TU CHIAMALE SE VUOI, DELAZIONI – IL GOVERNO BRITANNICO INVITA A DENUNCIARE I VICINI DI CASA NEL GIORNO IN CUI È STATA INTRODOTTA LA “REGOLA DEL 6”, OSSIA IL DIVIETO DI RIUNIRSI ANCHE IN CASA E TRA FAMILIARI, IN GRUPPI DI PIÙ DI SEI PERSONE - CHI VIOLA LA DISPOSIZIONE RISCHIA MULTE CHE PARTONO DA 100 STERLINE E POSSONO ARRIVARE FINO A 3.200 – SE LA REGOLA RIMARRÀ FINO A NATALE GLI INGLESI POSSONO SCORDARSI LE RIUNIONI FAMILIARI…

-

Condividi questo articolo

Luigi Ippolito per "www.corriere.it"

 

coronavirus gran bretagna 1 coronavirus gran bretagna 1

«Denunciate i vicini di casa»: è l’indicazione venuta dal governo britannico nel giorno in cui è scattata la «regola del 6», ossia il divieto di riunirsi, anche in casa e tra familiari, in gruppi di più di sei persone.

 

Chi viola la disposizione rischia multe che partono da 100 sterline e possono arrivare fino a 3.200: e ora c’è l’incoraggiamento a spiare nel giardino dei vicini per riferire alle autorità eventuali barbecue non autorizzati.

 

boris johnson 1 boris johnson 1

La regola del sei è stata introdotta da Boris Johnson di fronte a una crescita esponenziale dei contagi da coronavirus: ieri sono stati registrati 3.300 nuovi casi, oltre quota 3.000 per il terzo giorno consecutivo. Già in diverse città si era fatto ricorso a lockdown localizzati, ma ora il governo è stato costretto a imporre un provvedimento su scala nazionale di fronte al timore di una seconda ondata del Covid.

 

La popolazione, ovviamente, non è affatto contenta. Non sono più possibili pranzi con zii e nonni e il timore è che, se la regola del sei rimarrà in vigore fino a Natale, gli inglesi dovranno dire addio alla tradizionale tavolata di fronte al tacchino fumante: uno choc culturale.

 

coronavirus gran bretagna 3 coronavirus gran bretagna 3

Perfino dai giornali vicini al governo arrivano brontolii per una legislazione che è vista come lesiva della libertà personale (le uniche eccezioni alla regola del sei sono le scuole, gli uffici, i matrimoni e i funerali). Ma a livello politico anche il leader del partito laburista d’opposizione, Keir Starmer, ha dato il suo appoggio.

boris johnson boris johnson coronavirus gran bretagna 5 coronavirus gran bretagna 5 coronavirus gran bretagna 1 coronavirus gran bretagna 1 slogan fase 2 coronavirus gran bretagna slogan fase 2 coronavirus gran bretagna boris johnson 2 boris johnson 2 coronavirus gran bretagna 7 coronavirus gran bretagna 7 coronavirus gran bretagna 3 coronavirus gran bretagna 3 coronavirus gran bretagna 6 coronavirus gran bretagna 6

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

È VERO CHE C’È UNO SPRAY ANTICOVID CHE COSTA 3 EURO E SI POTRÀ COMPRARE IN FARMACIA COME DICE “LIBERO”? È UN PO’ PIÙ COMPLICATO DI COSÌ - L’ENDOVIRSTOP PROMETTE MIRACOLI: NE BASTANO 4-5 SPRUZZATE IN GOLA AL GIORNO PER PREVENIRE IL CORONAVIRUS E CURARNE LE FORME INIZIALI, MA È STATO BOCCIATO DALL’AIFA PER BEN DUE VOLTE - IN REALTÀ È UN INTEGRATORE ALIMENTARE A BASE DI CICLODESTRINA, CHE SECONDO GLI ESPERTI NON È IN GRADO DI CURARE MALATTIE, MA SOLO CONTRIBUIRE A PRESERVARE UNO STATO DI BENESSERE…

sport

TOP OF THE “POZ” – "IO COCAINOMANE? MI SONO GODUTO LA VITA MA NON MI SONO MAI DROGATO" – POZZECCO SI RACCONTA IN UN LIBRO – I FLIRT CON CACCIATORI E DE GRENET, LE SBRONZE OMERICHE (“MA SEI GIORNI SU SETTE ERO IN PALESTRA A FARMI IL CULO”), LE 22 VITTORIE CONSECUTIVE SULLA PANCHINA DI SASSARI (“HO AVUTO CULO”) E QUELLA VOLTA CHE CON LA CACCIATORI TIRARONO NOCCIOLINE AD ALBERTO SORDI – “SONO STATO UN CRETINO? IO SONO ANCHE IL CRETINO CHE ERO. NON E’ CHE SEI SEMPRE LO STESSO…” – VIDEO

cafonal

viaggi

salute