“L’IMPATTO NON ERA PREVEDIBILE” - AL PROCESSO PER LA MORTE DI GAIA E CAMILLA, TRAVOLTE A CORSO FRANCIA DA PIETRO GENOVESE, L’ARRINGA DELLA DIFESA PUNTA TUTTO SULL’IMPOSSIBILITÀ DEL RAGAZZO DI EVITARE L’IMPATTO: “LE RAGAZZE SONO SBUCATE DAL NULLA E LA VISIBILITÀ ERA OSTRUITA DA UN’ALTRA AUTO”

-

Condividi questo articolo

Val.Err. per “il Messaggero”

 

PIETRO GENOVESE PIETRO GENOVESE

«L' evento era imprevedibile e non evitabile». Si sarebbe basata su questi due concetti, ieri, l' arringa di Gianluca Tognozzi, che, insieme al professore Franco Coppi, difende nel processo con rito abbreviato Pietro Genovese, il giovane imputato dell' omicidio stradale di Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli.

 

Secondo Tognozzi, nella notte, tra il 21 e il 22 dicembre dello scorso anno, quando le due sedicenni sono morte nel violentissimo impatto con il Suv in corso Francia, Genovese non poteva prevedere che le due ragazze, in quella notte di pioggia, attraversassero con il rosso, fuori dalle strisce pedonali, in una strada a scorrimento veloce.

 

Non solo, Tognozzi è partito dalla perizia disposta dal pm Roberto Felici, che per l' imputato ha chiesto una condanna a cinque anni. In base agli accertamenti, il Suv del ragazzo viaggiava a velocità molto sostenuta e le due vittime si sarebbero salvate se Genovese, partito con il verde dal semaforo che precede la rampa per piazzale Clodio, non avesse spinto il piede sull' acceleratore. Ma per l' avvocato non è così.

la macchina di pietro genovese 1 la macchina di pietro genovese 1

 

L' ARRINGA Tognozzi avrebbe contestato le conclusioni. I tecnici hanno sottolineato che né Gaia e Camilla potevano vedere il Suv in arrivo, né l' imputato poteva accorgersi delle due ragazze. La visibilità, è stato riconosciuto, era ostruita da un' auto (non è mai stato identificato il conducente) che era arrivata pochi secondi prima, il conducente aveva frenato accorgendosi delle sedicenni che attraversavano e riuscendo ad evitarle.

 

È l' auto che Genovese supera da sinistra, travolgendo Gaia e Camilla che continuano la loro corsa. Tognozzi avrebbe sottolineato, come dal video della telecamera di una pompa di benzina agli atti dell' inchiesta, emerga che proprio quell' auto, prima di evitare le ragazze, fosse partita insieme al Suv appena scattato il verde al semaforo.

 

corso francia gaia camilla corso francia gaia camilla

Eppure è arrivata prima, dunque viaggiava a velocità maggiore rispetto a quella dell' imputato. E, nonostante questa circostanza, è riuscita a frenare. Genovese, insomma, secondo l' avvocato, non si sarebbe accorto e avrebbe travolto le ragazze, anche se avesse viaggiato a 50, anziché a 90 chilometri orari, perché non poteva vederle.

La sentenza del processo è prevista per venerdì prossimo, quando il professor Franco Coppi concluderà la difesa. Genovese che, nel giorno della requisitoria, ha reso dichiarazioni spontanee, intanto è ai domiciliari dallo scorso 26 dicembre.

camilla romagnoli camilla romagnoli gaia von freymann 2 gaia von freymann 2 il video del semaforo di corso francia 4 il video del semaforo di corso francia 4

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

L'ITALIA SPROFONDA E IL BANANA FA I QUATTRINI - OGGI SILVIO BERLUSCONI, CON UNA RICCHEZZA SALITA A QUASI 6 MILIARDI, HA ANCORA PIÙ SOLDI RISPETTO ALL’ULTIMA CLASSIFICA STILATA PRIMA DELLA PANDEMIA DA "FORBES", CHE LO HA DESCRITTO COME “COLUI CHE HA PORTATO IN ITALIA IL TELEFILM STATUNITENSE BAYWATCH” - IL TITOLO DI MEDIASET CHE VOLA IN BORSA NONOSTANTE LA GUERRA CON VIVENDI, GLI AFFARI CON MONDADORI E BANCA MEDIOLANUM: ALTRO CHE QUIRINALE, IL CAIMANO SI GODE IL PORTAFOGLI...

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute