TESTA DI RAZZI: “DA OPERAIO GUADAGNAVO 6000 EURO AL MESE MA NON AVEVO SPESE, DA SENATORE NON ARRIVO A 5000 E C'HO LE SPESE, CENE E APERITIVI CHE DEVO PAGARE IO. NON FACCIO MAI ALLA ROMANA. GLI ALTRI FANNO SEMPRE FINTA DI NIENTE, IO INVECE MI ALZO E PAGO, SONO UN GENTILUOMO…”

Condividi questo articolo


ANTONIO RAZZI A UN GIORNO DA PECORA ANTONIO RAZZI A UN GIORNO DA PECORA

Da www.radiocusanocampus.it

 

Antonio Razzi, senatore di Forza Italia, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

 

antonio razzi antonio razzi

Antonio Razzi ha parlato del compenso dei parlamentari: "Se dal primo di gennaio non c'è più il vitalizio ed è contributivo, come tutti i lavoratori, arriva circa 800 euro dopo cinque anni. Con dieci anni si arriva a 1500 euro netti al mese, come un operaio, solo che il parlamentare versa molto di più di un operaio mensilmente. Un senatore quanto dovrebbe guadagnare al mese?

 

antonio razzi canta con paola concia antonio razzi canta con paola concia

Ma guarda, se uno fa il senatore o il parlamentare e lo fa per il bene dei cittadini, e sta al legislativo per fare il bene al Paese, ha bisogno di una certa quantità, perché se fa politica e va in giro per i paesi, o offre l'aperitivo a quello, o la cena all'altro, deve stare attento, altrimenti non gli basta quella paga che tutti hanno. Un parlamentare prende poco meno di 5000 euro al mese. Io da operaio prendevo 6000 euro al mese, però ero in casa e mi bastava, avevo la moglie, due figli, in Svizzera. Io ora ho più spese rispetto a quando facevo l'operaio in Svizzera.

il senatore antonio razzi la moglie maria e nadia chebba il senatore antonio razzi la moglie maria e nadia chebba

 

Ci sono le trasferte, è normale, tutti quelli che lavorano per lo Stato hanno queste trasferte, poi molti se la pigliano solo con i parlamentari, ma i soldi pubblici sono in tante aree di amministrazione. Sembra che i parlamentari siano il male dell'Italia, ma il male dell'Italia è altrove. I parlamentari sono signori, almeno quelli che conosco io. Molte volte questo accanimento verso i parlamentari nasce dai media, come dice Trump, che ora gli stanno a rompere le palle per quello che ha guadagnato 12 anni fa".

 

antonio razzi selfie con francesca pascale antonio razzi selfie con francesca pascale

Razzi paga sempre il conto, non si fa mai offrire nulla, dice: "Se ci sono persone che mi devono parlare o che mi devono spiegare qualche cosa, e magari andiamo al caffè o andiamo al bar, offro io. Non faccio mai alla romana. C'è un locale dove vado a mangiare tutte le settimane e il proprietario mi dice sempre che pago sempre io!  Gli altri fanno sempre finta di niente, io invece mi alzo e pago, sono un gentiluomo".

francesca cipriani antonio razzi lisa fusco francesca cipriani antonio razzi lisa fusco antonio razzi selfie con berlusconi antonio razzi selfie con berlusconi

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute