VOGLIO IL COVID! - VERONA, UN RISTORATORE AGGIRA LA CHIUSURA ALLE 18: "POSTI ESAURITI PER LA CENA ALL'ALBA" - ALLE 5.30 VENGONO SERVITI I PIATTI TIPICI DELLA CUCINA VERONESE - “NON È UNA PROTESTA, NOI ABBIAMO VOGLIA DI LAVORARE E QUINDI DOBBIAMO TROVARE DELLE ALTERNATIVE. PIÙ CHE UNA PROTESTA SI TRATTA DI UN DIVERSO INTROITO DI CUI IL RISTORANTE HA BISOGNO” – MA LO VOGLIONO CAPIRE CHE IN TUTTI I LUOGHI CHIUSI DOVE OCCORRE TOGLIERSI LA MASCHERINA (PER UN CAFFÈ O PER MANGIARE) LA TRASMISSIONE DEL VIRUS (CHE È AEREA) PRENDE IL VOLO?

-

Condividi questo articolo

Tgcom24

Cena all'alba Cena all'alba

Cambiano i decreti legge, cambiano le abitudini. Se i ristoratori sono costretti a chiudere alle 18 - come da ultimo Dpcm varato dal governo Conte per contrastare l’ondata dei contagi da Coronavirus - in un ristorante di Verona, “Al Calmiere”, si è deciso di servire la "cena" alle 5.30 del mattino.

 

Cotechino e pearà all’alba – L’idea è nata da Piero Battistoni, proprietario di uno dei più storici ristoranti veronesi, nel quartiere di San Zeno, alle porte della città scaligera. Il menù proposto, al costo di 25 euro, rispecchia la cucina veronese: tortellini, carrello di bolliti, cotechino e pearà, salsa tipica a base di pangrattato e midollo.

 

Cena all'alba - il ristorante "Al Calmiere Cena all'alba - il ristorante "Al Calmiere

L’iniziativa della famiglia Battistoni - “Tutto è nato lunedì mattina, quando abbiamo letto dell’aperitivo organizzato a Venezia alle 5 di mattina”. A raccontare tutto è Martino, figlio di Piero, con cui, insieme al padre e alla famiglia gestisce il ristorante, attivo da più di 30 anni. “Ci siamo guardati – prosegue Martino - e poi ci siamo detti: anziché fare lo spritz, cuciniamo direttamente il bollito con la pearà, visto che questa è la tradizione della nostra città”.

 

covid cena covid cena

Prenotazioni al completo - A distanza di poco tempo dall’annuncio dell’evento sono piovute decine di prenotazioni: “Abbiamo pubblicato la locandina e nel giro di qualche ora eravamo già al completo per questo sabato (31 ottobre ndr). Così abbiamo deciso di replicare l’evento domenica, esaurendo tutti i posti disponibili” racconta il ristoratore.

 

ULTIMA CENA AI TEMPI DEI DPCM ULTIMA CENA AI TEMPI DEI DPCM

 Sveglia alle 4 e alcolici dalle 6 - “Ci alzeremo alle 4.00. Poi inizieremo a servire gli alcolici alle 6, come da normativa” spiega Martino, che insieme alla famiglia ha partecipato lo scorso mercoledì mattina alla manifestazione organizzata da FIPE Confcommercio nella città di Verona, ma non a quella serale, sfociata in scontri con le forze dell’ordine.

 

Un nuovo modo di lavorare - L’idea cerca di andare incontro alle nuove esigenze del ristorante. La chiusura alle 18, secondo decreto, penalizza fortemente questo tipo di attività, la cui clientela, prima dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni, era solita prenotare alla sera. Inoltre, già con le disposizioni della scorsa primavera, il ristorante ha dovuto ridurre i coperti: da un totale di 120 è passato a 65.

 

CENA COVID CORONAVIRUS CENA COVID CORONAVIRUS

Martino, però, insiste a precisare che la cena all’alba è un’iniziativa che non ha alcun intento provocatorio: “Non è una protesta, noi abbiamo voglia di lavorare e quindi dobbiamo trovare delle alternative. Più che una protesta si tratta di un diverso introito di cui il ristorante ha bisogno”. Alla domanda se la proposta avrà successo, Martino risponde: “Si replicherà sicuramente, salvo arrivi una chiusura totale secondo un nuovo dpcm”.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

SE UN UOMO TROMBA TANTE DONNE È UN DON GIOVANNI. E ALLORA PERCHÉ SE UNA DONNA FA SESSO CON TANTI UOMINI È UNA MIGNOTTA? - SE VI SEMBRA UN DOMANDA RETORICA, CHIEDETEVI PERCHÉ SENTIAMO ANCORA LA NECESSITA' DI PORSI IL PROBLEMA - PER ROMPERE LA LOGICA DEI DUE PESI E DUE MISURE IL REGISTA TEDDY ETIENNE HA REALIZZATO IL CORTO “DITES OUI”, IN GARA AL “MOBILE FILM FESTIVAL”: NELLE IMMAGINI UNA RAGAZZA È A LETTO CON DUE UOMINI, UN’ANZIANA È ABBRACCIATA A UN RAGAZZO E… - VIDEO

politica

LA PACCHIA E' FINITA, CONTE INGOIA IL PRIMO MAXI-ROSPO: ADDIO ALLA GESTIONE IN SOLITUDINE DEL RECOVERY FUND - CON LA LAMA SUL COLLO, “GIUSEPPI” VIENE COSTRETTO A UNA GESTIONE COLLEGIALE DEI FINANZIAMENTI UE: LA GESTIONE SARA' NELLE MANI DI UNA CABINA DI REGIA FORMATA DAL MES DI GUALTIERI, DAL MISE DI PATUANELLI E DA AMENDOLA: 2 DEL PD E UNO DEL M5S, CHE SCEGLIERANNO SEI MANAGER, POI COADIUVATI DA UNA TASK FORCE DI 300 PERSONE - IN ATTESA DI UNA PANDEMIA PIATTA E VACCINATA CHE PERMETTA DI LIQUIDARLO, IL PREMIER PER CASO VIENE "COMMISSARIATO" DAI PARTITI DI GOVERNO

business

cronache

sport

NEL NOME DI DIEGO: IL NAPOLI RIFILA QUATTRO PERE ALLA ROMA. LA DEDICA DI INSIGNE A MARADONA - PROVA DI FORZA DELLA SQUADRA DI GATTUSO CHE CON DEMME HA TROVATO SOSTANZA E EQUILIBRIO, "RINGHIO": "LA SQUADRA DA BATTERE E' L'INTER - LA CITTA' SOFFRE MOLTO PER LA PERDITA DI MARADONA MA IN GIRO C'E' TROPPA GENTE SENZA MASCHERINA..." - FONSECA AMMETTE: “LA ROMA NON HA FATTO NIENTE. LA ROMA NON HA AVUTO IL GIUSTO CORAGGIO PER AFFRONTARE IL NAPOLI” (I GIALLOROSSI HANNO RACCOLTO SOLO 2 PUNTI NELLE SFIDE CON JUVE, MILAN E NAPOLI)

cafonal

viaggi

salute