L'UNTORE DI ROMA - VALENTINO TALLUTO, IL TRENTENNE CHE HA ATTACCATO L'HIV A 43 RAGAZZE, INCLUSA UNA 14ENNE E UNA DONNA INCINTA, TORNA IN CARCERE: PER IL GIP, PUÒ REITERARE IL REATO - L'INTERVISTA DELLE ''IENE'' A UNA DELLE VITTIME (VIDEO): 'ALL'INIZIO CERCAVA VERGINI DA INFETTARE. ABBIAMO CREATO UN GRUPPO WHATSAPP PER FARCI FORZA'

Gli episodi contestati al giovane dal Gip Francesco Patrone sono ora complessivamente 43, numero che comprende i casi di contagio diretti, quelli indiretti e quelli relativi ad alcune donne che pur avendo avuto rapporti con lui non hanno contratto il virus. Valentino, indagato anche per epidemia dolosa...

Condividi questo articolo

VIDEO - L'INTERVISTA DELLE ''IENE'' A UNA DELLE RAGAZZE INFETTATE DA VALENTINO TALLUTO, ''L'UNTORE'' DI ROMA

 

 

 

 

Da www.ilmessaggero.it

 

Valentino Talluto, il trentaduenne sieropositivo già agli arresti dallo scorso mese di novembre con l'accusa di lesioni aggravate per aver continuato a pretendere e ottenere rapporti sessuali non protetti pur essendo consapevole della sua condizione, contagiando decine di donne, è stato raggiunto da una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere.

 

test hiv test hiv

Gli episodi contestati al giovane dal Gip Francesco Patrone sono ora complessivamente 43, numero che comprende i casi di contagio diretti, quelli indiretti e quelli relativi ad alcune donne che pur avendo avuto rapporti con lui non hanno contratto il virus. Valentino, indagato anche per epidemia dolosa, ha avuto tra l'altro anche rapporti sessuali non protetti con una donna incinta, che fortunatamente non ha riportato conseguenze.

 

In un'altra circostanza, invece, a contrarre il virus durante il parto è stato il figlio di una donna straniera che, anni prima, era rimasta contagiata da Valentino T. Il periodo di tempo preso in considerazione per i reati commessi dall'indagato va dalla primavera del 2006 ai giorni precedenti al suo primo arresto nel novembre scorso.

 

 

Cristiana Mangani e Adelaide Pierucci per ''Il Messaggero'' del 2 febbraio 2016

 

Due donne sposate, una quattordicenne, e un'infinità di altre “vittime” - quaranta, cinquanta - non sa neanche lui quante. E poi un aborto e una sospetta violenza. Valentino Talluto, 32 anni, l'uomo che ha contagiato decine di persone con il virus dell'Hiv, cerca di sembrare un incosciente qualunque. Un irresponsabile che ha trascinato donne che stravedevano per lui, nella sua stessa vita di inferno: quella maturata in una famiglia che non c'era, con una mamma morta per droga e Aids.

 

ESAMI HIV CONTAGIO ESAMI HIV CONTAGIO

Talluto è stato interrogato nel carcere di Regina Coeli il 22 dicembre scorso dal pubblico ministero Francesco Scavo, che ha cercato tutte le chiavi possibili per entrare nella sua mente. Ma ha risposto praticamente a niente, solo tanti non ricordo e qualche raro non volevo, nonostante l'incontro fosse stato programmato dai legali per provare a tracciare il solco per una futura richiesta di patteggiamento allargato.

 

«Il suo è un modo di vita - ha cercato un varco il legale - Nessuna malafede o premeditazione». Il pubblico ministero non gli crede, cita il lungo elenco di donne che hanno ammesso di essersi innamorate di questo amministratore non proprio avvenente. Lui le ha tradite, ha mentito, negato di essere malato anche davanti alle dichiarazioni di suo zio che ha spiegato a una di loro: «Ha un male grave, devi stargli lontana».

virus hiv virus hiv

 

L'ELENCO

«Perché non ha detto alle donne con le quali ha avuto rapporti che era sieropositivo? - chiede il pm più volte - Alcune le ha incontrate quando già sapeva di essere stato denunciato. Essere sieropositivo non le creava un problema?». «Un problema? No - è la risposta disarmante - Non è che la vivevo male come se avessi qualcosa in meno. Con le ragazze con cui sono stato di più c'era - come le posso dire - una speranza di un futuro, e glielo comunicavo. Ad altre, no».

 

A seguire il bollettino di guerra: questa lo sapeva, questa no, con questa hai negato e le hai mostrato persino delle analisi del sangue false. Quell'altra era vergine. Una, poi, aveva solo 14 anni, un'altra 18. «Si ricorda come si chiamasse? Era il 2005». E lui: «No, non so, forse, era l'anno dei mondiali». «A. era rimasta incinta e ha abortito, aveva contagiato anche lei, lo sapeva?», continua il magistrato. «Mai saputo», risponde. Fino all'esasperazione: «Ma che pensava dopo aver saputo che aveva contagiato mezza Roma?». «Dottore, io non sapevo di tutte queste persone contagiate», l'incredibile reazione.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute