“MATTIA LUCARELLI MI GUARDAVA E RIDEVA DI QUELLO CHE ACCADEVA” – IL RACCONTO DELLA RAGAZZA AMERICANA CHE ACCUSA IL FIGLIO DELL’EX CALCIATORE DEL LIVORNO DI AVERLA VIOLENTATA, A MILANO: “MI HA RIACCOMPAGNATO A CASA E MI HA DETTO CHE SICCOME ERA STATO BELLISSIMO, AVREMMO DOVUTO RIFARLO. ERO UBRIACA, FORSE MI HANNO FATTO BERE QUALCOSA. L’ULTIMA COSA CHE RICORDO È CHE MI HANNO DETTO DI…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Pierpaolo Lio per www.corriere.it

 

cristiano e mattia lucarelli cristiano e mattia lucarelli

«Non ricordo come è successo, ma ricordo una strana sensazione, come se mi stesse per capitare qualcosa quando mi hanno detto di mettermi seduta sul divano». Alcune ore dopo, la coinquilina la sentirà rientrare a casa. Sono le 7 del mattino del 27 marzo scorso. Esce dalla sua stanza e trova l’amica accasciata sul pavimento. È in lacrime, sotto choc, spaventata. Continuerà a piangere per giorni. «Non volevo, non volevo», ripete ossessivamente.

 

Delle ore precedenti, la ragazza, una studentessa statunitense di 22 anni, ha ricordi confusi: «Posso avere solo dei flash, dei piccoli flash di quello che è successo». Uno è quello di un volto, di un giovane che sarà identificato in Mattia Lucarelli, 23enne difensore del Livorno, all’epoca in forza alla Pro Sesto, figlio della bandiera livornese Cristiano, «che mi guardava e rideva di quello che accadeva».

 

mattia lucarelli mattia lucarelli

È lo stesso che al termine della presunta violenza — per cui è da venerdì ai domiciliari, come l’amico e compagno di squadra Federico Apolloni, anche lui 23enne, mentre altri tre giovani sono indagati — la riaccompagna in macchina a casa: «Mi ha detto che siccome era stato bellissimo, avremmo dovuto rifarlo».

 

Come la giovane, da un’uscita in compagnia di altri studenti stranieri, sia poi finita in quell’appartamento nei dintorni di piazzale Libia, a Milano, dove avrebbe subito la violenza del gruppo, la 22enne non sa ancora spiegarselo.

 

federico apolloni federico apolloni

«Io non mi ricordo come sono salita sulla macchina dei ragazzi né perché. Probabilmente perché tutti i taxi che io e la mia amica cercavamo ci annullavano la corsa. In quel momento ero molto ubriaca e non riesco a ricordare nulla», anche se dice di sospettare che durante la serata qualcuno possa averle fatto bere «qualcosa».

 

Salita in auto con il gruppo appena incrociato, «io volevo andare a casa, non mi sono resa conto che mi stavano portando in un posto diverso», […[. «Non volevo andare in casa di quei ragazzi, anche perché avevo un ragazzo. Mi ci sono ritrovata».

 

federico apolloni federico apolloni

L’amica che aveva passato con lei quella prima parte di serata alla discoteca «il Gattopardo», e che poi la perderà di vista, la ricorda «in un evidente stato confusionale: faceva fatica a parlare e a dire cose sensate».  […]

 

Una volta in casa, il gruppo si ritrova in un soggiorno in cui «c’era poca luce». «L’ultima cosa che ricordo è che loro mi hanno detto di sedermi sul divano». Loro «erano cinque, quindi ero abbastanza spaventata». Un altro video mostra quei frangenti: un ragazzo prova a palpeggiarla, scatenando la reazione della studentessa che gli si scaglia contro urlando «I’m not a fu..ing object» («non sono un oggetto»).  […]

mattia e cristiano lucarelli mattia e cristiano lucarelli mattia lucarelli 1 mattia lucarelli 1

 

CRISTIANO LUCARELLI DIFENDE IL FIGLIO MATTIA CRISTIANO LUCARELLI DIFENDE IL FIGLIO MATTIA

 

Condividi questo articolo

media e tv

A LUME DI CANDELA - TEO MAMMUCARI FUORI DA “LE IENE”: ECCO COME SI È ARRIVATI ALLA ROTTURA - COSTANTINO VITAGLIANO DIVENTA DRAG QUEEN PER RAI2 - SCOPPIA L’AMORE TRA JORI DELLI E FRED DE PALMA - LEI È UNA COMUNICATRICE DI DESTRA, LUI UN GIORNALISTA GRILLINO. LA LORO "VICINANZA" STA CREANDO PARECCHI IMBARAZZI, CHI SONO? - AVVISATE IL FAMOSISSIMO ALLENATORE E UNA GIORNALISTA IN ERBA CHE QUALCUNO HA MESSO IN GIRO VOCI SU UNA LORO RELAZIONE - A MILANO VIP E POLITICI ARRIVANO A PAGARE SEIMILA EURO ALL'ANNO PER DIVENTARE SOCI DI UNA NOTA STRUTTURA. IL MOTIVO? LA SEGRETEZZA E LA SELEZIONE PER...

politica

PESTI I MERDONI? L’UNICA STRADA, LE DIMISSIONI! – L’USCITA DEMENZIALE DI “MINNIE” DONZELLI SU COSPITO, CON GLI ATTI SECRETATI RICEVUTI DAL COINQUILINO DELMASTRO E DIVULGATI IN AULA, È L'ENNESIMA PROVA DELL’INSIPIENZA POLITICA DEI MELONIANI, UBRIACATI DAL POTERE CON LA CAPOCCIA ANCORA IN VIA DELLA SCROFA – NORDIO "SMENTISCE" IL TANDEM DONZELLI-DELMASTRO: TUTTI GLI ATTI SUI DETENUTI AL 41 BIS SONO "SENSIBILI" (CIOE' SECRETATI) - E DONNA GIORGIA? SPERA DI CONGELARE LA POLEMICA FINO ALLE ELEZIONI REGIONALI MA LE POLTRONE DI DONZELLI, VICE PRESIDENTE DEL COPASIR, E DI DELMASTRO, SOTTOSEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA, SONO IN BILICO... - VIDEO

business

cronache

sport

cafonal

CAFONAL ALL’OPERA! – ALL’OPERA DI ROMA, PER IL DEBUTTO DELL’“AIDA” ORCHESTRATA DA MICHELE MARIOTTI E MALDIRETTA DA DAVIDE LIVERMORE, SEMBRAVA DI STARE DAVVERO NELLA VALLE DEI TEMPLI - IN PRIMA FILA LAURA MATTARELLA, ANDREA ZOPPINI, PAOLA SEVERINO, ETTORE SEQUI, CARLO FUORTES, FABRIZIO PALERMO COL CIUFFO, SERGIO RUBINI STROPICCIATO, ANDREA MONORCHIO, SILVIA CALANDRELLI CON-TURBANTE, MAURO MASI AL GUINZAGLIO DI INGRID MUCCITELLI, PAOLA SEVERINO, ROSANNA CANCELLIERI IN MODALITA' NEFERTARI …

viaggi

salute