“STAI MORENDO, NON MANCA MOLTO: PARLA” - L’APPELLO A MESSINA DENARO DALLA CLINICA DI PALERMO CHE RICORDA ALL’ULTIMO PADRINO DI COSA NOSTRA I SUOI ATROCI CRIMINI, COME QUELLO AL 12ENNE GIUSEPPE DI MATTEO, STRANGOLATO E POI SCIOLTO NELL’ACIDO: “NON MANCA MOLTO AL MOMENTO IN CUI QUEL BAMBINO E TUTTI GLI ALTRI TE LI RITROVERAI DAVANTI” -NEL SUO LUNGO POST SUI SOCIAL, LA RESPONSABILE LEGALE DELLA CLINICA ONCOLOGICA DOVE SI CURAVA IL BOSS MAFIOSO MINACCIA QUERELE CONTRO CHI DIFFAMA LA STRUTTURA: SONO PIOVUTI GIACIMENTI DI CATTIVERIA LIQUIDA”

-

Condividi questo articolo


Estratto da open.online

 

MESSINA DENARO MESSINA DENARO

È un appello accorato quello lanciato dalla responsabile legale della clinica La Maddalena di Palermo, Alessia Randazzo, diretto all’ex paziente della struttura, Andrea Bonafede, alias Matteo Messina Denaro, che per circa due anni è stato curato dai medici palermitani per un tumore.

 

Sui social, Randazzo si rivolge al boss mafioso chiamandolo con il nome che aveva usato quando frequentava l’ospedale oncologico: «Al signor Andrea Bonafede avrei da dire una sola cose: se facendoti prestare una vita che non meriti, nel cammino della malattia ti fossi specchiato in ognuno dei tuoi errori, adesso parla». Secondo Randazzo, come già aveva anticipato un oncologo della stessa struttura nelle ore successive all’arresto del boss, a Messina Denaro resterebbe poco tempo per le sue condizioni di salute.

MATTEO MESSINA DENARO ENTRA NELLA CLINICA LA MADDALENA 1 MATTEO MESSINA DENARO ENTRA NELLA CLINICA LA MADDALENA 1

 

Secondo l’avvocata, Messina Denaro farebbe bene a farsi una sorta di esame di coscienza, alla luce anche dei suoi atroci crimini, come quello al 12enne Giuseppe Di Matteo, strangolato e poi sciolto nell’acido per ordine del boss dopo due anni di prigionia: «Fallo ora – scrive Randazzo – che sai che non manca molto al momento in cui quel bambino e tutti gli altri te li ritroverai davanti».

 

 

Contro la clinica «giacimenti di cattiveria liquida»

A chi invece ha sollevato dubbi e sospetti sul personale della clinica e su quanto fossero davvero ignari che quel paziente altri non fosse se non il boss mafioso, l’avvocata Randazzo risponde: «La volgarità, l’insinuazione, l’illazione sono state le scorciatoie più imboccate in queste ore, quando invece le responsabilità e le risposte sono scritte tutte nella cartella clinica della Repubblica italiana. Per la quale, mi pare evidente, non c’è schema di terapia che possa condurre a guarigione». I responsabili della clinica finora hanno collaborato con i carabinieri del Ros, consegnando la documentazione relativa al paziente Andrea Buonafede. Nessuno del personale è stato indagato, per quanto i momenti di polemica non sono mancati. 

MATTEO MESSINA DENARO ENTRA NELLA CLINICA LA MADDALENA MATTEO MESSINA DENARO ENTRA NELLA CLINICA LA MADDALENA MEME MATTEO MESSINA DENARO MEME MATTEO MESSINA DENARO

 

MATTEO MESSINA DENARO CASA DI CARTA - MEME BY GNENTOLOGO MATTEO MESSINA DENARO CASA DI CARTA - MEME BY GNENTOLOGO

(...)

 

Condividi questo articolo

media e tv

“SONO STATO A UN FESTINO HARD CON MATTEO MESSINA DENARO” – A “LE IENE” ISMAELE LA VARDERA, VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA DELLA REGIONE SICILIANA, RIVELA DI AVER PARLATO CON UN UOMO CHE SOSTIENE DI ESSERE STATO A UNA SERATA IN UNA VILLA IN PROVINCIA DI PALERMO CON IL BOSS – IL RACCONTO DEL TESTIMONE: “PRIMA DI ENTRARE A QUELLA FESTA TI PERQUISIVANO. L’ORDINE ERA DI NON RIVELARE CHI ERA PRESENTE. A MEZZANOTTE ARRIVAVANO LE ESCORT. SNIFFANO QUASI TUTTI. MESSINA DENARO ERA SEDUTO CON UNO DELLE FORZE DELL’ORDINE E CON UN MEDICO. C’ERA PURE UN NOTO POLITICO. IL BOSS SI PRESENTÒ A ME CON IL NOME DI ANDREA E…”

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

business

cronache

sport

FATE LEGGERE QUESTO PEZZO AI TIFOSI DELLA JUVENTUS - PER CAPIRE COME SIA STATA POSSIBILE LA PENALIZZAZIONE DI 15 PUNTI E PERCHE’ SIA STATA SANZIONATA SOLO LA JUVE PER LE PLUSVALENZE, BISOGNA COMPRENDERE CHE SONO CAMBIATE LE PROVE IN MANO MAGISTRATI GRAZIE ALLE CARTE DELL’INCHIESTA PRISMA - LE “EVIDENZE RELATIVE A INTERVENTI DI NASCONDIMENTO” O “MANIPOLATORI” SONO EMERSE SOLO PER LA JUVENTUS (CHE DA SOCIETÀ QUOTATA “DEVE RISPONDERE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI”), MENTRE A CARICO DELLE ALTRE SQUADRE (SAMPDORIA, EMPOLI, GENOA, PARMA, PISA, PESCARA, PRO VERCELLI, NOVARA), “NON SUSSISTONO EVIDENZE DIMOSTRATIVE SPECIFICHE”

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute