CONTENTI DI AVERE AVUTO SOLO 50 MORTI” - LA SINDACA DI DURAZZO, LA CITTA' ALBANESE PIU' COLPITA DAL TERREMOTO, VALBONA SAKO COSTRETTA ALLE DIMISSIONI DOPO LA GAFFE IN TV – “FERITA DALLA GRANDE E NEGATIVA REAZIONE RISPETTO A UN COMMENTO RILASCIATO IN UNA SITUAZIONE DI UNO STRESS CHE VA OLTRE LE MIE FORZE, HO DECISO DI LASCIARE L’INCARICO” – VIDEO

-

Condividi questo articolo

valbona sako valbona sako

 

Da video.corriere.it

 

Si è dimessa dopo una gaffe in tv, la sindaca di Durazzo, la città più colpita dal potente terremoto registratosi in Albania la notte del 26 novembre. In un’intervista all’emittente tv albanese Top Channel, la sindaca Valbona Sako, in carica da appena 4 mesi, aveva detto tra l’altro che «dobbiamo essere soddisfatti anche di 50 vittime» provocate dal sisma, probabilmente intendendo che il bilancio dei morti sarebbe potuto essere ancora più grave.

valbona sako valbona sako

 

Parole che l’hanno subito messa nel mirino delle critiche, nonostante abbia poi tentato di spiegare che la sua affermazione era stata male interpretata. «Ferita dalla grande e negativa reazione rispetto a un commento rilasciato in una situazione di uno stress che va oltre le mie forze, ho rassegnato la dimissioni dall’incarico», ha fatto sapere oggi Sako tramite un suo post su Facebook. Sono 51 le vittime del terremoto, di cui 26 solo a Durazzo dove sono crollati due alberghi sulla spiaggia, due palazzi ed una villetta di tre piani.

valbona sako valbona sako

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute