MA NON LE ABBIAMO GIÀ VISTE ‘STE SCENE INDEGNE? – BUFERA SULLA POLIZIA IN TEXAS DOVE DUE AGENTI A CAVALLO HANNO TIRATO CON UN GUINZAGLIO UN DETENUTO DI COLORE: NELLA FOTO DENUNCIA SI VEDE L’UOMO, CON LE MANI LEGATE DIETRO LA SCHIENA, CHE VIENE TRASCINATO COME UN CANE – L’IMMAGINE HA SCATENATO LE PROTESTE E LA POLIZIA È STATA COSTRETTA A CORRERE AI RIPARI: “È UNA TECNICA COLLAUDATA, MA…”

-

Condividi questo articolo

Da "www.ilmessaggero.it"

 

poliziotti portano al guinzaglio prigionero nero 1 poliziotti portano al guinzaglio prigionero nero 1

Bufera sulla poliziadi Galveston, in Texas, dopo che su facebook è comparsa la foto di agenti a cavallo che scortano un uomo di colore con le mani legate dietro la schiena e che cammina al loro fianco, tirato per una corda.

 

L'uomo, Donald Neely, 43 anni, è stato arrestato sabato con l'accusa di violazione di domicilio. La polizia ha spiegato che l'uomo è stato ammanettato e che alle manette è stata poi fissata la corda come fosse un guinzaglio.

 

L'immagine ha scatenato un putiferio online, dove la polizia è stata accusata di aver indebitamente legato l'uomo, tanto più se era già stato ammanettato. «Che bisogno c'era di trascinarlo come un cane?», la domanda che si sono fatti in molti. Il Dipartimento di polizia di Galveston ha pubblicato un comunicato in cui spiega cosa è successo e chiede ufficialmente scusa al 43enne arrestato.

 

poliziotti portano al guinzaglio prigionero nero 2 poliziotti portano al guinzaglio prigionero nero 2

«Innazitutto dobbiamo porgere le scuse al signor Neely per l'inutile imbarazzo. Sebbene si tratti di una tecnica collaudata e in alcuni scenari raccomandata - spiega il capo della polizia - credo che i nostri ufficiali abbiano mostrato scarso giudizio in questo caso e che avrebbero potuto aspettare un'unità di trasporto nel luogo di arresto.

donald neely donald neely

 

I miei ufficiali non avevano alcun intento malizioso al momento dell'arresto, ma abbiamo immediatamente modificato la politica per impedire l'uso di questa tecnica e rivedremo tutta la formazione e le procedure».

il post della cognata di neely il post della cognata di neely patrick brosch patrick brosch vernon hale vernon hale

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

NON GUARDATE AL DITINO RUSSO MA ALLA LUNA CINESE - TRUMP VUOLE ARCHIVIARE IL G7 E PASSARE AL G11, CON IL RITORNO AL TAVOLO DI PUTIN MA ANCHE DI INDIA, AUSTRALIA, COREA DEL SUD. NON C'ENTRA IL SOLITO SOSPETTO DI INTESA CON IL NEMICO RUSSO, MA UN MODO IL TUTTO PER METTERE UN ''CUNEO'' NELLA VIA DELLA SETA. SONO TUTTI PAESI OSTILI ALL'ASCESA INARRESTABILE DELLA CINA - L'ITALIA COSTRETTA A ESSERE ''SCETTICA'': IN QUESTO MOMENTO DEVE SEGUIRE LA LINEA DI FRANCIA E GERMANIA, IL RECOVERY FUND CONTA PIÙ DEI SUMMIT

business

cronache

“CONTE NON E’ LA PERSONA GIUSTA, AL GOVERNO MEGLIO UN CONTADINO CHE HA FATTO IL CLASSICO” - LA DURISSIMA INTERVISTA A LUCA RICOLFI: “TEMO CHE L’ITALIA FALLIRÀ. QUESTO GOVERNO STA PRENDENDO SOLDI CHE NON HA, E PRIMA O POI I MERCATI CI CHIEDERANNO IL CONTO - QUANDO LA PAURA SPARIRÀ, ESPLODERÀ LA RABBIA SOCIALE - BISOGNA FARE COME IN IRLANDA: NIENTE BUROCRAZIA E IMPOSTA SOCIETARIA NON OLTRE IL 12.5% - SALVINI HA DIMOSTRATO DI NON AVERE LINGUAGGIO E L'ORGANIZZAZIONE MENTALE PER FARE IL PREMIER - SE AVESSERO FATTO GESTIRE L'EPIDEMIA AD ANDREA CRISANTI AVREMMO AVUTO DIECIMILA MORTI IN MENO - LA LOMBARDIA HA FATTO ERRORI ENORMI”

sport

cafonal

viaggi

salute