“SE MI DENUNCIATE VI AMMAZZO” – PRIMA LE BOTTE, POI LA MINACCIA: EDMOND XHAFA, IL 48ENNE ALBANESE CHE HA PESTATO UNA 21ENNE IN UNA PALESTRA DI PESCARA, SPERAVA DI METTERE A TACERE TUTTI I TESTIMONI DELL’AGGRESSIONE. MA ALLA RAGAZZA, CHE NON SI È MAI RIVOLTA ALLA POLIZIA PER PAURA, È BASTATO ANDARE IN OSPEDALE PER FAR SCATTARE IL PROVVEDIMENTO D’UFFICIO - IL BODY BUILDER ERA GIÀ FINITO IN CARCERE PER UN’ALTRA STORIACCIA DI COCAINA E ANABOLIZZANTI CONDITA DAL POSSESSO DI UNA PISTOLA CHE… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell'articolo di Paolo Mastri per “il Messaggero”

 

ragazza aggredita in palestra pescara 8 ragazza aggredita in palestra pescara 8

Lei, Alessia, 21 anni, fisico scolpito da lunghe ore di allenamento, fa la parte del fantasma: entrata in scena per una manciata di secondi, tanto è durata la tremenda aggressione a calci e pugni ripresa dalle telecamere della palestra Audacia di Pescara il 27 luglio scorso, e subito inghiottita da una nebulosa in cui si mescolano paura, riserbo di amici e investigatori, ma anche indifferenza dei più e incertezza di ruoli. Nonostante le evidenze e l'eloquenza delle immagini, non è stata lei a denunciare. Per procedere, i carabinieri hanno dovuto attendere un referto medico di aggravamento, che ha spianato la strada all'intervento di ufficio della Procura, con la corsia preferenziale del Codice rosso.

ragazza aggredita in palestra pescara 7 ragazza aggredita in palestra pescara 7

 

A lui, Edmond Xhafa, 48 anni, nome d'arte Edi, culturista piuttosto noto, una montagna di muscoli prestata al servizio d'ordine di discoteche e locali notturni, in questa storiaccia di cieca violenza di genere spetta di diritto il ruolo del cattivo. Non soltanto per l'accusa di «atti persecutori continuati», stalking secondo la definizione in voga, contenuta nell'ordinanza di custodia adottata dal Gip Nicola Colantonio dopo le indagini lampo sul pestaggio in palestra, immagini diventate virali in poche ore scatenando in città un serrato dibattito sul livello della sicurezza pubblica.

ragazza aggredita in palestra pescara 5 ragazza aggredita in palestra pescara 5

 

A completare il ritratto di un uomo senza scrupoli e senza freni è anche il fatto che il provvedimento ha raggiunto in carcere Edi, ancora oggi un mito per tanta parte del mondo delle palestre: l'albanese era già dentro per una storia di cocaina e anabolizzanti, condita dal possesso di una pistola risultata rubata anni fa a Francavilla, effetto collaterale dell'aggressione dal momento che droga e arma sono saltate fuori nel corso di una perquisizione dei carabinieri.

 

(…)

ragazza aggredita in palestra pescara 4 ragazza aggredita in palestra pescara 4

Meno netto, nonostante i progressi delle indagini e il punto fermo dell'arresto, è il contesto dell'aggressione. La voce che vuole i due legati da un rapporto malato, lei fortemente presa, lui visceralmente geloso, si scontra con la versione ufficiale dei carabinieri, che parlano di un corteggiamento insistente da parte dell'albanese, mai corrisposto dalla ragazza. Non spiega fino in fondo la determinazione a non sporgere denuncia, anche se a cose fatte, via Facebook, Xhafa è stato esplicito con i presenti: «Se mi denunciate vi ammazzo».

ARTICOLI CORRELATI

ragazza aggredita in palestra pescara 2 ragazza aggredita in palestra pescara 2 ragazza aggredita in palestra pescara 1 ragazza aggredita in palestra pescara 1 ragazza aggredita in palestra pescara 6 ragazza aggredita in palestra pescara 6 ragazza aggredita in palestra pescara 9 ragazza aggredita in palestra pescara 9 ragazza aggredita in palestra pescara 3 ragazza aggredita in palestra pescara 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

MYRTA MERLINO, CHE CARATTERINO: FA INCAZZARE TUTTI QUELLI CHE LAVORANO CON LEI – IL DURISSIMO COMUNICATO SINDACALE CONTRO LA CONDUTTRICE: “HA COMPORTAMENTI INCIVILI E MALEDUCATI; INFLUENZA LA POSSIBILITÀ DI PROLUNGARE CONTRATTI DI PERSONALE SPECIALIZZATO CHE LAVORA PROFESSIONALMENTE NELLA NOSTRA AZIENDA E CONDIZIONA LE TURNAZIONI DEL PERSONALE INTERNO CON MOTIVAZIONI CHE NON POSSONO ESSERE CONSIDERATE NÉ DI TIPO PROFESSIONALE E NÉ DI TIPO ETICO” – CHI HA LAVORATO CON LEI SNOCCIOLA RICORDI VELENOSI, DAL LANCIO DI UNO SGABELLO AGLI ASSISTENTI DI STUDIO “USATI” PER PRENOTARE LA CERETTA – E C’E’ CHI LE SPALMA LA CREMA AI PIEDI…

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO NO "PUBLISPEI" NO PARTY! – PER FESTEGGIARE I 50 ANNI DELLA CASA DI PRODUZIONE, FESTONE NEL CAFÉ DI VIA DELLA CONCILIAZIONE A ROMA – CON LINO BANFI, SCORTATO DALLA FIGLIA ROSANNA E DA ELEONORA GIORGI, C'ERA IL TRIO DI TESTE D'ARGENTO CHRISTIAN DE SICA, GIULIO SCARPATI E NINETTO DAVOLI – E POI ARISA CON UN “PAGLIA E FIENO” CHE SI FA A MIAMI DI VERDONIANA MEMORIA E UN INGELATINATO EDOARDO PESCE CON I CALLI SULLE MANI (È TORNATO AL PUB DI SAN LORENZO O FA SOLO BOXE?)

viaggi

salute