QUANDO IL TOMBINO RISCHIA DI ESSERE UNA TOMBA – A MESSINA UNA DONNA CHE CAMMINAVA PER STRADA È CADUTA IN UNA FOGNA: MENTRE PASSAVA SOPRA UN TOMBINO, QUESTO HA CEDUTO E HA FATTO UN VOLO DI QUATTRO METRI – LA POVERETTA, GRIDANDO AIUTO, È RIUSCITA A FARSI SENTIRE DAI PASSANTI ED È STATA TIRATA FUORI E PORTATA ALL’OSPEDALE...

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.leggo.it

 

DONNA CADE IN UN TOMBINO A MESSINA DONNA CADE IN UN TOMBINO A MESSINA

Stava passeggiando per strada, poco dopo le 7 del mattino, in una via periferica di Messina, quando ha messo il piede sopra il tombino che copre l'accesso alle fogne, ed è caduta nel vuoto per circa 4 metri.  […]

 

La vittima, nel buio della fogna, ha iniziato a gridare, cercando di richiamare l'attenzione di chi fosse passato nei paraggi, finché qualcuno ha udito le sue lamentele e le richieste di auto provenire dal basso e ha attivato la macchina dei soccorsi. […]

 

Il motivo all'origine dell'incidente e della caduta nel vuoto, secondo le prime ricostruzioni della polizia locale, sarebbe il cedimento della botola che copre il foro di ingresso alla fognatura. […]

DONNA CADE IN UN TOMBINO A MESSINA DONNA CADE IN UN TOMBINO A MESSINA DONNA CADE IN UN TOMBINO A MESSINA DONNA CADE IN UN TOMBINO A MESSINA

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…