UN TURISTA SVEDESE DI 29 ANNI È STATO TROVATO MORTO SULLA BANCHINA DEL TEVERE, ALL'ALTEZZA DI LUNGOTEVERE SANZIO, AL CENTRO DI ROMA – SUL CORPO UNA FERITA ALLA TESTA COMPATIBILE CON UNA CADUTA – DALLE IMMAGINI DELLE TELECAMERE, SI VEDREBBE IL GIOVANE CAMMINARE DA SOLO BARCOLLANDO, FORSE UBRIACO, E POI SPORGERSI DAL PARAPETTO DI LUNGOTEVERE…

-

Condividi questo articolo


TURISTA SVEDESE MORTO SULLA BANCHINA DEL TEVERE TURISTA SVEDESE MORTO SULLA BANCHINA DEL TEVERE

(ANSA) – Un ragazzo è stato trovato morto stamani poco prima delle 6 sulla banchina del Tevere all'altezza di Lungotevere Sanzio, al centro di Roma. Sul corpo una ferita alla testa compatibile con una caduta.

 

Sul posto i carabinieri della compagnia Trastevere e del nucleo investigativo. Il ragazzo è stato identificato. Si tratta di un cittadino svedese di 29 anni, Probabilmente turista a Roma. Gli investigatori hanno vagliato le telecamere. Dalle immagini si vedrebbe il giovane camminare da solo in strade barcollando, forse ubriaco, e poi sporgersi dal parapetto di Lungotevere. Non si esclude che abbia perso l'equilibrio precipitando da un'altezza di 15 metri.

BANCHINA DEL TEVERE BANCHINA DEL TEVERE TURISTA SVEDESE MORTO SULLA BANCHINA DEL TEVERE TURISTA SVEDESE MORTO SULLA BANCHINA DEL TEVERE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)