TRIBUNALI E BUROCRAZIA "PROTEGGONO" I TERRORISTI - IL GIUDICE CHE STA VALUTANDO L'ESTRADIZIONE DEI 10 EX TERRORISTI ITALIANI ARRESTATI IN FRANCIA HA RINVIATO TUTTO A GENNAIO - LA CORTE ASPETTA DALL'ITALIA UN SUPPLEMENTO DI INFORMAZIONI SULLE DOMANDE DI ESTRADIZIONE - ORA C'E' TEMPO FINO AL 5 DICEMBRE PER INTEGRARE I DOCUMENTI, ALTRIMENTI...

-

Condividi questo articolo


Cristiana Mangani per "il Messaggero"

 

GIORGIO PIETROSTEFANI GIORGIO PIETROSTEFANI

Quando ad aprile la Francia ha dato l'ok al rientro in Italia degli ex brigatisti che avevano trovato rifugio a Parigi e dintorni, la decisione è stata definita di portata storica. Con il passare delle ore, però, sono emerse tutte le difficoltà che il dossier avrebbe incontrato tra giudici e burocrazia. E ieri, la previsione, puntualmente, si è avverata.

 

La Chambre de l'Instruction della Corte d'Appello di Parigi, che si è riunita per valutare le richieste della difesa dei 10 ex terroristi che avevano sollevato questioni preliminari di costituzionalità, ha deciso di rinviare tutto al 12 gennaio 2022. Ancora tre mesi e mezzo per studiare il caso, ma, in contemporanea, per ottenere dall'Italia un supplemento di informazioni sulle domande di estradizione, così come sollecitato dalla procura e dalle difese.

 

La giudice, infatti, ha rigettato la questione di legittimità costituzionale sollevata dagli avvocati, che contestavano in particolare lo status dell'avvocato che rappresenta lo stato italiano, William Julié, che poteva intervenire nel corso delle udienze ma che non prendeva parte alla procedura. Ma ha confermato la carenza di informazioni nella documentazione italiana.

 

ovidio bompressi giorgio pietrostefani ovidio bompressi giorgio pietrostefani

«Un dato che sorprende - ha affermato l'avvocata Irene Terrel, che assiste sei dei nove ex terroristi fermati a fine aprile - soprattutto per il tempo che lo Stato italiano ha avuto a disposizione per preparare i dossier». Secondo la procura e la difesa, il ministero della Giustizia nel raccogliere gli elementi contro gli ex br «ha violato l'articolo 12 della procedura europea di estradizione».

 

CONVENZIONE EUROPEA Un articolo della Convenzione europea firmata a Parigi il 13 dicembre 1957 e che prevede, in particolare, l'originale o la copia autentica sia della sentenza di condanna esecutiva sia del mandato di cattura o di qualsiasi altro atto avente la stessa efficacia; una esposizione dei fatti per i quali l'estradizione viene richiesta. Il tempo e il luogo della loro consumazione, la loro qualificazione giuridica e i riferimenti alle disposizioni di legge loro applicabili saranno indicati con la massima possibile esattezza.

 

irene terrel. irene terrel.

Insomma, cose parecchio scontate e note. Dopo anni di lavoro, di ricerca di informazioni e di strategia da adottare, quanto inviato dal ministero della Giustizia non ha dunque soddisfatto la giudice francese, titolare del caso. Terrel ha poi ammesso che era prevedibile da parte del magistrato «il non accoglimento della richiesta dei legali. Ammettendo in precedenza l'intervento dell'avvocato che rappresenta lo Stato italiano - ha aggiunto - era prevedibile che non si sarebbe ricreduto».

 

pietrostefani e gli altri arrestati a parigi pietrostefani e gli altri arrestati a parigi

Gli elementi sollevati in aula si fanno ancora più complessi se si pensa che ogni posizione degli ex br è diversa, ognuno fa caso a sé. Ieri erano assenti all'udienza per malattia Sergio Tornaghi e Giorgio Pietrostefani. Per quest' ultimo, l'avvocata Terrel ha fatto presente che si trova ancora in ospedale e che le sue condizioni sono gravi. Tanto che la giudice ha deciso di stralciare la sua posizione rinviando al 5 gennaio l'udienza nei suoi confronti.

 

Mercoledì 6 ottobre, invece, è stato convocato Maurizio Di Marzio, arrestato a Parigi il 19 luglio e per il quale è scattata la prescrizione lo scorso 10 maggio. Si «è estinta» sempre per prescrizione anche la pena di 16 anni e 11 mesi che avrebbe dovuto espiare Luigi Bergamin, 73 anni, ex militante dei Proletari armati per il comunismo. E l'elenco di rimpatri difficili potrebbe allungarsi ancora.

 

maurizio di marzio maurizio di marzio

TEMPI LUNGHI Ora l'Italia, come richiesto dalla Corte, ha tempo fino al 5 dicembre per fornire il supplemento di informazioni. E questo conferma come, sostanzialmente, il tema sia ancora la procedura di estradizione. Non appena i dossier verranno completati, o almeno la giudice li riterrà completi, passerà a valutare le posizioni caso per caso, con il rito tradizionale.

 

Si potrà arrivare fino al ricorso in Cassazione. E alla fine, toccherà al primo ministro firmare un decreto di estradizione, che però potrà essere a sua volta impugnato per un ricorso amministrativo davanti al Consiglio di stato. Insomma, una strada ancora molto lunga.

 

Condividi questo articolo

media e tv

PILLOLE DI GOSSIP – A "BALLANDO" APPRODA IL NUOTATORE ALEX DI GIORGIO: IL SUO PARTNER SARA’ UN ALTRO UOMO CHE DA POCO HA SCOPERTO LA SUA FLUIDITA’ – DOPO QUELLI DI TOTTI FINISCHE ANCHE L’AMORE DI ROVAZZI – LA FURIA DI LUCA ARGENTERO CONTRO I PAPARAZZI: ECCO IL MOTIVO – VICTORIA BECKHAM AI FERRI CORTI CON LA NUORA NICOLA PELTZ, MOGLIE DI SUO FIGLIO BROOKLYN - IL BOTTA E RISPOSTA TRA TOMMASO ZORZI E SALVINI - CHI E’ L’ UOMO DI POTERE MOLTO VISTA IN MILANO CHE AMA TRASTULLARSI CON EFE BAL?

politica

business

L'OCCIDENTE CERCA UN TESORO TRA I GHIACCI PER NON DIVENTARE SCHIAVO DELLA CINA – UN GRUPPO DI MILIARDARI, TRA CUI JEFF BEZOS, BILL GATES E MICHAEL BLOOMBERG, HA FINANZIATO UNA COSTOSISSIMA MISSIONE DI SCIENZIATI IN GROENLANDIA PER TROVARE NUOVI GIACIMENTI DI MINERALI RARI – UN TENTATIVO PER CONTRASTARE LA CINA, CHE DA TEMPO SI È PRESA TUTTA L'AFRICA CON LE SUE STERMINATE MINIERE DI COBALTO E NICHEL E, CON IL MONOPOLIO DELLE TERRE RARE, HA LANCIATO UN'OPA SUL FUTURO ENERGETICO E TECNOLOGICO DEL PIANETA...

cronache

sport

"ARRIVAVANO MIGLIAIA DI LETTERE DALLE FAN. CI RITROVAMMO CON UNA SPECIE DI MUSEO IN CASA: TRECCE, CIOCCHE DI CAPELLI, BIANCHERIA INTIMA, FOTO, ANELLI" - AMORI E BOLLORI DI "BELL'ANTONIO" CABRINI: "HO AVUTO UN FLIRT CON IRIS PEYNANDO, LA BELLISSIMA ATTRICE DI 'NON CI RESTA CHE PIANGERE'. INVECE SONIA BRAGA, CHE ALL'EPOCA ERA LA DONNA DI ROBERT REDFORD, ME LA PRESENTÒ GIANNI MINÀ, A NEW YORK, NEL CORSO DI UNA FESTA. MA NON È CHE IO ABBIA AVUTO MILIONI DI AMORI, EH" - IL RICORDO DEL MONDIALE: "IO E PAOLO ROSSI ERAVAMO IN STANZA INSIEME. E TARDELLI VENIVA A ROMPERCI LE BALLE, COME FACEVA CON TUTTI. E ALLORA BEARZOT OGNI TANTO VENIVA IN CAMERA E..."

cafonal

viaggi

salute