LA VECCHIA SCUSA - ''ERA UNA TRANS, PENSAVO FOSSE DONNA''. E LA PRESTAZIONE AMOROSA FINISCE A BOTTIGLIATE - A RIMINI IN VACANZA CON LA FAMIGLIA (APPENA RIPARTITA), UN UOMO IN PREDA ALL'INSONNIA PORTA IL CANE A SPASSO. INCONTRA UNA DAMA DELLA NOTTE, PATTEGGIA UNA SVELTINA DA 30 EURO, POI DOPO QUALCHE GIOCO EROTICO E UNA RICERCA (INFRUTTUOSA) DI COCAINA, LA QUESTIONE SI È FATTA ACCESA

-

Condividi questo articolo

Da www.corriereromagna.it

 

Ha scambiato un trans per una prostituta e il litigio per la prestazione sessuale a suo dire non soddisfacente è finito a colpi di di cocci di bottiglia. Un frastuono che ha allarmato i clienti del residence di via Gubbio in cui l’uomo alloggiava e dove, domenica notte, la polizia è intervenuta dopo la chiamata al 112, denunciando cliente e trans per lesioni reciproche.

 

Secondo la ricostruzione del cliente, un 55enne originario di Rimini ma residente in provincia di Brescia (in vacanza con la famiglia ripartita però sabato mattina) l’insonnia lo ha portato a fare una passeggiata con il suo cane su viale Regine Elena. È lì che ha incontrato quella che credeva una prostituta con la quale si è fermato a chiacchierare giungendo a pattuire una prestazione per 30 euro. I due sono quindi andati nella camera del residence dove il 55enne alloggiava e dove, solo dopo alcuni giochi erotici, si è accorto di avere a che fare con un trans e non con una donna.

 

A quel punto, e qui la ricostruzione della notte è diversa per i due protagonisti, ha chiesto al trans 36enne di procurargli della cocaina per raggiungere l’eccitazione, disinnescata dalla scoperta del sesso dell’altro. Il trans sarebbe uscito per cercare la droga ma sarebbe tornato a mani vuote.

 

Da qui l’inizio del litigio: il trans pretendeva più del pattuito visto il tempo impegnato anche nel cercare la cocaina e nel cercare di soddisfare le esigenze sessuali del cliente. Visto il diniego di altri soldi, avrebbe spaccato una bottiglia per minacciare l’uomo che a sua volta avrebbe fatto lo sesso per difendersi. Alla fine il trans è stato medicato in ospedale con 15 giorni di prognosi, e il 55enne si è ritrovato con diverse ferite da taglio.

 

Versione opposta del trans: sarebbe stato il cliente ad aggredirlo per primo con un coccio di bottiglia dopo la vana ricerca, insieme, di cocaina fuori dal residence, per la sua richiesta di altri soldi visto il prolungarsi della serata. In attesa di ulteriori indagini della polizia sono stati denunciati entrambi.

 

Condividi questo articolo

media e tv

TRANSENNATE LE LIBRERIE, MAURO CORONA CHIUDE CON LA TV E HA GIÀ DUE LIBRI PRONTI: “LA PROSSIMA SARÀ LA MIA ULTIMA STAGIONE A ‘CARTABIANCA’. HO FIRMATO UN CONTRATTO, 500 EURO A PUNTATA, HO BISOGNO DI QUEI SOLDI, MA POI LASCIO” – L’INTERVISTA A "REPUBBLICA": “SE NON FOSSI FINITO A FARE IL PAGLIACCIO IN TV, SARESTE QUI? SIAMO TUTTI SCHIAVI DELLA NOTORIETÀ, IO SENTIVO UN VUOTO. ERA IL BISOGNO DI ESSERE RICONOSCIUTO" - "SONO ALCOLIZZATO, NON INGENUO. FINITO QUESTO COLLOQUIO VADO AL BAR A..."

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute