“SARÒ LIBERO DI NON FIDARMI DEI MEDICI SCELTI DALLA TV” – ENRICO MONTESANO, NUOVO IDOLO DEI NO MASK, RILANCIA: “QUALCUNO LO DOVRÀ DIRE CHE IL RE È NUDO. IL PENSIERO UNICO NON MI È MAI PIACIUTO. CREDO NEL CORONAVIRUS E NEL DISTANZIAMENTO, MA LE MASCHERINE ALL’APERTO SONO INUTILI E DANNOSE” – “LA ‘MARCIA PER LA LIBERAZIONE’? ADERISCO MA NON PARTECIPO . IL CLIMA STA DIVENTANDO SEMPRE PIÙ INSOPPORTABILE E LA GENTE È TERRORIZZATA E PER QUESTO È DIVENTATA VIOLENTA”

-

Condividi questo articolo


Michela Tamburrino per “la Stampa”

 

enrico montesano foto di bacco enrico montesano foto di bacco

Enrico Montesano non ha alcuna intenzione di difendersi. Ma di chiarire sì, senza passi indietro per quelle che lui definisce interpretazioni capziose del suo pensiero.

 

Montesano, ma lei non crede proprio in niente?

«Al contrario. Io credo nel Coronavirus, credo che bisogna mantenere una giusta distanza dal nostro vicino perché alitare addosso alle persone è scorretto sotto tutti i punti di vista. Credo che le mascherine vadano portate nei luoghi chiusi, ma all'aperto non credo che ci proteggano dalle polveri sottili, dalle polveri d'amianto e dunque anche dal virus. Attraverso i tessuti passa tutto.

 

guanti e mascherine 3 guanti e mascherine 3

Le mascherine sicure al 100% non ci farebbero neppure respirare. In compenso quelle correnti ci fanno respirare la nostra anidride carbonica. In aggiunta alle polveri dell'aria inquinata. Ma perché se vado da solo in riva al mare, o in un parco, mi devo mettere la mascherina? È inutile e dannosa per i miei polmoni».

 

Allora lei è un negazionista?

enrico montesano enrico montesano

«Non diciamo assurdità. Io credo nell'Olocausto e nei milioni di morti che il nazismo ha prodotto e per rispetto a questi morti e a una tragedia enorme non userei mai un termine del genere. Sono solo critico rispetto ad affermazioni apocalittiche perché sono un uomo curioso che non si ferma alla prima osteria ma vuole saperne di più».

 

Ma lei non è un immunologo, come fa a giudicare?

«Io no ma sono medici il professor Tarro, i professori Citro, Montanari, il dottor Tirelli e ne cito solo alcuni».

 

GIULIO TARRO GIULIO TARRO

Le loro opinioni sono state accolte in modo controverso e c'è stata anche una denuncia...

«Perché non rispettavano il pensiero corrente. Sarò libero di non fidarmi dei medici scelti dalla tv? Quelli che ho citato mi convincono di più. Ma qualcuno lo dovrà dire che il re è nudo.

 

Oppure no? Il pensiero unico non mi è mai piaciuto Non bisogna ignorare le altre fonti di informazione. Io mi fido delle ricerche di questi scienziati. E dico con il professor Sabino Cassese che non bisogna dichiarare emergenza quando l'emergenza non c'è».

 

CORONAVIRUS - OPERATORI SANITARI CON GUANTI E MASCHERINE CORONAVIRUS - OPERATORI SANITARI CON GUANTI E MASCHERINE

Lei ha fatto sapere che parteciperà alle manifestazioni critiche dei prossimi giorni e anche questo ha creato non poco sconcerto.

«Io non l'ho mai detto. Ho precisato che aderisco ma non partecipo È molto diverso. Condivido molti dei dieci punti della marcia per la liberazione e pure concordo con quanto dice Marco Rizzo per non cadere nella vecchia logica di destra e di sinistra contrapposte».

 

Se condivide perché non va?

«Perché a una manifestazione può intervenire chiunque e se non so chi potrò incontrare non partecipo, anche se aderisco».

enrico montesano enrico montesano

 

Che cosa la spaventa?

«Non sono io ad essere spaventato ma da cittadino che si guarda intorno noto ciò che accade. Quello che mi fa pensare è che il clima sta diventando sempre più insopportabile e la gente è terrorizzata e per questo è diventata violenta. La paura è pericolosa, la paura ce l'hai nella testa come diceva Camus, intanto il danno economico determinato dal terrore è incalcolabile».

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DUE RENZI, DUE MISURE – I TABULATI DI SIGFRIDO RANUCCI E GIORGIO MOTTOLA DI “REPORT”, ACQUISITI DALLA PROCURA DI ROMA, FINIRANNO NELLE MANI DEL SENATORE SEMPLICE DI RIGNANO, IN QUANTO PERSONA OFFESA. È LO STESSO CHE FRIGNA PERCHÉ I SUOI MESSAGGI SONO FINITI NEL FASCICOLO DI INDAGINE, A FIRENZE, SULLA FONDAZIONE OPEN? - L’OBIETTIVO DELLA PROCURA ROMANA ERA DARE UN NOME ALLA DONNA CHE AVEVA INVIATO AI CRONISTI IL VIDEO DELL’INCONTRO DI RENZI CON LO SPIONE MANCINI, DOPO LA DENUNCIA DELL'EX PREMIER. PECCATO CHE, INSIEME A QUELLO, I PM (E RENZI) ABBIANO RASTRELLATO TUTTI I CONTATTI DEI DUE GIORNALISTI. E BYE BYE ALLA LIBERTÀ DI STAMPA E ALLA SEGRETEZZA DELLE FONTI…

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO SBANCATO! – ALLA GALLERIA DORIA PAMPHILJ SI SONO PRESENTATI I CARICHI DA NOVANTA PER LA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO “BANCOR” (DALLO PSEUDONIMO USATO DA GUIDO CARLI PER I SUOI ARTICOLI SULL’’“ESPRESSO”) – IL RICONOSCIMENTO, ISTITUITO DALL'ASSOCIAZIONE GUIDO CARLI CON IL PATROCINIO DI BANCA IFIS, È ANDATO A SIR MERVYN KING, EX GOVERNATORE DI BANK OF ENGLAND – A MODERARE LUCIA ANNUNZIATA. SONO INTERVENUTI IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO, E IL PRESIDENTE DELLA CONSOB, PAOLO SAVONA. AVVISTATI ANCHE GLI EX MINISTRI DANIELE FRANCO, TIZIANO TREU E  L’INAFFONDABILE "LAMBERTOW" DINI…

viaggi

salute