NOTIZIA BOMBA DA AREZZO: IN UN BOSCO SONO STATI TROVATI 76 ORDIGNI RISALENTI ALLA SECONDA GUERRA MONDIALE, RIMASTI NASCOSTI NELLA VEGETAZIONE PER 80 ANNI - C'ERA OGNI BEN DI DIO: 43 BOMBE DA MORTAIO E 23 FUMOGENE, OLTRE A ESPLOSIVI PIÙ PICCOLI E GRANATE – L’ARSENALE E’ STATO RINVENUTO NEL RAGGIO DI UN CHILOMETRO, DOVE I TEDESCHI, ALLA FINE DELLA GUERRA AVEVANO ALLESTITO UNA LINEA DIFENSIVA…

-

Condividi questo articolo


 

ordigni della seconda guerra mondiale 4 ordigni della seconda guerra mondiale 4

(ANSA) - Ritrovati, rimossi e fatti brillare in sicurezza in luogo idoneo ben 76 ordigni bellici inesplosi che erano rimasti da 80 anni tra la vegetazione di un bosco di Subbiano (Arezzo). Li hanno segnalati agli artificieri i Carabinieri Forestali. Si tratta di 43 bombe da mortaio da due pollici, 23 bombe da mortaio da due pollici fumogene, nove bombe da mortaio da tre pollici e una granata da fucile. Gli ordigni sono stati ritrovati dai militari in tre differenti aree, nel raggio di circa un chilometro, dove i tedeschi in ritirata avevano allestito una linea difensiva.

 

ordigni della seconda guerra mondiale 1 ordigni della seconda guerra mondiale 1

La rimozione e il successivo trattamento degli ordigni sono stati opera di personale del reggimento Genio Pontieri dell'Esercito a Piacenza che ha prelevato, nella giornata di mercoledì, gli ordigni pericolosi per farli brillare all'interno di una cava dismessa poco distante, con il supporto di tutte le varie figure attivate dal protocollo, compresi i Carabinieri Forestali.

 

L'Arma ricorda che è possibile, in aree soprattutto montane, imbattersi in ordigni bellici inesplosi, spesso risalenti ai due conflitti mondiali. Qualsiasi oggetto metallico che ricorda un pesce potrebbe essere un colpo da mortaio, oppure un corpo di forma rettangolare o circolare che fuoriesce dal terreno come se fosse un tasto, potrebbe essere una mina. Non vanno toccati e vanno segnalati alle forze dell'ordine.

ordigni della seconda guerra mondiale 2 ordigni della seconda guerra mondiale 2 ordigni della seconda guerra mondiale 3 ordigni della seconda guerra mondiale 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE

FLASH! - COSA PUOI FARE PER DENUNCIARE LE GUERRE NEL MONDO? PER NON SBAGLIARE, VAI A CASA E ARRUOLA TUA MOGLIE! - È QUELLO CHE DEVE AVER PENSATO IL PRESIDENTE DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA SERGIO CASTELLITTO QUANDO SI È INVENTATO “DIASPORA DEGLI ARTISTI IN GUERRA”. AL CENTRO DELL’EVENTO, FINANZIATO DAL PNRR, BRILLA IL LONGANESIANO “TENGO FAMIGLIA”: LA SCRITTRICE MARGARET MAZZANTINI, MOGLIE DI CASTELLITTO, CONVERSERÀ CON DAVID GROSSMAN – A SANGIULIANO, CUI DIPENDE IL CSC, PARE OPPORTUNO CHE TRA TANTI LETTERATI IN CIRCOLAZIONE, SI VA A SCEGLIERE LA PROPRIA CONIUGE? 

STREGA CONTRO STREGA – SOSPINTA DAI QUEI SALOTTI ROMANI ALL’INSEGNA DELLA ‘’FROCIAGGINE’’, COME DIREBBE IL PAPA, CHIARA VALERIO STA INSEGUENDO LA FAVORITISSIMA DONATELLA DI PIETRANTONIO - ALL’INIZIO LA VALERIO SOSTENEVA CHE LEI MAI E POI MAI AVREBBE PARTECIPATO ALLO STREGA E CHE CON IL SUO ROMANZO AMBIVA AL PREMIO CAMPIELLO. INVECE, MISTERO DEI MISTERI, AL CAMPIELLO PRESIEDUTO DA VELTRONI IL NOME VALERIO NON È MAI APPARSO TRA I CANDIDATI. COME MAI? UN DISSAPORE CON VELTRONI DA PARTE DI CHIARA MOLTO LEGATA A ELLY SCHLEIN CHE NON AMA WALTER-EGO? AH, SAPERLO…