QUEL MOSTRO DI SUOCERA – IN GRAN BRETAGNA UNA MATTA HA PROVATO AD AVVELENARE LA NUORA DURANTE IL BANCHETTO DI NOZZE OFFRENDOLE DEI DOLCETTI AL COCCO AL QUALE ERA ALLERGICA: MENTRE LA SPOSINA SI STAVA PORTANDO IL MIGNON ALLA BOCCA, IL NEO MARITO L’HA BLOCCATA IN EXTREMIS SALVANDOLA DALLO CHOC ANAFILATTICO – IL TENTATIVO DI AVVELENAMENTO NON È PASSATO INOSSERVATO SCATENANDO L’IRA DELLO SPOSO CHE…

-

Condividi questo articolo


Da "www.leggo.it"

 

suocera tenta di avvelenare la nuora al banchetto di nozze suocera tenta di avvelenare la nuora al banchetto di nozze

La wedding planner Callie, venticinquenne famosa soprattutto su Tik Tok, ha raccontato l'incredibile storia ha cui ha assistito a un matrimonio da lei organizzato. Durante il banchetto nuziale la madre dello sposo ha provato ad avvelenare la nuora con dei dolcetti al cocco.

 

La wedding planner non ha spiegato né dove né quando sia avvenuta la vicenda, ma ha raccontato scioccata come sono andate le cose. Al seguito di questo 'tentato omicidio' sarebbe scaturita una grande discussione tra tutti gli invitati.

Nel video 'Errore o Sabotaggio' la giovane Callie ha raccontato come sia sembrato totalmente voluto il tentativo di mandare all'ospedale la sposa, provando a intossicarla con dei dolcetti al cocco. Tutti a quanto pare conoscevano, infatti, la fortissima allergia a questa sostanza della sposa.

matrimonio banchetto 2 matrimonio banchetto 2

 

La vicenda

«Tutto era iniziato in modo assolutamente normale», ha raccontato nel video la wedding planner. «Su tutti i documenti e le mie note relative allo sposalizio era infatti espressamente detto che la spossa soffrisse di 'una fortissima allergia al cocco' e ovviamente, per tanto, la pasticceria del banchetto nuziale aveva preparato una torta senza cocco. In modo che tutti potessimo star tranquilli», ha proseguito Callie. Durante l'ora dell'aperitivo però, tra la cerimonia e la cena del ricevimento, la wedding planner ha visto recapire nella sala del ricevimento un vassoio di dolcetti non previsto, oltre alla classica torta nuziale a tre piani.

matrimonio matrimonio

 

A quel punto la suocera è intervenuta esclamando: «Oh, io li ho ordinati! Volevo solo assicurarmi che tutti avessero abbastanza dessert!». Subito dopo il taglio della torta le cose hanno preso una brutta piega. «'Oh ciao, cara. Perché non provi uno di questi dolcetti?'», questa la frase riportata da Callie detta dalla mamma dello sposo a sua nuora. A quel punto, mentre lo stava portado alla bocca «il figlio e sposo della giovane è intervenuto e l'ha fermata: 'Mamma, sai che è allergica!'», ha proseguito ancora nel racconto la wedding planner. Il dolcetto era ricoperto di cocco in polvere.

 

matrimonio banchetto 6 matrimonio banchetto 6

«Per fortuna lo sposo se ne è accorto e non gliel'ha fatta mangiare. Poi ci sono stati almeno 15 secondi di silenzio tombale», ha continuato ancora la venticinquenne aggiungendo che «a quel punto nella stanza nessuno ha mosso più un dito. Lo sposo ha fissato a bocca aperta sua madre. La sposa invece è sembrata assolutamente inorridita e spaventata, lo sarei anche io», ha proseguito. Infine il litigio. «Lo sposo, diventato rosso in faccia, ha iniziato a urlare a sua madre: 'Sei una persona terribile, non hai mai sostenuto questa relazione, questo è di una bassezza inaudita anche per te. Avresti potuto mandarla in ospedale e lei avrebbe potuto letteralmente morire in shock anafilattico'».

matrimonio banchetto 5 matrimonio banchetto 5 matrimonio banchetto 4 matrimonio banchetto 4

 

matrimonio banchetto 7 matrimonio banchetto 7

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

I PENTITI E I CONVERTITI DELL’AUTONOMIA – LA LEGA NEL 2001 ERA CONTRARIA ALLA RIFORMA DEL TITOLO V, CHE PERMISE LA NASCITA DEL CONCETTO DI AUTONOMIA E FU VOLUTA DAL CENTROSINISTRA. LO STESSO CHE OGGI SI STRACCIA LE VESTI SULLO “SPACCA-PAESE” – LA PROTESTA È GUIDATA DA ELLY SCHLEIN, CHE DA VICEPRESIDENTE DELL’EMILIA ROMAGNA CHIESE L’ATTUAZIONE DELL’AUTONOMIA PER LA REGIONE – INFINE C’È ROBERTO NAPOLETANO: DA DIRETTORE DEL “QUOTIDIANO DEL SUD” ERA CONTRARISSIMO, ORA, AL “MATTINO”, È DIVENTATO A FAVORE (MIRACOLO DI CALTA…)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO