L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PRODUCE FAKE NEWS? – ELON MUSK HA DECISO DI TENERE SEGRETI I CODICI DELL’ALGORITMO DI “OPEN AI”: È TALMENTE INTELLIGENTE CHE È IN GRADO DI GENERARE TESTI PLAUSIBILI PARTENDO DA UN PARAGRAFO DI UN ARTICOLO DI GIORNALE – IN PRATICA L’ALGORITMO È IN GRADO DI SCRIVERE FAKE NEWS INDISTINGUIBILI DALLE NOTIZIE VERE – LA SOCIETÀ HA BLOCCATO TUTTO PRIMA CHE FOSSE TROPPO TARDI, MA… – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

 

Da www.ansa.it

 

elon musk elon musk

Oltre a promuovere le fake news l'intelligenza artificiale può anche produrle, generando testi completamente indistinguibili da quelli che scriverebbe un umano. A realizzarla è stata Open Ai, la compagnia di ricerca no profit fondata da Elon Musk, che ha scelto di non rivelarne i dettagli per paura dei possibili usi fraudolenti, ad esempio per generare infinite recensioni positive o negative su un prodotto.

 

algoritmo scrive notizie algoritmo scrive notizie

L'algoritmo, chiamato Gpt2, è un generatore di testi che è stato 'addestrato' con circa 10 milioni di articoli, scelti tra quelli i cui link avevano più di tre voti sulla piattaforma Reddit, una quantità 15 volte maggiore rispetto a quella usata normalmente per le Ai di questo tipo. Il risultato è che, dato un qualunque incipit, l'algoritmo riesce a proseguire scrivendo testi plausibili e senza gli errori che fanno normalmente le macchine. Una volta 'letti' i primi paragrafi di un articolo del Guardian sulla Brexit ad esempio, scrive il quotidiano che ha avuto accesso all'algoritmo, l'intelligenza artificiale è riuscita a completare l'articolo con dati e frasi plausibili, compresa una dichiarazione della premier Theresa May sull'"urgenza di uscire dall'Europa il prima possibile".

open ai algoritmo produce fake news open ai algoritmo produce fake news

 

Questa qualità ha spinto OpenAi a tenere segreti i codici sorgente dell'algoritmo, spiega Jack Clark, il direttore della compagnia. "Dobbiamo prima fare altri esperimenti per capire cosa può o non può fare - afferma -. Ci sono molte persone molto più brave di noi a capire come può essere usata con intenti negativi".

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute