IL KING DELLA PROVOCAZIONE – SCAZZO SOCIAL TRA J.K ROWLING E STEPHEN KING: LA MADRE DI HARRY POTTER SI SPERTICA IN LODI PER IL COLLEGA CHE RETWITTA LE SUE PAROLE GENEROSE, ATTIRANDO L’ATTENZIONE DEI FOLLOWER CHE LO INCALZANO SULLE POSIZIONI GIUDICATE “TRANSFOBICHE” DELLA SCRITTRICE – LUI SI SMARCA ANDANDO CONTRO LA ROWLING CHE REAGISCE IN MANIERA SCOMPOSTA…

-

Condividi questo articolo

Antonello Guerrera per "www.repubblica.it"

 

jk rowling jk rowling

L'infinita polemica su J.K. Rowling e le accuse oramai quotidiane contro di lei di "trans-fobia", l'odio per le persone transgender, prende un'altra piega inaspettata: un litigio su Twitter con un altro illustrissimo collega, l'americano Stephen King. Subito defollowato, pare per qualche ora, dalla scrittrice inglese di Harry Potter, che ha cancellato anche un tweet di affetto che aveva scritto poco prima proprio per l'autore di Misery e altri capolavori.

 

stephen king stephen king

Tutto inizia due sere fa, quando Rowling twitta un messaggino al miele per Stephen King, in riferimento ad alcune sue recenti dichiarazioni su donne e misoginia: "Ho sempre adorato Stephen King", confessa la romanziera inglese, "ma oggi il mio affetto per lui raggiunge nuove vette. È così facile per gli uomini ignorare le preoccupazioni delle donne o minimizzarle. Ma io non dimenticherò mai gli uomini che si sono esposti quando non ne avevano il bisogno. Grazie Stephen".

 

Le affinità intellettuali e personali tra i due vengono confermate da King, che ritwitta le lodi della collega J.K. Insomma, tutto sembra andare per il verso giusto, due scrittori famosissimi che sui social si scambiano carinerie, come spesso accade. Poi, però, l'imprevisto.

JK Rowling discorso all universita di Harvard JK Rowling discorso all universita di Harvard

 

Un utente sconosciuto, dal nome "undecided voter", twitta a King: "Ora però dovresti parlarci del tweet della TERF", ossia "trans-exclusionary radical feminist", "una femminista radicale che discrimina le donne trans", il termine con il quale molti critici in Rete si rivolgono ormai abitualmente a Rowling dopo la recente polemica   sulle sue dichiarazioni contro le donne trans e la loro, secondo la scrittrice, "non femminilità". "Devi dirci a noi, tuoi lettori abituali", continua l'utente rivolgendosi a King, "se credi che le donne trans siano donne". 

 

stephen king 3 stephen king 3

Senza pensarci troppo, lo scrittore americano risponde così, lapidario: "Sì. Le donne trans sono donne". Una replica, all'utente che l'aveva chiamata in maniera spregiativa "TERF", che pare aver scatenato la furia di J.K. Rowling, probabilmente sentitasi "tradita" da King dopo il suo tweet affettuoso in suo onore. Tweet subito cancellato, per ripicca, dalla madre di Harry Potter che poi avrebbe anche smesso di "seguire" King per qualche ora, ma adesso il suo profilo sembra di nuovo essere suo "follower", come si dice in gergo di Twitter.

 

stephen king 2 stephen king 2

Insomma, la polemica di Rowling sulle donne trans sembra non avere fine. Contro di lei, su questo tema, si sono scagliati pubblicamente persino gli attori del film del "Maghetto", su tutti il 30enne Daniel Radcliffe. Il quale si era ribellato qualche settimana fa intervenendo sul sito del Trevor Project, organizzazione Lgbt di cui è testimonial. "Le donne transgender sono donne", aveva detto chiaramente riferendosi alle frasi di Rowling, "ogni affermazione in senso opposto cancella l'identità e la dignità delle persone transgender e va contro tutte le indicazioni delle associazioni che offrono sostegno professionale e hanno molta più esperienza su questo argomento di Jo (Rowling, ndr) o me stesso". 

rowling rowling

 

STEPHEN KING 4 STEPHEN KING 4 STEPHEN KING 1 STEPHEN KING 1 JK ROWLING E IL NUOVO LIBRO SU HARRY POTTER JK ROWLING E IL NUOVO LIBRO SU HARRY POTTER STEPHEN KING STEPHEN KING jk rowling jk rowling j k rowling j k rowling rowling rowling

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

GAD, CI FAI O CI SEI? - ORA CHE SCRIVE PER “IL FATTO”, LERNER DENUNCIA “L'OMERTÀ” DELLA SINISTRA E DEI GIORNALI DOPO IL CROLLO DEL PONTE MORANDI. MA PERCHÉ NON SE N’E’ ACCORTO QUANDO ERA ANCORA A “REPUBBLICA”, CHE IMPIEGO’ CINQUE GIORNI, COME DEL RESTO IL "CORRIERE", PER SCRIVERE BENETTON ANZICHE' ATLANTIA? - LA SPIEGAZIONE DELL'ANIMA BELLA: “PESAVA IL FATTO CHE I BENETTON ERANO PARTE DEL CAPITALISMO DI RELAZIONE INSEDIATO NELLE PROPRIETÀ DEI GIORNALI”. AH, ECCO. QUANDO IL BORDELLO CHIUDE, BISOGNA FARE LE VERGINELLE....

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute