E POI DICONO DI ROMA – IL DEGRADO DI MILANO FA INCAZZARE PERSINO MONTEZEMOLO: “SE MIA FIGLIA DOVESSE SCENDERE ALLE 10 DI SERA A ROGOREDO NON CE LA MANDEREI. VERSA IN UNA SITUAZIONE DRAMMATICA” – SALA CIANCIA DI “MILANO SICURA” MA IL SUO PIANO NON STA FUNZIONANDO: IN DUE MESI CI SONO STATI DIECI CASI DI VIOLENZA SESSUALE UNO PEGGIORE DELL’ALTRO E OGNI GIORNO C’È UNA RISSA TRA CLANDESTINI

-

Condividi questo articolo


Claudio Cartaldo per www.ilgiornale.it

stazione milano rogoredo 1 stazione milano rogoredo 1

 

Milano è sicura oppure no? A valuta gli ultimi casi di cronaca verrebbe da dire che la "cura Sala" non ha aiutato gli abitanti della città meneghina a vivere tranquilli e beati.

 

L’ultimo caso ha richiesto lo sforzo della compagnia dei carabinieri di Corsico che hanno fermato Hali Mohamed, un marocchino 30enne che ora dovrà rispondere delle accuse di sequestro di persona, rapina e violenza sessuale.

luca cordero di montezemolo (2) luca cordero di montezemolo (2)

 

Secondo quanto raccontato dalla presunta vittima, il 30enne avrebbe obbligato una sua connazionale di 32 anni a salire su un taxi abusivo per poi stuprarla nel suo appartamento dopo averla rapita e sequestrata. Una notte di orrore. Ma non l’unica a Milano.

 

GUIA CORDERO DI MONTEZEMOLO GUIA CORDERO DI MONTEZEMOLO

In due mesi, come ricordava oggi Il Giornale, le autorità hanno registrato dieci casi di violenza sessuale. Uno peggiore dell’altro. Ci sono la 70enne rapinata e violentata nel suo appartamento alla Bovisasca e quattro violenze sessuali di cui ancora non si conoscono gli autori. Per le altre sei, i colpevoli sono tutti immigrati.

 

Ma i problemi di Milano si vedono anche nelle stazioni. Di notizie su risse tra clandestini di fronte a Centrale se ne contano a bizzeffe. Uno dei più recenti è quello di metà settembre, quando due gruppi di stranieri con precedenti penali si sono affrontati a colpi di catene e bottiglie. Alcuni erano regolari, altri richiedenti asilo.

 

stazione milano rogoredo barboni stazione milano rogoredo barboni

Pochi giorni prima, era inizio settembre, un marocchino di 26 anni è stato colpito da un aggressore con un cavatappi. A maggio, invece, le cronache raccontano di una violenta rissa tra immigrati tra turisti e cittadini allibiti.

 

degrado a rogoredo degrado a rogoredo

Ecco perché le dichiarazioni rilasciate da Luca Cordero di Montezemolo in audizione alla Commissione Trasporti della Camera non lasciano sorpresi. Parlando delle stazioni milanesi, il presidente di Italo-Nuovo Trasporto Viaggiatori ha riassunto perfettamente lo stato delle stazioni nel Milanese. "Rogoredo versa in una situazione drammatica - ha detto di fronte ai deputati - se avessi una figlia di 15 anni (e ce l'ho) che dovesse scendere alle 10 di sera a Rogoredo non ce la manderei". Chissà se l’Amministrazione meneghina sbandiererà ancora a lungo lo slogan "Milano sicura".

degrado a rogoredo 4 degrado a rogoredo 4 degrado a rogoredo 3 degrado a rogoredo 3 stazione milano rogoredo stazione milano rogoredo degrado a rogoredo 1 degrado a rogoredo 1 degrado a rogoredo 2 degrado a rogoredo 2 degrado a rogoredo 5 degrado a rogoredo 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“UNA PARTE DEI SOLDI DEL CONCERTO DI BENEFICENZA DI BAGLIONI IN VATICANO SONO SPARITI” - IL RACCONTO DI MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA AI PROMOTORI DI GIUSTIZIA VATICANI: “L’AULA NERVI ERA STRAPIENA, MA ALLA SEGRETERIA DI STATO ARRIVARONO 6-700 MILA EURO. NON MANCAI DI RAPPRESENTARE A MONSIGNOR BECCIU LA MIA DELUSIONE E LUI MI DISSE CHE…” - L’EVENTO SERVIVA PER LA COSTRUZIONE DI UN’OSPEDALE IN AFRICA: “IL PAPA AVEVA DETTO DI AVER DATO ALLA SEGRETERIA DI STATO UNA CERTA CIFRA, MA A NOI RISULTAVANO DUE MILIONI IN MENO”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

CI VUOLE TESTA PER IL VIRUS – NELL’ULTIMO ANNO, I CASI DI MAL DI TESTA E CEFALEE SONO AUMENTATI DEL 40% - LE CAUSE DI QUESTO AUMENTO SONO SOPRATTUTTO L’ANSIA E LO STRESS DELLA PANDEMIA, MA ANCHE DALLO SMARTWORKING E LA DAD E LO STARE INCOLLATI ALLO SCHERMO SENZA PAUSE – IL MEDICO DI LORENZO: “IL MIO CONSIGLIO È QUELLO DI FARE DELLE PAUSE. ALZARSI IN PIEDI, SGRANCHIRSI LE GAMBE E USCIRE DI CASA. BASTANO POCHE CENTINAIA DI METRI PER DISTENDERE LA MUSCOLATURA E LA MENTE.”