ACCATTONE O RICATTONE? - SERGIO DE GREGORIO MINACCIA BERLUSCONI: “SE NON CANDIDA UNO DEI MIEI LO PORTO IN TRIBUNALE” - “ANDRÒ DAI MAGISTRATI DI NAPOLI PER RACCONTARE SOPRATTUTTO LA CADUTA DEL GOVERNO PRODI” - “LAVITOLA SI E’ ARRICCHITO ALLA TAVOLA DEGLI APPALTI PUBBLICI” - “C'È UN ACCORDO SCRITTO PER LA MIA RICANDIDATURA E DI UN ALTRO DEL MIO MOVIMENTO” - “GLI USA RIVOLEVANO BERLUSCONI AL POSTO DI PRODI…”

Condividi questo articolo

da Radio 24
"Berlusconi deve chiedere scusa a tutti quelli che hanno lottato contro il governo Prodi mentre lui consentiva a gente come Lavitola di arricchirsi alla tavola degli appalti pubblici e si distraeva dalle sue funzioni di governo, e voi sapete come...". Sergio De Gregorio, senatore del Pdl, a La Zanzara su Radio 24, attacca Silvio Berlusconi annunciando di non volersi più ricandidare.

SERGIO DE GREGORIOSERGIO DE GREGORIO

Come fa a dire che Lavitola si è arricchito grazie a Berlusconi, chiedono i conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo? "Non sono stato io - dice - a vendere carroarmati e motonavi". Poi ricorda un vecchio accordo siglato col Pdl e con Berlusconi: "C'è un accordo scritto per la mia ricandidatura e di un altro del mio movimento. Io non voglio nulla, ma Berlusconi deve garantire la candidatura di uno de miei giovani di 'Italiani nel mondo', altrimenti lo porto in tribunale. Gli accordi si rispettano".

SERGIO DE GREGORIO MIMA LE MANETTE A PORTA A PORTASERGIO DE GREGORIO MIMA LE MANETTE A PORTA A PORTA

"Prima di uscire dal Parlamento - annuncia - andrò dai magistrati di Napoli per raccontare tutta la mia storia, soprattutto la caduta del governo Prodi." Politici comprati? "No, ma quando ero presidente della commissione Difesa col governo Prodi ero convocato tutti i giorni dall'ambasciatore americano a Roma, qualche volta veniva anche lui a casa mia. Lui era preoccupatissimo, voleva che Berlusconi tornasse al suo posto. Perchè il governo Prodi, pieno di antimilitaristi, secondo lui metteva in discussione la rete di sicurezza e difesa europea. Erano preoccupati per la base di Vicenza, per i radar di Niscemi. E quando Berlusconi lanciò l'operazione libertà per sostituire Prodi, loro erano molto interessati...diciamo che facevano il tifo per noi, ecco. Volevano che Berlusconi vincesse".

SILVIO BERLUSCONI jpegSILVIO BERLUSCONI jpeg

2) "VITALIZIO? POCHI EURO. CON LA POLITICA MI SONO IMPOVERITO, SONO PIENO DI DEBITI E INSEGUITO DAI CREDITORI". "DI PIETRO? MI CORTEGGIO' MA IO AVEVO BERLUSCONI NEL CUORE".
"Forse non avrei dovuto cambiare mestiere. Con la politica mi sono rovinato. Da quel momento mi sono impoverito, sono pieno di debiti, in banca non ho una lira e sono inseguito dai creditori". Lo dice Sergio De Gregorio. "Il vitalizio? Saranno poche lire - dice De Gregorio, che ha deciso di non ricandidarsi - ho fatto sette anni di legislatura. E comunque ho 52 anni e mi tocca ancora sgobbare prima di prendere la pensione".

Silvio BerlusconiSilvio Berlusconi

Poi ricorda la candidatura con l'Italia dei Valori nel 2006: "Di Pietro mi fece un grande corteggiamento. Mi candidai con lui per dimostrare a Berlusconi, che era sempre nel mio cuore e la fissa era sempre quella, che esistevo e i miei 35mila voti in Campania gli fecero perdere le elezioni. Poi gli dissi che era circondato da cretini che non capivano quanto uno poteva valere".

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

AVERE LA FACCIA COME IL CONTE CASALINO - A FURIA DI SENTIRLO RIPETERE A RETI ED EDICOLE UNIFICATE CHE “LA DELEGA AI SERVIZI È RESPONSABILITÀ DEL PREMIER”, PENSAVAMO CHE IL CAZZARO CON LA POCHETTE, MAI E POI MAI AVREBBE CEDUTO ALLA RICHIESTA DI RENZI E PD DI MOLLARE LA DELEGA. INVECE OGGI SIAMO A BENASSI – UN BEL “MA MI FACCIA IL PIACERE!’’ SE LO MERITA ANCHE TRAVAGLIO: "QUELLA SUI SERVIZI È STATA L’ENNESIMA TEMPESTA NEL BICCHIERE D’ACQUA, UN’ALTRA SCUSA DEI RENZIANI" - PAZIENZA, RAGAZZI, DÀI: PENSAVATE FOSSE UNA PASSEGGIATA, INVECE ERA UNA VIA TRUCIS

SE VOLETE CAPIRE L’ASTIO DI RENZI PER CONTE, BISOGNA FARE UN SALTO NEL TEMPO, AL PRIMO PRANZO TRA I DUE. A META’ DEL 2013, AL RISTORANTE “SANLORENZO”, SI RITROVARONO A TAVOLA RENZI, BOSCHI, CONTE E GUIDO ALPA - ERA LA FASE D’ORO DEL “ROTTAMATORE” E TUTTI VOLEVANO CONOSCERLO, COMPRESO ALPA, CHE A MAGGIO 2014 VIENE NOMINATO CONSIGLIERE DI LEONARDO-FINMECCANICA - ANNI DOPO, RENZI AVREBBE CHIESTO PIÙ VOLTE ALLA BOSCHI DI VEDERE I MESSAGGINI SCAMBIATI CON CONTE, QUANDO ERA SOLO UN PROFESSORE DI DIRITTO. MATTEUCCIO SPERAVA FORSE DI TROVARE IN QUEGLI SMS UNA TRACCIA DI QUALCHE…

“LA RIFORMA PIÙ URGENTE DEL PAESE È QUELLA RELATIVA ALLA RIAPERTURA DEI MANICOMI” - VINCENZO DE LUCA PUNTA IL LANCIAFIAMME  SU PALAZZO MADAMA: “AL SENATO C’ERANO DEI SALTIMBANCHI, DEGLI ACROBATI, DUE GIOVANOTTI CHE SONO ANDATI A FARSI UN GIRO PER ROMA E POI SONO TORNATI A VOTARE ALLO SCADERE DEI TERMINI. LA PRESIDENTE CASELLATI HA DICHIARATO CHIUSE LE VOTAZIONI, POI SOCCHIUSE, POI RIAPERTE. UNO SPETTACOLO MERAVIGLIOSO, SE CI CONFRONTIAMO CON IL CIRQUE DU SOLEIL SIAMO VINCITORI”

POETESSA DEI MIEI STIVALI (FIRMATI) – PERCHÉ HANNO CHIAMATO AMANDA GORMAN ALL’INAUGURAZIONE DI BIDEN? PERCHÉ HA IL CAPPOTTO PRADA, È GIOVANE, BELLA, NERA, FEMMINISTA, FORSE NON ETEROSESSUALE, RAZZISTA AL CONTRARIO E SCRIVE DA CANI? NON ERA PIÙ DEMOCRAT ESTRARRE A SORTE UNA SCOLARA PER LEGGERE UNA POESIA (TANTO UNO VALE UNO)? – PER NATALIA ASPESI, IL FATTO CHE GORMAN SIA “IMPROVVISAMENTE PASSATA DA CENTOMILA A UN MILIONE DI FOLLOWER” NON TESTIMONIA L’IGNORANZA E IL CONFORMISMO DEI SOCIAL BENSÌ “LA FAME DI CULTURA” - VIDEO + GALLERY MODAIOLA DELLE SUE STORIES