UN RUOTINO DI SCORTA SERVE SEMPRE - UN CERVO DEL "COLORADO PARKS AND WILDLIFE", NEGLI USA, SI E' PORTATO AL COLLO UNO PNEUMATICO PER OLTRE DUE ANNI  - LO STAFF DEL PARCO LO AVEVA GIA' AVVISTATO DIVERSE VOLTE, MA I SUOI PALCHI ERANO CRESCIUTI A TAL PUNTO DA RENDERGLI IMPOSSIBILE DISFARSI DELLA ZAVORRA - COSI', DOPO VARI TENTATIVI, LO HANNO CATTURATO E... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Dal corriere.it

 

Il cervo con lo pneumatico al collo Il cervo con lo pneumatico al collo

Si è portato al collo per oltre due anni una fastidiosa e pesante zavorra. Lo staff del Colorado Parks and Wildlife, negli Stati Uniti, lo aveva già avvistato più volte, poi i suoi palchi sono cresciuti a tal punto da rendergli impossibile disfarsi del fardello. È stato così che, al quarto tentativo di cattura della settimana, sabato scorso un cervo maschio di quattro anni e mezzo è stato liberato da uno pneumatico da cui, chissà come, dal 2019 non era più riuscito a sfilare la testa.

 

Il cervo con lo pneumatico al collo 2 Il cervo con lo pneumatico al collo 2

Ben 16, dunque, i chili che non graveranno più sull’animale, corna comprese. Vista la presenza di acciaio all’interno della gomma, infatti, gli operatori dell’ente, una volta sedato l’esemplare, si sono trovati costretti a recidere i suoi palchi pur di non metterne a rischio l’incolumità con pericolosi strumenti da taglio. Va comunque precisato che già in natura i cervi perdono le corna alla fine di ogni inverno, una volta terminata la stagione degli amori. Inoltre, vista l’assenza di terminazioni nervose, si è trattato di un’operazione del tutto indolore.

 

Il cervo con lo pneumatico al collo 3 Il cervo con lo pneumatico al collo 3

C’è anche un’altra buona notizia: nonostante il lungo tempo trascorso con lo pneumatico al collo, l’animale (un esemplare di Cervus elaphus canadensis) è risultato in ottime condizioni di salute. «Il pelo era un po’ sfregato, c’era una piccola ferita aperta, forse delle dimensioni di una moneta, ma a parte questo tutto sembrava davvero a posto – ha raccontato al Guardian l’ufficiale Scott Murdoch –. A dirla tutta sono rimasto abbastanza scioccato nel vedere quanto stesse bene».

 

Quanto alle modalità dell’intervento ha poi aggiunto: «Avremmo preferito tagliare lo pneumatico e lasciare le corna per l’attività riproduttiva, ma la situazione era in evoluzione e abbiamo dovuto togliere lo pneumatico in ogni modo possibile».

 

Il cervo con lo pneumatico al collo 4 Il cervo con lo pneumatico al collo 4

Tutto è bene quel che finisce bene, verrebbe da pensare. Il problema è che, come riferito sempre da Colorado Parks and Wildlife, anche a molti altri animali dell’area capita di restare impigliati in una lunga serie di oggetti umani: dalle amache agli stendibiancheria, dalle luci decorative ai cesti per il bucato, dalle porte da calcio alle reti da pallavolo.

 

Il cervo con lo pneumatico al collo 5 Il cervo con lo pneumatico al collo 5

Nulla però sul piano della bizzarria potrà forse mai superare quanto accaduto a maggio in Australia, dove una fede nuziale smarrita è stata ritrovata intorno a un piccolo cefalo. Tutte buone ragioni per impegnarsi a rispettare l’ambiente, facendo attenzione a non disperdere alcun rifiuto. Anche i cervi ringrazieranno.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

FARSA ITALIA – NON SAREBBE GIUNTA L’ORA DI FINIRLA CON LA MEGACAZZATA DI BERLUSCONI-QUIRINALE? E’ RISAPUTO DA TUTTI CHE E’ STATO CONDANNATO IN VIA DEFINITIVA SCONTANDO LA PENA AI SERVIZI SOCIALI E HA UN PROCESSO IN CORSO, RUBY-TER, CON OLGETTINE SCATENATE – QUALCHE ANIMA PIA SALVI IL BANANA SBUCCIATO, OSTAGGIO DI LICIA RONZULLI, DA FIGURE DI MERDA: QUANDO A BRUXELLES HA DETTO “GARANTISCO IO PER MELONI E SALVINI”, IL PRESIDENTE DEL PPE WEBER GLI HA RISO IN FACCIA: “GARANTISCI CHI? QUELLI CHE STANNO CON VOX E LE PEN E VOTANO PER IL MURO ANTI-MIGRANTI DEI POLACCHI?”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI! – OGGI 3.882 NUOVI CASI E 39 DECESSI, CON 487.218 TAMPONI EFFETTUATI E IL TASSO DI POSITIVITÀ CHE RIMANE STABILE ALLO 0,8% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 88,3 MILIONI, CON PIÙ DI 44,2 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO COMPLETATO IL CICLO VACCINALE (81,84% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – BRUSAFERRO DELL’ISS: “IN ITALIA NON C'È UNA RISALITA DELLA POSITIVITÀ COME IN ALTRI PAESI UE. LA MORTALITÀ MOSTRA UN LIEVE AUMENTO ANCHE SE SI PARLA DI NUMERI LIMITATI”