ORBAN, FACCE RIDE: L'UNGHERIA RILASCIA I PEDOFILI MA NON ILARIA SALIS – LA PRESIDENTE UNGHERESE KATALIN NOVAK SI E' DIMISSA DOPO AVER GRAZIATO UN CONDANNATO PER REATI SESSUALI SU MINORI – LA POLITICA UNGHERESE, CONSIDERATA MOLTO 'VICINA' AL PRIMO MINISTRO VIKTOR ORBAN, HA DICHIARATO DI AVER COMMESSO “UN ERRORE” – NEL FRATTEMPO A ROMA UN CENTINAIO DI MANIFESTANTI SI E’ SCONTRATO CON LA POLIZIA DURANTE IL CORTEO DI SOLIDARIETA' CON LA 39ENNE - VIDEO

-

Condividi questo articolo


1. UNGHERIA: PRESIDENTE SI DIMETTE DOPO GRAZIA AD UN PEDOFILO 

katalin novak viktor orban 5 katalin novak viktor orban 5

(ANSA-AFP) - La presidente ungherese Katalin Novak ha annunciato le proprie dimissioni in seguito allo sdegno suscitato nel paese dalla sua decisione di graziare un condannato per reati sessuali su minori. "Mi dimetto dal mio incarico", ha dichiarato in un discorso ufficiale la capo di Stato riconoscendo di aver commesso "un errore". Nel marzo 2022 Novak, considerata molto 'vicina' al Primo ministro Viktor Orban, era diventata la prima donna a ricoprire questa posizione sostanzialmente cerimoniale.

katalin novak 3 katalin novak 3

 

"Mi scuso con coloro che ho ferito e con tutte le vittime che possono aver sentito che non le ho sostenute. Sono, ero e rimarrò a favore della protezione dei bambini e delle famiglie", ha aggiunto la 46enne ex ministro delle Politiche familiari. A scatenare la polemica è stata la grazia concessa nell'aprile 2023, in occasione della visita di Papa Francesco a Budapest, a un ex vicedirettore di un istituto per minori, condannato nel 2022 a più di tre anni di carcere per aver coperto le azioni del suo superiore.

 

katalin novak viktor orban 4 katalin novak viktor orban 4

Dalla rivelazione di questa decisione da parte del sito web investigativo 444, la scorsa settimana, l'opposizione ha chiesto le sue dimissioni e la rabbia è cresciuta nel Paese. Pochi minuti dopo il discorso di Novak, anche un'altra alleata di Viktor Orban, Judit Varga, ha annunciato il proprio "ritiro dalla vita pubblica" per aver dato la sua approvazione come ministro della Giustizia - incarico che aveva lasciato quest'estate per guidare la campagna elettorale europea. "Rinuncio al mio mandato di deputato e di capo lista al Parlamento europeo", ha dichiarato su Facebook.

 

2. SCONTRI TRA MANIFESTANTI-POLIZIA A CORTEO PER ILARIA SALIS

manifestazione a roma per ilaria salis 3 manifestazione a roma per ilaria salis 3

(ANSA) - ROMA, 10 FEB - Scontri a Roma tra manifestanti e le forze dell'ordine al corteo per Ilaria Salis. Un centinaio, tra studenti e anarchici, dopo aver tentato di raggiungere con un corteo spontaneo l'Ambasciata di Ungheria a Roma, sono stati bloccati dalla polizia. Dopo momenti di tensione fumogeni e cori contro le forze dell'ordine si sono verificati gli scontri.

manifestazione a roma per ilaria salis 1 manifestazione a roma per ilaria salis 1 katalin novak viktor orban 3 katalin novak viktor orban 3 katalin novak viktor orban 1 katalin novak viktor orban 1 katalin novak 1 katalin novak 1 katalin novak 2 katalin novak 2 katalin novak viktor orban 2 katalin novak viktor orban 2 manifestazione a roma per ilaria salis 2 manifestazione a roma per ilaria salis 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”