LE VOGLIONO CURARE UN TUMORE CON L’ASPIRINA: MUORE UNA DONNA DI 54 ANNI – L’INCREDIBILE RACCONTO DEL MARITO: “IN UNA SETTIMANA PER IL FORTE MAL DI TESTA SIAMO ANDATI TRE VOLTE AL PRONTO SOCCORSO. LE HANNO PRESCRITTO PARACETAMOLO E CI HANNO RIMANDATO A CASA. SONO DOVUTO ANDARE DAI CARABINIERI, PIANGEVO NEL RACCONTARE QUANTO STAVA ACCADENDO” – “DA VERBANIA L’ABBIAMO PORTATA AL SAN RAFFAELE DI MILANO, DOPO POCHE ORE AVEVAMO LA DIAGNOSI”.  NONOSTANTE LE CURE, NON CE L'HA FATTA...

Condividi questo articolo


Chiara Ammendola per www.fanpage.it

 

ALESSANDRA TADDEI ALESSANDRA TADDEI

È morta lo scorso 20 agosto Alessandra Taddei, uccisa da un tumore che non le ha lasciato scampo e che in un anno, nonostante le cure, l'ha strappata ai suoi famigliari, ai figli e al marito Francesco Costa. Anche lui professore, come la moglie, dopo un anno ha denunciato a gran voce una parte del cammino che Alessandra ha dovuto affrontare e iniziato prima di ricevere la diagnosi, quando la donna si è recata al pronto soccorso al Dea di Verbania a causa di forti emicranie. Sintomi di quello che si è scoperto poi essere un tumore ma che al tempo furono giudicati come dei semplici mal di testa e curati con del paracetamolo.

ALESSANDRA TADDEI 1 ALESSANDRA TADDEI 1

 

È stato necessario un mese e un viaggio in Lombardia per capire che quelle emicranie erano in realtà il biglietto da visita di un male poi risultato incurabile, ma a distanza di un anno il grido di dolore del professor Costa che ha detto addio alla moglie pochi giorni fa è forte e deciso: “So che mia moglie non si sarebbe salvata – spiega l'uomo in un'intervista rilasciata a La Stampa – ma almeno non avrebbe sofferto quei giorni in più finché siamo dovuti andare in Lombardia”.

 

La storia di Alessandra Taddei, 54 anni, insegnante alle scuole medie di Verbania inizia infatti il 13 settembre con un primo accesso in pronto soccorso a causa proprio di un forte mal di testa che non sembrava passare, era il primo giorno di scuola: “Quella notte alle 3,07 andammo in pronto soccorso. Fu dimessa alle 4,44 – racconta il marito – anamnesi: cefalea senz’aura, presente da anni e acutizzatasi questa notte. Prescrissero delle gocce e paracetamolo”.

 

ospedale san raffaele ospedale san raffaele

Poi altri due episodi simili, uno il pomeriggio del giorno dopo quando a causa della persistente emicrania decidono di chiamare un'ambulanza e un altro il 21 settembre: nel primo caso le dimissioni con anamnesi “crisi cefalgica in paziente affetta da emicrania" con aggiunta di paracetamolo 1000 al bisogno, nel secondo caso invece le dimissioni arrivarono solo due ore dopo.

 

“Era la terza volta che tornavamo così chiesi di approfondire con esami diagnostici – continua l'uomo – loro rimandarono al 25 settembre, quando già avevamo appuntamento per una risonanza magnetica dopo esserci rivolti a un neurologo. Così ho deciso di andare dai carabinieri a Intra che mi hanno ascoltato, quasi piangevo nel raccontare quanto stava succedendo”.

 

SAN RAFFAELE SAN RAFFAELE

Nonostante la richiesta di parlare con un medico il signor Costa non fu ascoltato, da qui la decisione di rivolgersi nuovamente ai carabinieri prima di partire, il giorno dopo, alla volta di Milano, su consiglio di una parente, viste le condizioni sempre più precarie della donna: “L’abbiamo portata al San Raffaele di Milano – spiega il marito – è entrata in codice arancione, alle 13. Le hanno fatto esami e Tac, alle 18 il medico mi ha spiegato che avevano trovato una massa voluminosa che premeva contro il cervello. Era il tumore”.

 

radioterapia 7 radioterapia 7

Nei giorni successivi la prof 54enne è stata sottoposta a un'operazione alla quale hanno fatto seguito le radioterapie, purtroppo però il tumore è tornato. Alessandra Taddei ha combattuto un anno ma purtroppo lo scorso 20 agosto la sua battaglia è terminata: “Mi chiedo perché nessuno, vedendo che era un caso sospetto, non abbia mandato mia moglie a Domodossola o Novara dove c’è la neurologia, so che mia moglie non si sarebbe salvata ma almeno non avrebbe sofferto quei giorni in più finché siamo dovuti andare in Lombardia”.

radioterapia 4 radioterapia 4 radioterapia 3 radioterapia 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

DAGO-RETROSCENA: COME BENIGNI E SERGIO MATTARELLA HANNO "CONCORDATO" L'INTERVENTO SULLA COSTITUZIONE DEL COMICO A SANREMO – QUANDO È STATO INVITATO DA AMADEUS, ROBERTACCIO HA CONTATTATO L’ENTOURAGE DEL QUIRINALE PER INFORMARE IL COLLE (I RAPPORTI PERSONALI TRA BENIGNI E MATTARELLA SONO OTTIMI) - A QUEL PUNTO FUORTES HA COLTO LA PALLA AL BALZO E HA INVITATO IL CAPO DELLO STATO – IL COMICO HA "INTERPRETATO" MOLTO BENE LE INQUIETUDINI QUIRINALIZIE SUL PRESIDENZIALISMO TANTO CARO ALLA MELONI - LA LEZIONE PER VESPA E LA CRISI DIPLOMATICA SFIORATA CON ZELENSKY  

politica

DAGONEWS! - GIORGIA MELONI DOMANI PARTIRÀ ALLA VOLTA DI BRUXELLES PER IL CONSIGLIO EUROPEO, A CUI PARTECIPERÀ ANCHE ZELENSKY - GIORGIA SI RITROVERA' IN POSIZIONE ISOLATA AL TAVOLO DELLE TRATTATIVE, DOVE A CAPOTAVOLA CI SONO MACRON E SCHOLZ, E HA CERCATO UNA SPONDA NEL PREMIER SPAGNOLO SANCHEZ CHE HA RISPOSTO CON FREDDEZZA: NON HA DIMENTICATO L’INTERVENTO DELLA PREMIER ALL’EVENTO ELETTORALE DELL’ULTRADESTRA DI VOX - DAI MIGRANTI ALL'HUB DEL GAS, PASSANDO PER IL FONDO SOVRANO, I TEMI CALDI SU CUI GIORGIA FINIRA' IMPANATA E FRITTA...

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute