STRAORDINARI, MAIL E CHIAMATE FUORI ORARIO? NO GRAZIE, HO UNA VITA –  IL RAPPORTO CENSIS-EUDAIMON SULLA FUGA DAL LAVORO DA SCHIAVO VERSO UN POSTO MIGLIORE FOTOGRAFA UNA NUOVA REALTÀ: IL LAVORO NON È PIÙ L'ATTIVITÀ INTORNO ALLA QUALE TUTTO IL RESTO DEVE STRUTTURARSI – NON SI TRATTA DI MANCANZA DI VOGLIA DI LAVORARE, MA LA PANDEMIA HA AIUTATO MILIONI DI PERSONE IN TUTTO AL MONDO A RIVEDERE LE PRIORITÀ – ED È INUTILE FARE SOLDI A PALATE SE POI IL TEMPO PER GODERSELI È LIMITATO…

-

Condividi questo articolo


Chiara Munafò per ANSA

 

great resignation 1 great resignation 1

Gli italiani vogliono lavorare meno. Oltre due occupati su tre hanno come obiettivo per il futuro quello di ridurre il tempo dedicato al lavoro, secondo il rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale. È un'aspirazione sentita dal 67,7% degli intervistati, con poca differenza tra le classi di età. E una scelta che molti mettono in pratica nella vita quotidiana. Oltre tre occupati su dieci, soprattutto tra i più giovani, dichiarano di impegnarsi il minimo indispensabile, dicendo di no a straordinari, chiamate o mail fuori orario.

 

great resignation great resignation

Quasi il 28% ha rinunciato a un impiego migliore perché era troppo lontano da casa e per la maggioranza l'attività lavorativa influenza meno la vita privata rispetto al passato. "Il lavoro non è più l'attività di vita per eccellenza intorno alla quale tutto il resto deve strutturarsi. È il segnale di una transizione socio-culturale decisiva in atto, esito di una molteplicità di fattori tra i quali, anche, retribuzioni che per la grande maggioranza dei lavoratori non sostengono desideri e ambizioni", si legge nel rapporto. Lo studio registra, in un momento di dinamicità del mercato, più che una fuga dal lavoro in generale, una corsa alla ricerca di posti migliori.

great resignation 3 great resignation 3

 

Tra i lavoratori con meno di 60 anni che si dimettono, il 67% entro tre mesi si ricolloca in un altro impiego. Tra le donne con figli, invece, molte lasciano e basta, espulse da un mercato del lavoro dove essere madri ha ancora un costo professionale. "Una donna su cinque si dimette dopo il primo figlio", ha dichiarato la ministra della famiglia Eugenia Roccella indicando la necessità di favorire la conciliazione tra vita e lavoro. Mentre la deputata Pd Chiara Grubaudo ha avvertito che con il ddl lavoro si rischia di "tornare indietro sul tema delle dimissioni in bianco, che penalizza soprattutto le giovani donne".

great resignation 2 great resignation 2

 

Il presidente della Commissione lavoro della Camera, Marco Osnato (Fdi) ha descritto "la mortificazione salariale degli ultimi decenni", come tema su cui intervenire a partire dl taglio del cuneo fiscale, da rendere strutturale, e l'ex ministro del Lavoro Cesare Damiano ha indicato una questione generazionale. "Se vivi in un mondo in cui pensi di stare peggio di tuo padre e di non avere certezze, il tuo rapporto con il lavoro non è di ottimismo ma di ripiegamento, più di fuga che di conquista", ha detto Damiano. Quello che serve, secondo il capogruppo M5S alla Camera, Francesco Silvestri, è "una riduzione dell'orario di lavoro a parità di salari".

 

burnout 2 burnout 2

In questo senso va anche la rivendicazione della Uilm, contenuta nella piattaforma per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici con Fim e Fiom: "vogliamo la riduzione di orario di lavoro a 35 ore settimanali per tutti. Più salario e meno orario!". Il segretario generale della Fim, Roberto Benaglia, ha sottolineato come sia un "paradosso la disaffezione dal lavoro in una fase in cui è più facile trovare lavoro". In questo contesto il welfare aziendale, sempre più conosciuto e apprezzato, "è - per Benaglia - un pilastro sempre più robusto nel rapporto tra il lavoratore, il lavoro e le imprese".

burnout 3 burnout 3 burnout 1 burnout 1 burnout 4 burnout 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO