VAI PER AMMAZZARE E VIENI AMMAZZATO – UN CACCIATORE 66ENNE È STATO INCORNATO A MORTE DA UN ALCE CHE SOLO 24 ORE PRIMA ERA CONVINTO DI AVER UCCISO CON UNA FRECCIA DURANTE UNA BATTUTA DI CACCIA IN OREGON: L’UOMO SI ERA INOLTRATO TRA I BOSCHI PER RECUPERARE IL CORPO DELL’ANIMALE CHE, PERÒ, ERA VIVO E QUANDO LO HA VISTO…

-

Condividi questo articolo


Da "www.ilmessaggero.it"

 

alce 5 alce 5

Pensava di aver ucciso la sua preda e che l'unica cosa che gli restava da fare era una passeggiata nei boschi per recuperare il bottino di caccia. Ma Mark David, 66 anni, non sapeva che la sua freccia aveva solo ferito quell’alce che era pronto a tendergli un agguato mortale. È successo nei boschi di Trask Road, nella contea di Tillamook, in Oregon.

 

L’uomo era uscito per una battuta di caccia con arco e frecce e, dopo una lunga passeggiata, aveva individuato un alce: dopo aver scoccato una freccia si era convinto di averlo ucciso, ma non era riuscito a individuare il luogo in cui l’animale si era accasciato.

CERVO 4 CERVO 4

Poche ore dopo, insieme a un amico, era tornato nei boschi per recuperare quello che immaginava fosse il suo bottino di caccia.

 

Non poteva immaginare che l’alce lo stava aspettando in agguato, con la freccia ancora conficcata nel corpo, ma ancora vivo. Quando ha visto Mark tra i cespugli, l’animale lo ha caricato, conficcandogli le corna nel collo. La persona che era con lui ha tentato di intervenire, ma per Mark non c’è stato nulla da fare: è morto sul posto in attesa dei soccorritori.

 

alce 6 alce 6

L'alce è stato ucciso e la carne è stata donata alla prigione della contea di Tillamook. Secondo l'Oregon Department of Fish and Wildlife, la stagione di caccia alle alci con l’arco va dalla fine di agosto alla fine di settembre, ma bisogna fare molta attenzione, visto che per l’animale coincide con la stagione dell’amore. I maschi sono molto aggressivi e si sfidano in lunghe lotte per impressionare le potenziali partner.

CERVO 2 CERVO 2 CERVO 7 CERVO 7 CERVO 1 CERVO 1 CERVO3 CERVO3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…