NEL NOME DI D-IOR! - PER LA PRIMA VOLTA DALLA FONDAZIONE, GLI ITALIANI SONO FUORI DAL CDA DELLA BANCA VATICANA - FUORI CARLO SALVATORI E PIU' SPAZIO A GERMANIA, SPAGNA E USA - AVRANNO MAGGIOR PESO CAVALIERI DI COLOMBO E L'OPUS DEI - IL NUOVO ASSETTO CONFERMA CHE BERGOGLIO SULLE FINANZE DELLA SANTA SEDE NON TOCCA PALLA

Condividi questo articolo


Francesco De Dominicis per "Libero Quotidiano"

 

Il torrione Niccolò V, sede dello Ior niccolov Il torrione Niccolò V, sede dello Ior niccolov

Un americano, uno spagnolo e un tedesco. No, non è una barzelletta. Del resto, non c’è l’italiano. E, in effetti, l’italiano manca davvero - dopo l’ultimo giro di poltrone deciso giovedì nei Sacri palazzi - dal consiglio di amministrazione della banca Vaticana. Perché Carlo Salvatori, che era l’unico a rappresentare il nostro Paese, si è dimesso a giugno e non è stato rimpiazzato da un connazionale coi nuovi ingressi nel board dello Ior, l’Istituto per le opere di religione. 

 

CARL ANDERSON CAVALIERE SUPREMO DEI CAVALIERI DI COLOMBO CARL ANDERSON CAVALIERE SUPREMO DEI CAVALIERI DI COLOMBO

Comunque, l’esclusione dell’Italia dalla banca di Dio non è nemmeno la notizia più succosa che arriva da Oltretevere. Anche se è la prima volta dalla fondazione nel 1942. Altri aspetti meritano maggiore attenzione. Dietro le ultime nomine allo Ior, infatti, si cela l’ennesima prova della spartizione del potere tra i vari gruppi di interesse che gravitano da sempre attorno al Vaticano.

 

cavalieri dell ordine di malta (9) cavalieri dell ordine di malta (9)

Tra i quali l’Opus Dei (ecco gli spagnoli) e le cosiddette diplomazie parallele, come l’Ordine di Malta (ecco i tedeschi) e i Cavalieri di Colombo (ecco gli americani). Le nomine, peraltro, confermano che Papa Francesco, sulle finanze della Santa sede, non tocca palla. E confermano pure che l’ipotesi tratteggiata in passato dallo stesso Pontefice, secondo il quale il Vaticano può fare a meno di una banca, non è nemmeno accarezzata a chi maneggia il denaro Oltretevere. 

 

Veniamo ai nomi dei tre nuovi consiglieri, che portano il totale dell’organo di governo del Torrione di Niccolò V sette membri: arriva dagli Stati Uniti Scott C. Malpass, direttore finanziario della Notre Dame University; Malpass troverà la collega americana Mary Ann Glendon.

 

papa francesco e il mate papa francesco e il mate

È spagnolo il passaporto di Javier Marín Romano, che vanta un passato ad alti livelli al Santander, il colosso finanziario «vicino» all’organizzazione fondata da Josemaría Escrivá, che già può contare, nel cda dello Ior, sul cileno Mauricio Larraín. In quota «tedesca» c’è Georg Freiherr von Boeslager,  bancario e, soprattutto, «maltese». Il quadro è completato dal presidente, il francese Jean Baptiste De Franssu, e dall’anglo-australiano, Michael Hintze, portato dal cardinale  George Pell, ora un po’ in ombra, ma all’inizio del pontificato di Francesco, custode unico degli affari economici Oltretevere. 

 

DE FRANSSU DE FRANSSU

I nuovi membri entrano in carica ad anno sostanzialmente terminato: i risultati  non potranno essere riconducibili al loro operato. E il 2016 è cruciale per il futuro dello Ior. Bisogna capire se la banca è capace di tornare a staccare quell’assegno annuo da circa 50 milioni di euro, garantito a lungo ai Papi  e l’anno scorso ridotto ad «appena» 16 milioni.

 

Se la tendenza continuerà al ribasso, Jorge Bergoglio potrebbe avere qualche ragione se volesse fare a meno dello Ior. Finora sono prevalsi vari interessi e i porporati hanno suggerito al Pontefice di soprassedere. Lo hanno convinto mischiando le carte, a colpi di riforme. E con la lotta al denaro sporco che, tuttavia, non ha convinto a pieno nemmeno la Procura di Roma.

GEORGE PELL GEORGE PELL

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...

FLASH! – LA RAI CHE VERRÀ? ECCOLA! IERI, IN PRIMA SERATA SU RAI3, “IL PROVINCIALE” CONDOTTO DA FEDERICO QUARANTA, HA COINVOLTO LA MISERIA DI 493.000 SPETTATORI E IL 2.8% DI SHARE (PEGGIO PURE DI NUNZIA DE GIROLAMO) - TRATTASI DEL PROGRAMMA-SIMBOLO DI ANGELO MELLONE, DIRETTORE DELL'INTRATTENIMENTO DAY TIME - UN TIPINO PERBENE, ANZI PERBENITO, CAPACE DI TUTTO: SCRITTORE, CANTANTE, POETA, REGISTA. NONCHÉ CANDIDATO A FARE IL DIRETTORE GENERALE O FICTION UNA VOLTA CHE LA DUCETTA INNALZERÀ IL SUO PRETORIANO GIAMPAOLO ROSSI AD AMMINISTRATORE DELEGATO…