di isolamento precauzionale di Rebibbia. I fratelli Gabriele e Marco Bianchi adesso si trovano nel braccio G9 al primo piano del carcere romano, quello che gli altri reclusi chiamano «degli infami» perché è qui che vengono destinati coloro che si sono macchiati di reati sessuali o le ex guardie, agenti o militari, che hanno oltrepassato la barricata del crimine o abusato dei loro poteri. Ben distanti dagli altri reclusi a cui sono invisi. Troppo pericoloso per loro condividere gli spazi comuni, ma rischioso anche per gli altri.

i fratelli bianchi a miami i fratelli bianchi a miami

 

LO SCAMBIO

Perché il temperamento irascibile e violento dei due fratelli di Artena, accusati con Mario Pincarelli e Francesco Belleggia (l'unico ai domiciliari) dell'omicidio di Willy Monteiro Duarte, si sarebbe fatto riconoscere anche in questi primi giorni reclusione. Tanto che la figlia di un detenuto marocchino ha scritto all'associazione Detenuti liberi protestando per il trattamento ricevuto dal padre mentre i Bianchi raggiungevano i parlatori attraverso il corridoio: «Lo hanno aggredito». Scintille, insulti, mani che volano, lo scambio, comunque, viene arginato sul nascere.

fratelli bianchi fratelli bianchi

 

IL GARANTE

La direzione carceraria era già stata messa sul chi-va-là dai legali dei due fratelli, preoccupati per possibili ritorsioni nei confronti dei loro assistiti per nulla ben accolti dagli altri inquilini di Rebibbia: rischiano il linciaggio. E anche il garante per i detenuti del Lazio, Stefano Anastasia, aveva avuto modo di evidenziare la problematicità. Lui stesso conferma che «i due giovani reclusi sono stati effettivamente trasferiti nel G9, sotto stretta sorveglianza».

fratelli bianchi 2 fratelli bianchi 2

 

LA FEROCIA

Willy Monteiro, cuoco ventunenne di origine capoverdiana fu massacrato di calci e pugni senza nemmeno un motivo nella notte tra il 5 e il 6 settembre, nella piazza di Colleferro. I testimoni parlarono di «una ferocia inaudita»: i picchiatori «saltavano sul suo corpo quando Willy era già a terra». Una condotta contro un ragazzo mingherlino, solo e inerme, considerata «indegna» anche da chi è dietro le sbarre. Ora nel G9 Gabriele e Marco Bianchi sono sottoposti a grandissima sorveglianza per evitare qualsiasi contatto con gli altri. Passaggi e momenti d'aria si svolgeranno per loro in orari diversi e alternati rispetto agli altri. Sono monitorati anche dai medici per motivi sanitari e psicologici, come gli stalker o quelli che sono stati condannati per maltrattamenti in famiglia, anche questi reclusi al primo piano.

 

fratelli bianchi fratelli bianchi

ADDIO BELLA VITA

Dalla bella vita all'inferno del carcere. I Bianchi, accompagnati dai carabinieri, varcando la soglia di Rebibbia, si preoccupavano perché avrebbero potuto bere solo acqua, «non c'è la minerale?», chiedevano. Ma le rinunce sono ben altre. Niente più cura maniacale del corpo, niente più scorribande con gli amici, notti nei locali, donne e bolidi a portata di mano. Sul loro tenore di vita ostentato sui social e nella vita reale, spropositato rispetto ai guadagni (il padre prendeva persino il reddito di cittadinanza per i figli a carico), è stata aperta un'inchiesta per reati fiscali. Giovedì per Marco in un'aula del tribunale di Velletri si aprirà il processo per un altro pestaggio, avvenuto il primo maggio del 2018, ai danni di un bengalese. Sono otto i fascicoli già aperti nei confronti dei Bianchi, tutti tranne uno, per lesioni aggravate.

 

WILLY E I FRATELLI BIANCHI WILLY E I FRATELLI BIANCHI foto suv fratelli bianchi foto suv fratelli bianchi

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?