1. LA 'VIA TRUCIS' DI GIUSEPPE CONTE: HA DAVANTI TRE STAZIONI PRIMA DI ESSERE CROCIFISSO
2. LA PRIMA: CONTE ACCETTA TUTTE LE RICHIESTE DI ITALIA VIVA. SE A RENZI È SUFFICIENTE LO SCALPO TINTO, IL CONTE BIS PROSEGUE IL SUO CAMMINO MA CON UN PREMIER DEBOLISSIMO
3. LA SECONDA: RENZI NON SI ACCONTENTA DELLA SCONFITTA TOTALE DI CONTE SUL RECOVERY-SERVIZI-MES E TOGLIE LA FIDUCIA. A QUESTO PUNTO VA IN SCENA IL CONTE TER CON RIMPASTONE DI NUOVI MINISTRI. E CONTE TORNEREBBE A FARE IL PASSACARTE COME AI TEMPI SALVINI-DI MAIO
4. LA TERZA: SE CONTE NON ACCETTA LA DISFATTA, C’È UN NUOVO GOVERNO ‘ISTITUZIONALE’ BY MATTARELLA, CON MARTA CARTABIA PREMIER E MARIO DRAGHI SUPERMINISTRO DELL’ECONOMIA

Condividi questo articolo


conte franceschini conte franceschini

DAGOREPORT

 

A che è punto è la notte della Repubblica? Oggi sono continuate le trattative di Franceschini per trovare una quadra tra Conte e Renzi. Intanto il premier, ormai privo dell’appoggio di Mattarella, cerca di sbrogliare la matassa del destino con Casalino e Goracci e qualche telefonata a Travaglio. Al momento, la situazione è questa:

 

GIUSEPPE CONTE MATTEO RENZI - BY GIANBOY GIUSEPPE CONTE MATTEO RENZI - BY GIANBOY

Prima soluzione – Avete ragione voi! Giuseppe Conte sgonfia l’autoegolatria, ritorna con i piedini per terra e accetta tutte le richieste di Italia Viva: vengono ribaltati e riscritti i progetti di Conte riguardanti il Recovery Fund, quindi il premier abbassa le mutandine e cede l’autorità delegata dei servizi, infine china il capino tinto sul Mes sanitario. A questo punto il coltello dalla parte del manico ce l’ha Renzi. Se gli è sufficiente lo scalpo asfaltato dell’Avvocato di Casalino, il Conte bis prosegue il suo cammino con un premier debolissimo, alla mercé di Zinga e Di Maio e Renzi.

ANDREA ORLANDO NICOLA ZINGARETTI ANDREA ORLANDO NICOLA ZINGARETTI

 

Seconda soluzione - Il senatore di Scandicci non si accontenta della sconfitta totale di Conte sul Recovery-Servizi-Mes, alza l’asticella e toglie la fiducia al governo. A questo punto scatta l’ipotesi di un Conte ter con rimpastone. Quella che in gergo si chiama “crisi pilotata”: il premier va da Mattarella e si dimette, dopodiché subito parte un nuovo esecutivo che deve far posto a nuovi ingombranti ministri (del tipo, Rosato e Orlando) o magari due vice-premier (Orlando e Di Maio), e Conte bis tornerebbe alla casella del Conte uno, quando faceva da passacarte tra Salvini e Di Maio.

di maio zingaretti conte di maio zingaretti conte

 

Terza soluzione – Se Conte non accetta la disfatta o magari Renzi-Zinga-Di Maio ne hanno le palle piene dei suoi sotterfugi da avvocato di provincia, allora c’è subito un nuovo governo benedetto da Mattarella: a circolare con insistenza nelle ultime ore è l’ipotesi di un governo a guida Marta Cartabia.

cartabia mattarella cartabia mattarella

 

La presidente emerita della Corte costituzionale diventerebbe presidente del Consiglio (prima donna nella storia della Repubblica) di un esecutivo ‘istituzionale’, credibile agli occhi dell’Europa perché Mario Draghi andrebbe a ricoprire il ruolo di superministro dell’economia. Nel deprecabile caso che non fosse disponibile l’ex governatore della Bce, al suo posto si fa anche il nome dell’economista Fabio Panetta, membro italiano dell’esecutivo Bce.

Mattarella Draghi Mattarella Draghi fabio panetta 10 fabio panetta 10

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – CHI SOGNA IL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA? DI CERTO NETANYAHU ED EMIRATI ARABI UNITI, MA TRA LE VEDOVELLE DI “THE DONALD” NON C’È PUTIN. “MAD VLAD” PREFERISCE IL PREVEDIBILE NEMICO BIDEN A QUEL MATTACCHIONE INAFFIDABILE DEL TYCOON (CHE GIUSTO IERI HA INVOCATO LE BOMBE AMERICANE SU MOSCA). UNA DIFFIDENZA POTENZIALMENTE UTILE A “SLEEPY JOE”: IL CREMLINO POTREBBE “CONCEDERGLI” LA PACE IN UCRAINA PER EVITARE IL RITORNO DI TRUMP – E LA MELONI? TIENE IL PIEDE IN DUE STAFFE: MANDA I SUOI ALLA CONVENTION CPAC, MA SI FA DARE I BACETTI DA BIDEN…

FLASH! - FIAMME GIALLE IN FIAMME: AVVISATE ANDREA DE GENNARO CHE IL GENERALE FRANCESCO GRECO NON GRADISCE PER NIENTE L'EVENTUALE INCARICO AL COMANDO AERO-NAVALE; SI ILLUDEVA DI ANDARE AL COMANDO INTERREGIONALE DI ROMA - AVVISATE MANTOVANO CHE L'EX DIRETTORE DELL'AISE LUCIANO CARTA, FINITO PRIMA A LEONARDO, POI BOCCIATO DA TIM COME UOMO DI VIVENDI, ORA ALL'AGENZIA DI STAMPA LA PRESSE, NON HA PERSO LA SPERANZA DI OCCUPARE LA PRESIDENZA DI UNA AZIENDA PUBBLICA. E HA RIPRESO A INCONTRARE I SUOI VECCHI AMICI (CARAVELLI & C.)

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...