TERRORE A LIONE – UN RAGAZZO È STATO UCCISO A COLTELLATE E ALTRE NOVE PERSONE SONO RIMASTE FERITE A VILLEURBANE, VICINO A LIONE. AD ATTACCARE SONO STATI DUE INDIVIDUI, UNO È IN FUGA E L’ALTRO, UN AFGHANO, È STATO ARRESTATO – AL MOMENTO NON È CHIARO SE SI TRATTI DI RISSA O DI TERRORISMO – VIDEO: UNO DEI DUE SOSPETTI  IN STRADA CON UNO SPIEDO DA CUCINA

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Da www.repubblica.it

 

accoltellamenti a lione accoltellamenti a lione

Un 19enne è stato ucciso a coltellate e altre nove persone sono rimaste ferite - tre in modo molto grave - a Villeurbanne, vicino a Lione, nei pressi della stazione della metropolitana di Laurent Bonnevay. Secondo la ricostruzione dei media francesi, due individui hanno attaccato i passanti, uno è stato arrestato mentre un altro è in fuga. Secondo la BfmTv l'uomo arrestato ha dichiarato di essere originario dell'Afghanistan e di essere nato nel 1986.

accoltellamenti a lione 4 accoltellamenti a lione 4

 

Spiega l'Afp che uno dei due assalitori aveva un coltello, mentre l'altro era armato con uno spiedo da cucina. La polizia tiene aperte tutte le piste. Non è chiaro ancora se si tratti di una rissa o di terrorismo.

accoltellamenti a lione 3 accoltellamenti a lione 3

 

Il sindaco di Lione, l'ex ministro dell'Interno Gerard Collomb, ha sottolineato che le vittime dell'attacco di Villleurbanne sono state colpite in maniera "indiscriminata". Ha aggiunto Le Progres che il sindaco arrivato sul posto ha dichiarato: "Al momento non conosciamo le motivazioni dell'aggressore è sicuro che non si tratta di una rissa, perchè è qualcuno che ha attaccato indiscriminatamente persone che aspettavano l'autobus".

accoltellamenti a lione 1 accoltellamenti a lione 1

 

Lo scorso maggio, un uomo aveva lanciato un pacco bomba davanti una panetteria nel centro di Lione, provocando 14 feriti lievi. L'autore, un algerino radicalizzato di 24 anni, arrestato tre giorni dopo, aveva dichiarato la sua "fedeltà" allo Stato islamico.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

SCONTRO TRA CONTE E IL COMITATO SCIENTIFICO CHE LO AFFIANCA A PALAZZO CHIGI. “NON POSSO FARE QUELLO CHE VOI DITE, L’ECONOMIA DEVE RIPARTIRE O IL PAESE RISCHIA IL FALLIMENTO”. ANCORA: “NON POSSIAMO OBBLIGARE TROPPO A LUNGO LA GENTE IN CASA. CI SONO PROBLEMI PSICOLOGICI DI CUI BISOGNA TENER CONTO. NON SIAMO IN CINA. QUELLO È UN REGIME. UN ALTRO MODO DI PENSARE. IN BASE AL DECLINO DELL’EMERGENZA SANITARIA, DAL 18 APRILE CI SARÀ UNA RIPRESA GRADUALE” - DAL PD, PERÒ, ARRIVANO ALCUNE CRITICHE. MA SULLA COMUNICAZIONE

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

FERRARI VA A SBATTERE? - ''IL PRESIDENTE ERA STATO SFIDUCIATO CON VOTO UNANIME DAL CER, NON È LUI A ESSERSI DIMESSO''. IL TREMENDO COMUNICATO DEL CONSIGLIO EUROPEO DELLA RICERCA, CHE PARLA DI ''MANCANZA DI IMPEGNO DELLO SCIENZIATO, CHE NEI TRE MESI DELL'INCARICO HA SALTATO MOLTI INCONTRI IMPORTANTI'' - MA SULLA MANCATA RICERCA SUL CORONAVIRUS, IL CER CONFERMA CHE ''NON È DI NOSTRA COMPETENZA''. UNA BELLA AMMISSIONE DI INUTILITÀ. NON A CASO BURIONI AVEVA FATTO UN TWEET FURIOSO CONTRO ''L'OTTUSA BUROCRAZIA COMUNITARIA'', POI CANCELLATO