QUAL È IL COLMO PER IL “RE DELLE PORTE BLINDATE”? FARSI SFONDARE CASA DAI LADRI – COLPO GOBBO NELLA VILLA DEI CASTELLI ROMANI ALL’INDUSTRIALE 77ENNE BENEDETTO FEDELI: UNA BANDA HA FORZATO IL PORTONE DI INGRESSO, UTILIZZANDO UNA MACCHINA COME AUTO-ARIETE PER FORZARE IL CANCELLO – I LADRI HANNO PORTATO VIA LA CASSAFORTE. IL BOTTINO? QUALCHE PEZZO DI ARGENTERIA E DUE ARMI – NEL 1997 FEDELI SUBÌ UNA RAPINA IN CASA E SPARÒ A UN 26ENNE CHE…

-

Condividi questo articolo


Alessia Marani per “Il Messaggero”

 

ladri in azione ladri in azione

Colpo gobbo nella villa dei Castelli del re delle porte blindate, l'industriale Benedetto Fedeli. L'uomo, oggi 77enne, subì nella stessa abitazione in via dei Laghi, in località Marino, nel 97 un tentativo di rapina in piena notte da parte di un gruppo di slavi. Allora, con l'intento di spaventarli, aprì il fuoco con la sua Smith & Wesson 357 regolarmente denunciata e sparò colpendo un 26enne, poi finito in coma e rimasto paralizzato. Un episodio per cui Fedeli fu chiamato a rispondere di tentato omicidio.

 

LADRI LADRI

La notte del primo settembre nella sua villa, a distanza di ventiquattro anni, ha fatto incursione un'altra banda. Più persone che, tra l'una e le due, hanno forzato il portone di ingresso, manomettendo il cilindro della serratura e utilizzando una macchina come auto-ariete per forzare i pistoni del freno motore del cancello automatico all'ingresso. Fino ad arrivare ad agguantare la cassaforte da terra che era in casa. Indisturbati, perché l'industriale non era presente e il guardiano, che vive in un'abitazione più in basso, credeva che i rumori che aveva sentito fossero i soliti schiamazzi provenienti da un ristorante vicino. Invece, erano i ladri.

furti nelle case furti nelle case

 

Bottino? Non ingente come sperato, evidentemente dal commando. Da quanto ricostruito dai carabinieri di Castelgandolfo che ieri sono tornati nella villa per un ulteriore sopralluogo, infatti, nella cassaforte vi era più che altro dell'argenteria, un fucile a piombini e la stessa pistola che sparò nel 97 e che ormai Fedeli teneva ben chiusa.

ladri ladri

 

IL DUBBIO

Possibile che fosse l'arma l'obiettivo della banda? L'azione appare piuttosto eclatante rispetto al target, ma tutte le ipotesi restano aperte. Fedeli è domiciliato nel Centro di Roma ed è residente a Montecarlo. Nella villa dei Castelli va di tanto in tanto, trascorrendoci qualche week-end. Per questo all'interno non teneva più oggetti di eccessivo valore, né l'abitazione era presidiata da telecamere o altri accorgimenti particolari.

ladri in casa ladri in casa

 

Qualcuno che ha avuto accesso alla villa e ha avuto modo di scorgere la cassaforte, tuttavia, potrebbe avere pensato che dentro vi fossero valori o orologi di pregio. Quella notte del 97 Fedeli era nella villa con la moglie e il figlioletto di soli 15 giorni. Sentì dei rumori, scorse dalla finestra del primo piano due uomini che con una mazza ferrata stavano tentando di sfondare una vetrata blindata al piano terra e, in preda alla paura, sparò.

ladri in casa ladri in casa ladri in casa ladri in casa ladri in casa ladri in casa rapinatori rapinatori

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO

DAGOREPORT - IL 1 LUGLIO DOVREBBE PARTIRE LA NETCO (EX RETE TIM) TARGATA KKR, E LA SQUADRA È GIÀ PRONTA: IL PRESIDENTE SARÀ MASSIMO SARMI, CARO A GIORGETTI; SIMONE BONANNINI, EX OPEN FIBER E AMICO DEL SOTTOSEGRETARIO ALESSIO BUTTI, DOVREBBE DIVENTARE DIRETTORE COMMERCIALE - PATRIZIA RUTIGLIANO DOVREBBE ESSERE LA CAPA DELLA COMUNICAZIONE - DA TIM DOVREBBERO ARRIVARE ELISABETTA ROMANO COME CTO E GIOVANNI MOGLIA COME DIRETTORE FINANZIARIO - A QUESTO PUNTO LA DOMANDA SORGE SPONTANEA MA AL FUTURO AD, CHE DOVREBBE ESSERE L’EX FERROVIERE LUIGI FERRARIS, GLI FARANNO DECIDERE QUALCOSA? AH SAPERLO…