SI CHIAMAVA AURIANE NATHALIE LAISNE E VIVEVA VICINO LIONE, LA RAGAZZA DI 22 ANNI TROVATA MORTA NELLA CAPPELLA SCONSACRATA SOPRA LA SALLE IN VALLE D'AOSTA – IL RAGAZZO ARRESTATO A LIONE E SOSPETTATO DELL'OMICIDIO SI CHIAMA TEIMA SOHAIB, HA 21 ANNI, E' DI ORIGINE EGIZIANA MA DI NAZIONALITA' ITALIANA (RISULTA RESIDENTE A FERMO) - PER ORA, L'ACCUSA È DI “VIOLAZIONE DEL CONTROLLO GIUDIZIARIO”. L’UOMO È GIÀ A PROCESSO PER ATTI DI VIOLENZA SULLA VITTIMA…

-

Condividi questo articolo


GIALLO LA SALLE AOSTA RAGAZZA UCCISA La cappella dell'Equilivaz posta sotto sequestro GIALLO LA SALLE AOSTA RAGAZZA UCCISA La cappella dell'Equilivaz posta sotto sequestro

(ANSA) Si chiamava Auriane Nathalie Laisne e viveva a Saint-Priest, cittadina dell'area metropolitana di Lione, la ragazza di 22 anni trovata morta venerdì scorso nell'ex cappella di frazione Equilivaz, sopra La Salle in Valle d'Aosta. La ragazza è stata identificata ufficialmente dai genitori arrivati dalla Francia. Ieri sera a Lione è stato arrestato dalla Gendarmerie Teima Sohaib, 21 anni di nazionalità Italiana, sospettato di aver ucciso la ragazza.

 

 

IL GIALLO DI AOSTA

Da torino.corriere.it - Estratti

 

Teima Sohaib giallo aosta Teima Sohaib giallo aosta

Si chiamava Auriane Nathalie Laisne, 22 anni la ragazza trovata senza vita all’interno di una chiesa abbandonata in un bosco di La Salle (Aosta). Si chiama invece Teima Sohaib, ed è stato arrestato nella serata di mercoledì a Lione il ventunenne sospettato di aver ucciso la ragazza francese nella chiesina di in un villaggio abbandonato in Valle d'Aosta.

 

Il giovane rsulta residente in Italia, a Fermo, nelle Marche, ma sembra vivesse nella stessa località, della vittima, Saint-Priest, nella metropoli di Lione, La notizia arriva dal procuratore di Grenoble ed è stata rilanciata dai media francesi. Il giovane fermato dalla Gendarmerie ha 21 anni ed è, come confermato da tempo, di nazionalità italiana.

 

Dopo una fuga di alcuni giorni è stato preso il sospettato, già a processo per atti di violenza sulla vittima. È quanto riportano i giornali francesi Le Dauphiné Libéré e Le Progrés. L'uomo, per queste accuse, dovrà comparire davanti al Tribunale correzionale di Grenoble tra poche settimane.

cadavere trovato nei boschi di equilivaz 5 cadavere trovato nei boschi di equilivaz 5

 

Su di lui inoltre pende un mandato di cattura internazionale con l'accusa di omicidio. La Procura di Grenoble ha detto però che l'uomo «mai condannato, è sospettato dell'omicidio della sua compagna, una giovane donna di 22 anni, abitualmente residente nel dipartimento del Rodano, trovata morta in Val d'Aosta il 5 aprile 2024».

cadavere trovato nei boschi di equilivaz 6 cadavere trovato nei boschi di equilivaz 6 cadavere trovato nei boschi di equilivaz 4 cadavere trovato nei boschi di equilivaz 4 cadavere trovato nei boschi di equilivaz 3 cadavere trovato nei boschi di equilivaz 3 Equilivaz - La Salle - Aosta - la chiesetta dove e' stato ritrovato il corpo di una ragazza Equilivaz - La Salle - Aosta - la chiesetta dove e' stato ritrovato il corpo di una ragazza

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”