OGGI LA CALIFORNIA, DOMANI GLI USA - GLI ISPANICI HANNO SUPERATO LA POPOLAZIONE BIANCA IN CALIFORNIA - IL PROSSIMO “SORPASSO” IN TEXAS E FLORIDA - - -

Il mutamento demografico dipende dall’immigrazione, che però negli anni della crisi economica ha un po’ rallentato, e il tasso di riproduzione, che nelle famiglie ispaniche è parecchio più alto - Con l’espansione dei latinos il Partito democratico guadagna voti - Lo spagnolo è già più parlato dell’inglese in molti stati Usa…

Condividi questo articolo


Paolo Mastrolilli per "la Stampa"

LATINOS NEGLI STATI UNITILATINOS NEGLI STATI UNITI

Marzo 2014, la California torna ad essere ispanica. Non proprio messicana, come era a metà dell'Ottocento, ma dominata da una maggioranza di abitanti di radice latina.

La svolta, attesa da tempo ma ormai imminente, è annunciata nei documenti che accompagnano le proposte per il bilancio dello stato avanzate dal governatore Jerry Brown. A marzo i cittadini di origine ispanica diventeranno il 39% del totale, scavalcando i bianchi che scenderanno al 38,8%. Se si pensa che 25 anni fa i bianchi erano il 57% del totale e i latini il 26%, si capisce meglio la trasformazione continua e inarrestabile, che è destinata a proseguire nel futuro.

Il mutamento demografico dipende da due fattori: l'immigrazione, che però negli anni della crisi economica ha un po' rallentato, e il tasso di riproduzione, che nelle famiglie ispaniche è parechcio più alto. Questa tendenza forse frenerà, mano a mano che i latini verranno integrati e saliranno sulla scala sociale. Al momento, però, la differenza tra ispanici e bianchi è così ampia, che il sorpasso verrà consolidato e probabilmente si ripeterà in altri stati grandi e importanti, come il Texas e la Florida.

Questa "reconquista" demografica ha almeno due effetti immediati: uno culturale, l'altro politico. Sul primo piano, basta guardare alla lingua. In certe regioni degli Stati Uniti ormai lo spagnolo si parla più dell'inglese, e questo è solo un indicatore degli altri cambiamenti sociali in corso. Naturalmente i conservatori più contrari all'immigrazione vedono in questa tendenza la decadenza del paese, ma altri ci leggono una ricchezza che lo rafforzerà, senza far perdere i punti di forza dell'America.

Il secondo effetto è politico, perché gli ultimi arrivati in genere tendono a votare per il Partito democratico, che difende di più i loro interessi e sta cercando di far passare la riforma dell'immigrazione. In California il risultato è già evidente, perché almeno nelle elezioni presidenziali sono decenni ormai che un repubblican non conquista lo stato. Se la stessa evoluzione avvenisse in Texas, regione saldamente nelle mani del Gop, o in Florida, più contesa e in bilico, i democratici potrebbero conservare la presa sulla Casa Bianca per almeno un'altra generazione.

LATINOS NEGLI STATI UNITILATINOS NEGLI STATI UNITI Latinos in USALatinos in USA

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

MA INSOMMA, COSA HA DECISO LA CONSOB SULLE LISTE DEI CDA? - ANCHE SE IL RICHIAMO DELLA COMMISSIONE CHE VIGILA SULLA BORSA VALE PER L’INTERO MERCATO, È DIFFICILE NON NOTARE ANALOGIE TRA LA BOZZA E L’ITER PREDISPOSTO DA GENERALI PER IL RINNOVO DEL BOARD - DI FATTO, L’AUTHORITY DILATA I TEMPI DEL CONFRONTO E NON BOCCIA DI PER SÉ LA LISTA DEL CONSIGLIO USCENTE, ANCHE SE PONE ALCUNI PALETTI - IL NODO È SEMPRE LO STESSO: LA RICONFERMA AL VERTICE DEL LEONE DI DONNET, CHE CALTAGIRONE E DEL VECCHIO VOGLIONO SILURARE...

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute