CONTENTI DI AVERE AVUTO SOLO 50 MORTI” - LA SINDACA DI DURAZZO, LA CITTA' ALBANESE PIU' COLPITA DAL TERREMOTO, VALBONA SAKO COSTRETTA ALLE DIMISSIONI DOPO LA GAFFE IN TV – “FERITA DALLA GRANDE E NEGATIVA REAZIONE RISPETTO A UN COMMENTO RILASCIATO IN UNA SITUAZIONE DI UNO STRESS CHE VA OLTRE LE MIE FORZE, HO DECISO DI LASCIARE L’INCARICO” – VIDEO

-

Condividi questo articolo

valbona sako valbona sako

 

Da video.corriere.it

 

Si è dimessa dopo una gaffe in tv, la sindaca di Durazzo, la città più colpita dal potente terremoto registratosi in Albania la notte del 26 novembre. In un’intervista all’emittente tv albanese Top Channel, la sindaca Valbona Sako, in carica da appena 4 mesi, aveva detto tra l’altro che «dobbiamo essere soddisfatti anche di 50 vittime» provocate dal sisma, probabilmente intendendo che il bilancio dei morti sarebbe potuto essere ancora più grave.

valbona sako valbona sako

 

Parole che l’hanno subito messa nel mirino delle critiche, nonostante abbia poi tentato di spiegare che la sua affermazione era stata male interpretata. «Ferita dalla grande e negativa reazione rispetto a un commento rilasciato in una situazione di uno stress che va oltre le mie forze, ho rassegnato la dimissioni dall’incarico», ha fatto sapere oggi Sako tramite un suo post su Facebook. Sono 51 le vittime del terremoto, di cui 26 solo a Durazzo dove sono crollati due alberghi sulla spiaggia, due palazzi ed una villetta di tre piani.

valbona sako valbona sako

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGOREPORT - I SOLDI C’ENTRANO POCO COL DEFENESTRAMENTO DEL CARDINALE ANGELO BECCIU - IN BALLO C’È L’ELEZIONE DEL PROSSIMO PAPA DA CUI RESTA ESCLUSO, MENTRE ERA UN CANDIDATO MOLTO SERIO. FINCHÉ QUALCHE NEMICO HA CONFEZIONATO UN POLPETTONE TALMENTE AVVELENATO DA FAR DIMENTICARE AL PONTEFICE IL GARANTISMO E LA MISERICORDIA, RISERVATI PERÒ SOLO AD ALCUNI, COME IL SUO AMICO MONS. GUSTAVO ZANCHETTA, EX VESCOVO ARGENTINO CHIAMATO DA FRANCESCO IN VATICANO COME ASSESSORE DELL’APSA E POI COLPITO DA MANDATO DI CATTURA INTERNAZIONALE PER PRESUNTI ILLECITI FINANZIARI E PER ABUSI SU DUE SEMINARISTI

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA SECONDA ONDATA LA AFFRONTIAMO ALLA SVEDESE? - CRESCE LA RABBIA IN EUROPA PER LE MISURE ANTI-COVID. DALLA FRONDA MARSIGLIESE AI ''GIÙ LA MASCHERA'' SPAGNOLI, ANCHE IN GERMANIA C'È UN MOVIMENTO CHE VUOLE LIMITARE LE RESTRIZIONI, E I PRESIDENTI DI DUE LANDER SONO CONTRARI A UN INASPRIMENTO DELLE MISURE - NON SI TRATTA SOLO DI NO-VAX E NO-MASK, MA ANCHE DI PERSONE CHE VOGLIONO ADOTTARE IL MODELLO SVEDESE (MENO MORTI DELL'ITALIA IN RAPPORTO ALLA POPOLAZIONE PUR AVENDO EVITATO IL LOCKDOWN)