IL “FATTO” BECCA IN CASTAGNA MATTEO RENZI: NELLA VERSIONE AGGIORNATA DEL SUO LIBRO “IL MOSTRO” HA RIPORTATO UN ATTO CHE NEL MOMENTO IN CUI È STATO PUBBLICATO POTEVA ESSERE SEGRETO - SI TRATTA DI UNA LETTERA CHE IL PM LUCA TURCO SPEDISCE L'8 MARZO 2022 AL COPASIR CHE GLI AVEVA CHIESTO GLI ATTI DELL'INCHIESTA OPEN - “COME FA RENZI AD AVERE QUESTO DOCUMENTO? SE GLI ATTI DEL COPASIR SONO SEGRETI, COME HA POTUTO PUBBLICARE LA LETTERA? CHI GLIEL'HA DATA HA COMMESSO IL REATO DI RIVELAZIONE DI SEGRETO D'UFFICIO?”

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giacomo Salvini e Valeria Pacelli per il “Fatto quotidiano”

 

matteo renzi udienza preliminare del processo open a firenze 5 matteo renzi udienza preliminare del processo open a firenze 5

Mentre Matteo Renzi continua ad attaccare i magistrati fiorentini sul caso degli atti spediti al Copasir […], e il ministro della Giustizia, Carlo Nordio, invia gli ispettori in quella stessa Procura, si scopre che il leader di Italia Viva nella versione aggiornata del suo libro Il mostro ha riportato un atto che nel momento in cui è stato pubblicato poteva essere segreto.

 

Un documento nella disponibilità del Comitato e che non è depositato nell'indagine Open, dove Renzi è imputato per concorso in finanziamento illecito (è in corso l'udienza preliminare). Nel libro, infatti, a pagina XVII, il senatore ha pubblicato la lettera che il pm Luca Turco spedisce l'8 marzo 2022 al Comitato che gli aveva chiesto gli atti dell'inchiesta Open.

luca turco luca turco

 

Documenti che per il leader di Italia Viva non potevano essere trasmessi perché era già intervenuta una sentenza della Corte di Cassazione che ne ordinava la restituzione agli indagati, ossia all'imprenditore Marco Carrai, che aveva subito il sequestro a novembre 2019. Per questi fatti i pm Luca Turco e Antonino Nastasi sono stati pure denunciati da Renzi e Carrai a Genova, ma la Procura dopo aver iscritto i magistrati per abuso d'ufficio, ne ha chiesto l'archiviazione ritenendo quell'invio lecito.

 

ANTONINO NASTASI ANTONINO NASTASI

Nel suo libro dunque, il senatore, dopo aver fatto riferimento alla decisione della Cassazione, scrive: "E cosa fa il pm Turco? Nel marzo del 2022 scrive al Copasir che aveva richiesto gli atti alla procura. E scrive testualmente: 'Rappresento che l'annotazione Gdf 17.2.22 prot. 54737 contiene, tra l'altro, l'esito delle analisi dei reperti informatici sequestrati all'imputato Carrai Marco. Senonché, in data 18.2.22, la Suprema Corte ha annullato tale sequestro, con la conseguenza che le informazioni contenute in tale annotazione sono processualmente inutilizzabili. A fronte di tale annullamento, considerate le finalità istituzionali del Comitato, non condizionato da regole processuali, ritengo comunque doveroso trasmettere anche le sopra indicate annotazioni unitamente alla copia forense del materiale sequestrato al predetto Carrai'".

marco carrai marco carrai

 

Come fa Renzi ad avere questo documento? […] se gli atti del Copasir sono segreti, come ha potuto pubblicare Renzi quella lettera? Avrebbe potuto fare un'istanza al Comitato, ma secondo quanto risulta al Fatto quella carta non gli è stata fornita ufficialmente dal Copasir. Inoltre gli atti di Firenze sono a protocollo riservato, mai depositato.

Allora da dove proviene la lettera? Chi gliel'ha data ha commesso il reato di rivelazione di segreto d'ufficio?

 

Su un fatto del genere dovrebbe indagare la Procura di Roma, ma non risultano fascicoli aperti. Ma se così dovesse avvenire in futuro - e siamo nel campo delle ipotesi - Renzi potrebbe essere convocato dai pm e come teste dovrebbe rivelare la sua fonte. […] quando il leader di Italia Viva scrive il libro non c'era ancora la richiesta di archiviazione e dunque Renzi non può aver chiesto copia di quegli atti. E così la domanda resta: il senatore poteva avere e pubblicare quel documento segreto?

ESTRATTO DEL LIBRO DI RENZI CON LA LETTERA DEL PM LUCA TURCO ESTRATTO DEL LIBRO DI RENZI CON LA LETTERA DEL PM LUCA TURCO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI AQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...