“MADURO DICTADOR” – UN GRUPPO DI HACKER PRENDE IL CONTROLLO DEI TABELLONI ELETTRONICI DELL’AEROPORTO DI CARACAS E PUBBLICA UN MESSAGGIO CONTRO IL PRESIDENTE VENEZUELANO NICOLÀS MADURO – IL TESTO ERA ACCOMPAGNATO DALL'ACRONIMO “DEA”, L'AGENZIA ANTIDROGA DEGLI STATI UNITI CHE HA MESSO UNA TAGLIA DI 15 MILIONI DI DOLLARI SULLA SUA TESTA - I PIRATI INFORMATICI SFIDANO LE “LEGGI CONTRO L'ODIO” USATE DA MADURO PER IMPRIGIONARE COLORO CHE DIFFONDONO MESSAGGI CONTRARI AL REGIME…

-

Condividi questo articolo


PMan. per "il Giornale"

 

tabellone aeroporto caracas maduro dittatore tabellone aeroporto caracas maduro dittatore

A volte gli hacker sono dei burloni. Ne sa qualcosa il presidente del Venezuela Nicolás Maduro. Il «fattaccio» è successo l' altroieri, quando i passeggeri dell' aeroporto internazionale Simón Bolívar di Caracas sono rimasti a bocca aperta nel vedere sui tabelloni elettronici che annunciano le partenze e gli arrivi dei voli il messaggio, chiaro ed inequivocabile: «Maduro dittatore». Il testo era accompagnato dall' acronimo «DEA», l' agenzia antidroga degli Stati Uniti che Maduro e sua moglie, Cilia Flores, temono più del demonio.

 

tabellone aeroporto caracas maduro dittatore tabellone aeroporto caracas maduro dittatore

L' incidente è stato inizialmente riportato dal quotidiano El Nacional e l' autenticità delle foto che sono circolate sui social network è stata successivamente confermata dall' Osservatorio venezuelano di Fake News, un ente allineato al 100% al regime altrimenti sarebbe già stato fatto chiudere da anni ed i suoi membri arrestati. Il messaggio, ça va sans dire, è stato celermente rimosso dal regime.

 

«Buon pomeriggio, signor presidente. Ti informiamo rispettosamente che siamo appena stati oggetto di un sabotaggio attraverso la nostra rete Internet e sugli schermi di informazioni sui voli sono stati inseriti messaggi contro il nostro presidente costituzionale Nicolás Maduro», ha scritto l' Osservatorio sul suo account Twitter. Secondo El Nacional, una situazione simile si è verificata sempre l' altroieri anche all' aeroporto di Santiago Mariño, sull' isola turistica di Margarita.

nicolas maduro nicolas maduro

 

La burla dei pirati informatici è una chiara sfida alle «leggi contro l' odio» che sono usate da Maduro per imprigionare coloro che diffondono messaggi contrari al regime attraverso la rete. L' uso dell' acronimo Dea è invece una chiara allusione alle accuse di narcotraffico mosse contro Maduro dalla Giustizia statunitense ed alla ricompensa di 15 milioni di dollari offerta per la sua cattura.

taglia su maduro taglia su maduro

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA