UN PIATTO DA RESTARCI SECCHI! – IN NUOVA ZELANDA UNA DONNA HA RACCOLTO DELLE VONGOLE SULLA SPIAGGIA E LA MATTINA DOPO SI È RISVEGLIATA DEL TUTTO PARALIZZATA – RICOVERATA IN OSPEDALE, SOLO DOPO 12 ORE È TORNATA ALLA NORMALITA' – A SUA INSAPUTA AVEVA INGERITO IL VELENO DEI BIVALVI, UNA BIOTOSSINA PRODOTTA DA UNA MICRO ALGA CHE PUÒ CONTAMINARE FRUTTI DI MARE E MOLLUSCHI

-

Condividi questo articolo


Da www.leggo.it

 

VONGOLE VONGOLE

Aveva raccolto delle vongole in spiaggia e le aveva mangiate, ma in poche ore è rimasta completamente paralizzata. È l'incubo di Kim Taia, donna neozelandese che è stata salvata in ospedale dopo 12 ore di paralisi. Kim a sua insaputa aveva infatti ingerito il veleno paralizzante dei bivalvi, una biotossina presente in natura - è prodotta da una micro alga - che può contaminare vongole e molluschi.

 

«Mi sentivo sotto anestesia, non respiravo»

VONGOLE VONGOLE

Dopo essere stata salvata, Kim ha deciso di condividere la propria esperienza per sensibilizzare la popolazione sui rischi di mangiare molluschi e vongole non controllati. Il suo incubo è iniziato è iniziato sulla spiaggia di Little Waihi Beach in Nuova Zelanda dove ha raccolto le vongole. Il giorno dopo la donna si è svegliata intorpidita: «La mia testa ha iniziato a intorpidirsi e mi sentivo stordita. Non riuscivo a parlare chiaramente - mi chiedevo cosa c'era che non andava, avevo le vertigini, ma poi ho iniziato a perdere la sensibilità alle mani e alle braccia».

 

BIOTOSSINE MOLLUSCHI BIOTOSSINE MOLLUSCHI

Vedendo che stava peggiorando e che non riusciva più a parlare il figlio ha chiamato immediatamente l'ambulanza. Ricoverata in ospedale, la donna racconta che si sentiva "come sotto anestesia": «Mi sentivo sempre più debole, il mio respiro stava rallentando e pensavo che sarei morta. Non riuscivo a respirare». Per fortuna i medici sono riusciti a salvarla.

 

Veleno paralizzante dei bivalvi, cosa è

BIOTOSSINE ALGALI BIOTOSSINE ALGALI

Veleno paralizzante dei bivalvi o saxitossina è potente tossina marina sintetizzata da alghe microscopiche. Quando vongole o cozze mangiano le alghe con la biotossina, è possibile che trattengano la tossina. Questa colpisce il sistema nervoso e paralizza i muscoli. I sintomi includono intorpidimento e formicolio intorno alla bocca e al viso. Può essere letale in casi gravi.

VONGOLE VONGOLE vongole 2 vongole 2 vongole 1 vongole 1 VONGOLE VONGOLE

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

MI È SCAPPATO UN CETO (MEDIO) – STEFANO LEPRI RISPONDE A MASSIMO GIANNINI, CHE IERI IN UN EDITORIALE AVEVA PARLATO DEL “CETO MEDIO TRADITO”: “NEGLI ULTIMI 30 ANNI I REDDITI CHE DAVVERO SI SONO ABBASSATI SONO QUELLI DEI GIOVANI. SONO STATI INVECE PROTETTI I REDDITI DEGLI ANZIANI. DUE ESEMPI DI CETO MEDIO POSSONO ESSERE UN COMMERCIANTE E UN IMPIEGATO: IL PRIMO PAGA MOLTE MENO TASSE, LAMENTANDOSENE PERÒ PIÙ DEL SECONDO CHE SUBISCE TRATTENUTE A CUI HA FATTO L'ABITUDINE. PUÒ CAPITARE CHE A LAVORI CON MAGGIOR PRESTIGIO SOCIALE CORRISPONDANO REDDITI PIÙ BASSI. DAVVERO, CHE COSA INTENDIAMO PER CETO MEDIO?”

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

COPRITEVI, STA ARRIVANDO UN'ONDATA DI INFLUENZA “AUSTRALIANA”: NELLA SETTIMANA DAL 20 AL 27 NOVEMBRE, E' STATO COLPITO IL 13% DEGLI ITALIANI COME CI PROTEGGE? CON I FARMACI ANTIPIRETICI, PER FAR ABBASSARE LA FEBBRE. NON SONO INDICATI GLI ANTIBIOTICI PERCHÉ L'INFLUENZA È UNA MALATTIA VIRALE, NON BATTERICA. POSSONO ESSERE UTILI SEDATIVI PER LA TOSSE E AEROSOL - I SINTOMI TIPICI DELL'INFLUENZA SONO TRE: FEBBRE ALTA, TOSSE E DOLORI MUSCOLARI - LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE GUARISCE IN 7-10 GIORNI…