“PUTIN È TERRORIZZATO DI FARE LA STESSA FINE DI GHEDDAFI” – LO STORICO YURI FELSHTINSKY È CONVINTO CHE L’UNICA REAZIONE DELLO ZAR ALLE PROTESTE PER NAVALNY SARÀ UN’ALTRA BELLA INIEZIONE DI REPRESSIONE: “SA CHE NON C'È ALTRO MODO PER CONTINUARE A SOPRAVVIVERE SE NON CONTINUARE A OPPRIMERE IL POPOLO. LA LEZIONE CHE PUTIN HA IMPARATO DAI RECENTI EVENTI È CHE DEVE CONTROLLARE DI PIÙ, CHE DEVE REPRIMERE DI PIÙ E CHE HA COMMESSO UN ERRORE NON UCCIDENDO NAVALNY…”

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

 

vladimir putin vladimir putin

«Vladimir Putin è terrorizzato di fare la stessa fine di Gheddafi in un questi giorni in cui continuano le proteste per la liberazione di Navalny». Parola dello storico russo-americano Yuri Felshtinsky che ha dichiarato a “The Sun Online” che i disordini in corso hanno convinto l'uomo del Cremlino che è necessario usare ancora più la mano forte, mettendo in campo più repressione e uccidendo gli avversari  per evitare il macabro destino del dittatore libico.

 

Putin, che si è blindato per rimanere al potere fino al 2036, sta affrontando una delle più grandi sfide nei suoi 20 anni di governo con migliaia di sostenitori di Navalny che sono scesi in piazza. Una situazione che secondo Felshtinsky porterà Putin ad alzare l’asticella dei suoi metodi brutali per reprimere il dissenso e proteggere la sua posizione.

gheddafi gheddafi

 

«È abbastanza intelligente da sapere che se ci fossero regole normali, il suo sistema di governo non potrebbe esistere. Non è un idealista – ha continuato Felshtinsky - Sa che non c'è modo che possa sopravvivere a meno che non continui a opprimere. La lezione che Putin avrà imparato dopo i recenti eventi è che deve controllare di più e che deve reprimere di più. Ed è quello che vedremo».

 

Felshtinsky è uno scrittore e storico russo-americano che ha aiutato il dissidente russo Alexander Litvinenko a fuggire nel Regno Unito dove è stato successivamente assassinato. Ha toccato con mano gli spietati metodi del Cremlino e adesso pensa che la stessa fine toccherà a Navalny: «Sanno di aver commesso un grave errore quando non l'hanno ucciso. Quello che è successo da allora mostra a Putin che la decisione di ucciderlo era stata quella giusta. È l'unica persona in Russia che è in grado di organizzare questo tipo di protesta. Lo uccideranno».

yuri felshtinsky yuri felshtinsky

 

Con alle spalle la FSB, Felshtinsky è convinto che anche se dovesse morire le cose non cambieranno drasticamente: «In Russia la FSB è al di sopra dei partiti ed è l'unico potere. Putin non è diventato un dittatore perché era intelligente o carismatico, ma perché c’è l'intera struttura della FSB dietro di lui. Anche se Putin morirà domani nulla cambierà drasticamente. E al momento non c'è nessuno in competizione con di lui e non ci sono movimenti armati che cercano di rovesciare il suo potere».

avvelenamento navalny avvelenamento navalny alexei navalny alexei navalny proteste per la liberazione di navalny in russia 4 proteste per la liberazione di navalny in russia 4 alexey navalny alexey navalny proteste per la liberazione di navalny in russia 2 proteste per la liberazione di navalny in russia 2 proteste per la liberazione di navalny in russia 3 proteste per la liberazione di navalny in russia 3 proteste per la liberazione di navalny in russia 1 proteste per la liberazione di navalny in russia 1 proteste per la liberazione di navalny in russia 5 proteste per la liberazione di navalny in russia 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute