“LA STRADA È ORMAI TRACCIATA E PRESTO ARRIVEREMO SU MARTE” – I QUATTRO VOLONTARI ITALIANI AL “MARS DESERT RESEARCH STATION”, DOVE VENGONO SIMULATE LE CONDIZIONI DI VITA SUL PIANETA ROSSO – I RICERCATORI ARRIVERANNO AD APRILE PER CONDURRE STUDI SULLA PURIFICAZIONE DELL'ARIA, L'USO DEI DRONI E TECNOLOGIE PER GARANTIRE IL BENESSERE UMANO NELLE FUTURE IMPRESE SPAZIALI…

-

Condividi questo articolo


Giovanni Caprara per il "Corriere della Sera"

mars desert research station 4 mars desert research station 4

 

Quattro italiani inizieranno presto le loro prove generali di vita su Marte. Il 10 aprile varcheranno la soglia della «Mars desert research station», nel deserto americano dello Utah, rimanendo isolati da tutto mentre le giornate scorreranno con una tabella di marcia analoga a quella che affronteranno i futuri esploratori del Pianeta Rosso. 

 

«La prospettiva mi ispira perché la strada è ormai tracciata e presto arriveremo su Marte» commenta Luca Rossettini, 46 anni, ingegnere aerospaziale milanese che dopo varie esperienze negli Usa, tra cui al centro di ricerca Ames della Nasa in California, è rientrato in Italia dimostrando che si poteva svolgere un lavoro spaziale anche nel nostro Paese creando la società D-Orbit e producendo un vettore trasportatore di nanosatelliti. 

 

mars desert research station 7 mars desert research station 7

La sua partecipazione in questo caso è dedicata al collaudo di un sistema di purificazione dell'aria per veicoli cosmici. Rossettini fa parte di un equipaggio di sei volontari, su una ventina di candidati di vari Paesi, che la privata Mars Society statunitense ha selezionato con la Mars Planet italiana. Il programma si chiama Smops (Space medicine operations) e ha il patrocinio dell'Agenzia spaziale italiana. Oltre ai quattro italiani fanno parte del gruppo un francese e una ricercatrice-medico canadese. 

mars desert research station 9 mars desert research station 9

 

Fino al 23 aprile svilupperanno tecnologie per garantire il benessere umano nelle future imprese spaziali, con un occhio alle eventuali applicazioni terrestri. La stazione è stata creata dalla Mars Society nel 2001 ed è formata da un abitacolo su due piani, dove i volontari vivono e lavorano, più due osservatori per l'astronomia e la sostenibilità ambientale. «Il mio compito sarà in particolare la verifica delle tute da usare nelle attività esterne», spiega Paolo Guardabasso, 30 anni, siciliano e dottorando all'Istituto superiore di Aeronautica e dello spazio di Tolosa. 

mars desert research station 8 mars desert research station 8

 

A Simone Paternostro, romano, esperto di telecomunicazioni all'Agenzia spaziale europea, toccherà la sperimentazione di un dispositivo per analizzare la variazione dell'olfatto, coltiverà piante e, uscendo, indagherà la presenza di Dna nelle rocce. L'architetto spaziale pugliese Vittorio Netti governerà un drone con il quale mapperà la zona effettuando anche una simulazione di emergenza.

mars desert research station 6 mars desert research station 6 mars desert research station 2 mars desert research station 2 mars desert research station 1 mars desert research station 1 mars desert research station 3 mars desert research station 3 mars desert research station 10 mars desert research station 10 mars desert research station 13 mars desert research station 13 mars desert research station 12 mars desert research station 12 mars desert research station 11 mars desert research station 11

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

"LA 'DIVERSITÀ' GRILLINA HA RETTO POCHI ANNI: LA PRESUNZIONE NON FA MENO DANNI ALLA POLITICA DELL’IMMORALITA’" – MICHELE SERRA: “BEPPE GRILLO È SOTTO INCHIESTA. È PURO CINISMO COMPIACERSI DEL FALLIMENTO DEI TENTATIVI DI MORALIZZAZIONE. MA È PURA STUPIDITÀ NON LEGGERE, NEL DISFACIMENTO STRUTTURALE DEL GRILLISMO, LA MERITATA SCONFITTA DELL'IMPROVVISAZIONE E DELLA PRESUNZIONE" – LA PARABOLA DI GRILLO: "DALLO SHOW BUSINESS ALLA FANGOSA ROUTINE GIUDIZIARIA, COME UN SOTTOSEGRETARIO O ASSESSORE, DI QUELLI CHE PIGLIAVA PER I FONDELLI AI TEMPI D'ORO"

business

SIAMO UOMINI O GENERALI?  - ORA CHE CALTAGIRONE E DEL VECCHIO (VIA BARDIN) SI SONO SFILATI DAL CDA, È TUTTO PRONTO PER LA BATTAGLIA FINALE SUL LEONE DI TRIESTE: MA CHI SARANNO I SOLDATI DEI DUE SCHIERAMENTI? DA UN LATO CI SARÀ LA LISTA DEL CDA, CHE RICANDIDERÀ DI CERTO DONNET (GALATERI È IN FORSE) - DALL’ALTRA PARTE CI SONO I “PATTISTI”: IN PISTA PER LA PRESIDENZA LA PRESIDENTE DI MPS PATRIZIA GRIECO E SERGIO BALBINOT. PER IL POSSIBILE AD SI FANNO I NOMI DI TERZIARIOL, DE GIORGI E DELL’AMMINISTRATORE DELEGATO DI POSTE DEL FANTE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute