MA CHE VI PASSA PER LA TESTA! – IN FRANCIA HANNO ADOTTATO UNA LEGGE CHE VIETA LE DISCRIMINAZIONI SUL POSTO DI LAVORO BASATE SULLA CAPIGLIATURA: SI TRATTA DI UNA NORMA PER TUTELARE I CALVI, LE DONNE NERE CHE SI SENTONO OBBLIGATE A LISCIARSI I CAPELLI, CHI HA I DREADLOCKS O I CAPELLI ROSSI – IN TEORIA NEL PAESE C’È GIÀ UNA LEGGE CHE VIETA LE DISCRIMINAZIONI PER L’ASPETTO FISICO, MA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di www.lastampa.it

 

calvizie 6 calvizie 6

L'Assemblea nazionale francese ha adottato in prima lettura con 44 voti favorevoli e due contrari una proposta di legge che vieta le discriminazioni sul posto del lavoro basate sulla capigliatura. Ora il testo passerà al Senato, dove il suo futuro sembra più incerto. Tra le altre cose, il testo mira ad impedire ai datori di lavoro di costringere i dipendenti a lisciarsi i capelli o nascondere treccine e dreadlocks.

 

Il testo del gruppo Liot è stato adottato malgrado le resistenze: «In Francia la discriminazione basata sull'aspetto fisico è già punita in teoria», ha ammesso il promotore della legge Oliver Serva. «Ma dalla teoria alla realtà c'è un abisso», ha sottolineato, chiedendo di «chiarire» una «legge fraintesa o poco compresa».

 

tra dread e pelata tra dread e pelata

Olivier Serva ha citato le discriminazioni contro «donne nere che si sentono obbligate a lisciarsi i capelli» prima di un colloquio di lavoro, «persone dai capelli rossi, vittime di molti pregiudizi negativi» o «uomini calvi». […]

 

 

calvizie 5 calvizie 5 uomo e donna dreadlocks, ungheria 2014 uomo e donna dreadlocks, ungheria 2014 calvizie calvizie calvizie 8 calvizie 8 calvizie 7 calvizie 7 calvizie calvizie

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)