"CHI L'HA VISTO" SI OCCUPA DEL CASO DI GIANFRANCO BONZI, PORTIERE 59ENNE DI MILANO CHE È SCOMPARSO DOPO ESSERE FINITO VITTIMA DI UNA TRUFFA ROMANTICA, DA PARTE DI UNA PERSONA CHE SI SPACCIAVA PER LA POPSTAR DUA LIPA - QUANDO L'INVIATA DEL PROGRAMMA DI RAI3 HA CONTATTATO IL PROFILO DELLA FINTA CANTANTE, QUEST'ULTIMA HA PRIMA CHIESTO 50 EURO, POI HA RIVELATO CHE BONZI SI TROVEREBBE IN SARDEGNA - IL FRATELLO DELL'UOMO: "HA LASCIATO TUTTO A CASA TRANNE LA CARTA D'IDENTITÀ…"

-

Condividi questo articolo


1. GIANFRANCO BONZI SCOMPARSO, IL PORTIERE RAGGIRATO DALLA FINTA DUA LIPA: I MESSAGGI DELLA DONNA A CHI L'HA VISTO

Da www.leggo.it

 

Gianfranco Bonzi Gianfranco Bonzi

Nella puntata di "Chi l'ha visto" del 10 aprile, condotta come sempre da Federica Sciarelli, è emerso un caso che ha destato un certo sconcerto nel pubblico del programma di Rai Tre, ovvero la scomparsa di Gianfranco Bonzi, 59 anni, custode di un palazzo nel cuore di Milano.

 

[…]le indagini hanno rivelato un inquietante inganno social, nel quale è stata coinvolta […]la cantante Dua Lipa, ovviamente utilizzata in maniera fraudolenta per un profilo falso.

Gianfranco Bonzi Gianfranco Bonzi

 

[…] Durante la puntata di Chi l'Ha visto, la finta cantante ha chiesto dei soldi all'inviata della Sciarelli scritti in un italiano improbabile. Nella chat la donna afferma di aver saputo da un'amica che Franco Bonzi è a Cagliari e chiede 50 euro da versare immediatamente su una Postepay per andare a controllare. L’ultima immagine del portiere risale allo scorso 23 marzo mentre esce dall’abitazione di Brera.

 

2. CHI L'HA VISTO, IL MISTERO DI FRANCO BONZI: SCOMPARSO DAL CENTRO DI MILANO. VITTIMA DEL RAGGIRO SOCIAL DI UNA DONNA

 

Estratto dell'articolo di Cristina Siciliano per www.leggo.it

romance scams romance scams

Chi l'ha Visto, Federica Sciarelli durante la puntata del 10 aprile ha affrontato il caso che riguarda la scomparsa di Gianfranco Bonzi, 59 anni, custode di un palazzo in via Borgonuovo a Milano, nel cuore della città, in zona Brera, che è scomparso a Milano il 23 marzo. […] Le indagini propendono per un allontanamento volontario. A quanto pare Franco aveva conosciuto una donna sui social che usava in chat Facebook, il nome di una cantante famosa, Dua Lipa. L'inviata di Chi l'ha visto è riuscita a contattare questo profilo fake chiedendo informazioni su Franco dopo la sua scomparsa.

 

romance scam 5 romance scam 5

[…] «Siamo risaliti al codice fiscale ed abbiamo capito qual è la città dove si trova questa persona ed è in Sicilia - ha sottolineato Federica Sciarelli -.Invito questa persona a farsi avanti».

 

LE PAROLE DEL FRATELLO MICHELE

Il fratello di Franco ha parlato ai microfoni di Chi l'ha visto. «Non si erano mai visti di persona - ha sottolineato Michele -. Impossibile. Spero che la polizia postale riesca a trovare qualcosa. Magari si è anche chiuso. Lui ha lasciato tutto a casa tranne la carte d'identità. Ho fatto tantissimi sbagli chiedo un aiuto anche a quella donna. Noi non abbiamo problemi basti che ci diano qualche informazione».

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”